Scarica

Distanza

11,22 km

Dislivello positivo

83 m

Difficoltà tecnica

Molto difficile

Dislivello negativo

61 m

Altitudine massima

41 m

Trailrank

8

Altitudine minima

0 m

Tipo di percorso

Solo andata

Coordinate

1151

Caricato

24 maggio 2021

Registrato

maggio 2021
Lascia il primo applauso
Condividi
-
-
41 m
0 m
11,22 km

Visualizzato 38 volte, scaricato 1 volte

vicino a Macari, Sicilia (Italia)

Waypoint

R.N.O. Monte Cofano

La Riserva Naturale Orientata "Monte cofano" è stata istituita nel 1997 con lo scopo di proteggere l’interesse geomorfologico e floristico del Monte.
Al suo interno si contano oltre 300 specie di piante di cui molte di esse rarissime.
Prende il nome dall'ononimo monte alto 659 m s.l.m.
Waypoint

Arrivo

Waypoint

Cappella del Crocifisso

La cappella votiva è posta a 50 m s.l.m quasi a strapiombo sul mare con soffitto a volta a botte in conci in tufo e pietrame, presenta all’interno un piccolo altare provvisto di una piccola grata in ferro che custodisce il crocefisso.
La leggenda a proposito di questo crocefisso vuole che un gruppo di pastori notò un crocefisso di ferro che galleggiava in mare, per questo fatto si gridò al miracolo e fu costruita in quel luogo la cappella, luogo anche oggi di un tradizionale pellegrinaggio ogni ultimo venerdì di marzo.
Waypoint

Grotta del Crocifisso

Grotta utilizzata in epoca preistorica come dimostrano i reperti e i resti di animali del paleolitico superiore e del mesolitico ritrovati al suo interno ed oggi conservati al museo preistorico di Torre di Ligny a Trapani.
Waypoint

Bunker

Il bunker costruito durante il secondo conflitto mondiale permetteva la difesa della costa.
Waypoint

Macari

Frazione di San Vito Lo Capo, che dà il nome al golfo stesso, costituita da un borgo marinaro, distante circa 4 km dal capoluogo comunale, conta circa 450 abitanti.
Waypoint

Fico d'india

Il fico d’India, Opuntia ficus-indica (originario nome botanico), considerato uno dei simboli della Sicilia è in realtà proveniente dal Messico, importato nel Vecchio Continente dagli spagnoli (anche se qualcuno sostiene però che ancora prima, nell’827 d.C., i Saraceni portarono la pianta in Sicilia quando sbarcarono a Mazara). E’ una pianta infestante, resistentissima, e che si adatta a tutte le condizioni climatiche, a patto però che la temperatura non scenda al di sotto dei 6 gradi centigradi. Può raggiungere i 5 metri di altezza e vivere fino a 50 anni; nel mondo ne esistono circa 200 varietà.
Waypoint

Pozze di Venere

Le pozze di Venere sono piccole insenature circolari sul lastricato naturale della costa. una leggenda vuole che siano proprio le lacrime della dea della bellezza ad avere dato origine e forma a queste strutture. Anticamente, vi era un’usanza rituale per cui le giovani spose, prima del matrimonio, dovevano fare un bagno propiziatorio in queste stesse pozze piene d’acqua marina per ingraziarsi la dea ed ottenere dal fato una lunga vita prospera di figli.
Waypoint

Baia Santa Margherita

Waypoint

Calcara

Antica cavità scavata nella roccia che serviva per “cuocere” il calcare e ricavare la calce.
Waypoint

Torre del Tono

Torre Tono risalente agli inizi del XVI secolo, unica in Sicilia per la sua pianta a forma stellare e quadrata.
Le torri costiere della Sicilia costituivano il sistema difensivo, di avvistamento e di comunicazione lungo la fascia costiera del Regno di Sicilia.
Furono costruite per arginare le frequenti incursioni dei corsari barbareschi.
Da ogni torre era possibile scrutare il mare e vedere la successiva, con la possibilità di inviare segnali luminosi e di fumo per trasmettere un messaggio o richiedere soccorso
Annessa alla torre vi sono i resti di una tonnara.
Waypoint

Trattoir a vermeti

Il marciapiedi a vermeti o trottoir a vermeti è una piattaforma solida che si espande verso il mare e che è il prodotto della cementificazione dei gusci di due specie di mollusco (Dendropoma petraeum e Vermetus triquetrus).
Questa biostruttura costiera è per molti versi molto simile a quella delle barriere coralline.
Waypoint

Isolidda

Waypoint

Partenza

Waypoint

Spiaggia del bue marino

Waypoint

Deviazione

All'andata svoltare a destra e percorrere il sentiero sulla spiaggia. Al ritorno svoltare a sinistra su strada asfaltata.
Waypoint

Bivio

All'andata, svoltare a sinistra. Al ritorno svoltare a destra sulla spiaggia.
Waypoint

Bivio

All'andata svoltare a destra sul sentiero fuori strada. Al ritorno svoltare a sinistra sulla strada asfaltata.
Waypoint

Incrocio

Proseguire dritto sulla costa sia in andata che in ritorno.
Waypoint

Bivio

All'andata tenere la destra. Al ritorno tenere la sinistra.
Waypoint

Punto Informazioni RNO Monte Cofano

Waypoint

Edicola votiva di San Nicola e Passo della Zita

Datata 1750 è in marmo e raffigura San Nicola Vescovo di Bari con un vascello e tre fanciulli.
Waypoint

Passo della Zita

Il passo è così chiamato per via di una leggenda che narra di una coppia di giovani che stava recendosi a Erice per sposarsi, quando una frana fece precipitare in mare la ragazza che morì. Si dice che ancora oggi, durante le notti di pioggia, si possa sentire il lamento dell’anima dell’inconsolabile sposa. Alcuni pescatori dicono addirittura di aver visto, in questo tratto di mare, un pezzo di bianco velo galleggiare tra le onde... provate anche voi a vederlo fluttuare tra le foglie di Posidonia nelle limpide acque sottostanti.
Waypoint

Torre Isolidda

Waypoint

Camping Village El-Bahira

Commenti

    Puoi o a questo percorso