Tempo  11 ore 2 minuti

Coordinate 1457

Caricato 13 maggio 2019

Recorded aprile 2019

-
-
1.048 m
199 m
0
3,1
6,1
12,25 km

Visto 144 volte, scaricato 9 volte

vicino Dorgali, Sardegna (Italia)

Escursione impegnativa con diversi passaggi esposti e che richiede tempo, capacità di orientamento e lettura del terreno, in quanto occorre individuare alcuni passaggi obbligati senza poter fare totale affidamento sulla presenza di ometti o sulla traccia del gps, che risente degli errori indotti dalle pareti. Seppur in maniera discontinua lungo il percorso si trovano frequenti ometti. Per la descrizione completa del percorso rimando al libro "Iscalas e Pizos" di Sebastiano Cappai, mi limito a descrivere 2 passaggi obbligati il cui reperimento ci ha fatto perdere molto tempo. Il 1° passaggio obbligato si trova svoltando immediatamente a Dx dopo la placca appoggiata e fessurata che segue il colatoio sovrastato dalla grande parete rossa, non fatevi ingannare (come è successo a noi...) dal sistema di cengie che segue la placca. Al 2° passaggio, contraddistinto da un corto tronco di ginepro (wp 22) posto sopra di uno spigolo, si giunge dopo aver superato la parete con la corda fissa ed aver proseguito in traverso (inizialmente molto esposto) fino al wp 21 dove, dopo un passaggio esposto, si cambia direzione verso N fino allo spigolo che si risale più facilmente dal suo lato N aggirandone la base. Successivamente diversi ometti aiutano a trovare i passaggi più agevoli sotto le creste di punta Iscopargiu. Nell'ultimo tratto, avendo perso di vista gli ometti, abbiamo forzato l'uscita sulle creste su cui magari si può invece salire con un passaggio più facile. Siamo scesi dal monte Oddeu tramite S' Iscala 'e Sos Udulos. ACCESSO: dal ponta sa Barva (sa Abba Arva) seguire la strada di Sx fino al cancello del cantiere forestale che si scavalca sulla Sx. Dopo la casermetta seguire la strada bianca principale fino al wp 15, da quì procedere dentro il bosco in direzione W-NW fino alla grande pietraia, seguendo vaghe tracce e qualche ometto.
Salire a Dx per Iscala 'e s' Homine
Pietraia
Attacco Ishala 'e S' Homine. Esistono almeno altri 2 attacchi alternativi, uno a Dx e l'altro a Sx, di cui abbiamo visto le tracce più in alto e, rispettivamente, ai wp 18 e 19
Ometto con traccia più battuta proveniente da E
ometto con traccia battuta segnata da fila di ometti e proveniente da N
passaggio obbligato su un tronco nascosto a Dx subito dopo una placca appoggiata e fessurata. Andando dritti verso S si passa su un sistema di cengie che portano fuori strada
passaggio esposto prima dello spigolo
passaggio obbligato segnalato da 2 tronchi (dei quali se ne intravede appena uno dal basso). Risulta sopra uno spigolo sopra cui si sale da S, oppure più facilmente da N dopo averne aggirato la base
1° tratto protetto con cavo e tronchi scendendo S' Iscala 'e Sos Udulos
2° tratto protetto con cavo e tronchi scendendo S' Iscala 'e Sos Udulos
scendere a Sx, andando dritti (S) è una variante più comoda in salita
rudere dispensa
fine del sentiero ed inizio della carrareccia che scende fino al cancello del cantiere
cantiere ente foreste, parcheggio auto, si continua in sterrato fino a 029
casermetta dell'Agenzia Forestas
forcella sull'Oddeu che immette all' Iscala sos Udulos
scendendo nel pozzo inizia un percorso alternativo, e più complesso, per riscendere ad Oddoene

5 commenti

  • skipper51 16-lug-2019

    Ciao, ho fatto lo stesso percorso il 7 Aprile del 2018 e devo dire che è davvero molto impegnativo. Avevo intenzione di metterlo su Wikiloc ma poi ho desistito perchè ho avuto timore che magari ci andasse qualcuno non molto esperto e non cosciente di affrontare passaggi non adatti alle sue capacità.Ti vorrei chiedere: la corda fissa è sempre la stessa? E' descritta anche nel libro di Cappai, quindi credo che abbia almeno7-8 anni. Sinceramente a me non dava tanta fiducia (sentivo che scricchiolava arrampicandomi) e mi ero ripromesso, nel caso fossi tornato con gente esperta, di sostituirla. Uno di quelli che era con me mi aveva detto che si poteva fare tranquillamente in libera, senza corda: però lui tempo addietro si dedicava ad arrampicare! Anche noi nell'ultimo tratto abbiamo perso di vista gli ometti (e mi viene il sospetto che gli ometti non ci siano più proprio) e siamo saliti sulle creste quasi arrampicando. La discesa da Sos Udolos benchè un pò impressionante non dà problemi a patto di avere un imbrago con longe.

  • Foto di stefpeddis

    stefpeddis 16-lug-2019

    Anche io mi sono posto lo stesso problema infatti alcuni percorsi che ritengo più pericolosi non li ho pubblicati. D'altra parte mi fa piacere quando qualcuno pubblica itinerari complessi e di difficile reperimento, quindi in linea di massima pubblico e nelle note chiarisco la difficoltà (vedi per esempio l'itinerario di iscala 'e s' olidone) quindi chi ripercorre è stato messo in guardia e si assume perciò la responsabilità di affrontare, o meno, un itinerario alla sua portata. Se non sbaglio la corda non era malaccio, dovrei rivedere le foto, per quanto riguarda salire senza corda fissa con gli scarponi io non ci riuscirei, con le scarpette d'arrampicata sì magari rimanendo più a destra .
    Sotto le creste credo che gli ometti ci siano tutti, li abbiamo solo persi di vista.

  • skipper51 17-lug-2019

    Dall'unica foto in cui si vede la corda, mi sembra la stessa dell'anno scorso, ma non ne sono sicuro. Mi hai incuriosito e ora darò un'occhiata a s'iscala 'e s'olidone....

  • Foto di stefpeddis

    stefpeddis 17-lug-2019

    Credo che il gruppo di Cappai abbia fatto dei recenti lavori di ripristino a iscala 'e s' olidone, occhio c'è una sezione molto molto esposta noi non abbiamo usato la corda ma è comunque meglio averla con sé. Anche il ghiaione iniziale è impegnativo in quanto, essendo molto lungo e ripido, si rischia di scaricare sassi sui compagni sottostanti

  • skipper51 17-lug-2019

    Ok, presterò attenzione. Grazie

You can or this trail