Tempo in movimento  3 ore 47 minuti

Tempo  5 ore 35 minuti

Coordinate 1552

Caricato 19 gennaio 2020

Recorded gennaio 2020

  • Rating

     
  • Information

     
  • Easy to follow

     
  • Scenery

     
-
-
898 m
182 m
0
2,1
4,1
8,24 km

Visto 38 volte, scaricato 3 volte

vicino Domusnovas, Sardegna (Italia)

Lasciate le macchine nel parcheggio antistante l'ingresso lato sud della grotta di San Giovanni abbiamo attraversato il ponticello lungo il torrente e abbiamo iniziato a salire lungo la nostra destra fino al raggiungimento di un recinto al cui interno sono presenti mangiatoie, probabilmente per i cervi. Costeggiato il recinto si trova un cancello, lo abbiamo oltrepassato e abbiamo iniziato a salire lungo una larga mulattiera interna alla macchia mediterranea, giunti presso un vecchio rudere dove è visibile un omino di segnalazione il percorso piega sulla sinistra, sempre in salita, dopo diverse centinaia di metri la mulattiera costeggia il fianco del monte e si apre sul panorama sottostante fino ad incontrare una strada sterrata facilmente percorribile, che si snoda lungo il lato ovest del monte, lo sguardo può spaziare lungo tutta la pianura sottostante. Lungo la salita sulla destra è visibile ed accessibile una galleria molto ampia, facilmente percorribile ma con una torcia, all'interno si possono ammirare delle cavità dove sono visibili delle stalattiti anzi meglio , vere e proprie colonne. Purtroppo all'interno abbiamo anche trovato le tracce dell'inciviltà umana, fra cui una carcassa d'auto incendiata!! Proseguendo la salita si incontra un'altra galleria, il sentiero prosegue sulla destra dopo diversi tornanti si incontra un traliccio dell'energia elettrica, ora il sentiero non più agevole si snoda seguendo la recinzione metallica posta a delimitare i due versanti, lungo il primo tratto di salita è necessario aiutarsi con le mani, si trovano diversi omini di segnalazione non sempre facilmente distinguibili, poi inizia una mulattiera molto suggestiva, a tratti all'interno della macchia mediterranea a tratti affacciandosi sul paesaggio circostante, dall'alto se il cielo è terso è visibile il mare, la mulattiera prosegue lungo diversi tornanti, l'ultimo tratto prima di incontrare la strada sterrata non è ben distinguibile, ma seguendo la traccia si sale senza perdersi. Incontrata la strada si sale sulla destra per circa 200 metri e si arriva in cima dove sono presenti diverse antenne e ripetitori. Ci siamo fermati per la pausa pranzo in cima, all'interno del bosco adiacente dove sono presenti delle panche ed è possibile accendere un fuoco. Dopo la sosta, proseguendo alla nostra destra abbiamo iniziato la discesa un breve sentiero fino ad incontrare una pietraia/fascia tagliafuoco. Per diverse centinaia di metri si scende con attenzione lungo la fascia tagliafuoco non proprio agevole fino ad incontrare un sentiero delimitato alla destra da un cancello, il nostro cammino prosegue lungo la sinistra lungo un bel sentiero, giunti su questo versante, il panorama si trasforma e si possono ammirare tutte le montagne circostanti. In questo punto si interrompe la registrazione, causa esaurimento della batteria del telefono ma il proseguo è più facile sia in termini di percorrenza che di orientamento. La parte più faticosa del nostro percorso ad anello è terminata, si continua a scendere fino a giungere ad un bivio, noi abbiamo svoltato a destra lungo il sentiero delimitato dal segnale bianco e rosso, è visibile il numero323, il sentiero scende in parte all'interno del bosco, lungo la discesa si incontrano tante cavità, in parte caratteristiche della conformazione del territorio in parte frutto del lavoro dell'uomo. Scendendo si giunge ad un trivio, noi abbiamo proseguito lungo la destra, sempre sul sentiero 323, che prosegue lungo un tratto in cui anticamente correvano i binari, ora non più visibili, fino ad incontrare un vecchio rudere dove è segnalata a 280 mt la galleria Rolfo, il sentiero esce dal bosco e sul lato sinistro in basso è visibile, l'ingresso della grotta di San Giovanni, sono visibili le bellissime pareti del costone di fronte dove spesso si vedono scalatori in corda. Si percorre la galleria, circa 50 metri, meglio con una torcia. Il sentiero continua fino ad incontrare un incrocio, dove cinque metri più in basso sulla sinistra è visibile una dettagliata segnaletica. Da qui abbiamo proseguito lungo la sinistra, per raggiungere l'ingresso della grotta lato nord. Dopo circa 20 minuti di discesa, si incontra la strada asfaltata, continuando sulla destra si arriva all'ingresso della Grotta di San Giovanni, che abbiamo percorso fino all'altra uscita dove abbiamo raggiunto le macchine. Non ho terminato la traccia ma i km totali sono 12.50. Percorso molto bello e caratteristico, faticoso nella prima parte, lo consiglio e lo rifarò!!
fotografia

Partenza

fotografia

Inizio sentiero lungo il recinto

fotografia

Primo cancello

fotografia

La mulattiera che sale

fotografia

Il primo rudere

fotografia

Primo panorama

fotografia

Foto

fotografia

Inizio della strada sterrata

fotografia

Strada

fotografia

Foto

fotografia

La prima galleria

fotografia

Seconda galleria

fotografia

Foto

fotografia

Inizio percorso meno agevole

fotografia

Foto

fotografia

Inizio mulattiera versante ovest

fotografia

Foto

fotografia

La strada sterrata verso le antenne

fotografia

Le antenne

fotografia

Foto

fotografia

Il bivacco

fotografia

Foto

fotografia

Discesa lungo la fascia tagliafuoco

fotografia

Foto

fotografia

Foto

fotografia

Il cancello -seguiamo in sentiero a sinistra

2 commenti

You can or this trail