Tempo  2 ore 59 minuti

Coordinate 922

Caricato 23 ottobre 2018

Recorded ottobre 2018

  • Rating

     
  • Information

     
  • Easy to follow

     
  • Scenery

     
-
-
289 m
163 m
0
2,6
5,1
10,28 km

Visto 198 volte, scaricato 9 volte

vicino Casorzo, Piemonte (Italia)

DALL’ IPPOCASTANO PLURISECOLARE AL BIALBERO(CASORZO)(sentiero del Malvasia)


INTRODUZIONE

Nella parte più alta di Casorzo c’è un ampio piazzale dove è situata la chiesa parrocchiale settecentesca di San Vincenzo(costruita su disegno del Magnocavallo)edificata sul sito dell’antico castello ormai scomparso.
Sullo stesso piazzale si può ammirare un maestoso ippocastano plurisecolare(uno degli alberi monumentali piemontesi)già raffigurato in un antico quadro situato all’ interno della chiesa.

IPPOCASTANO:
L’ippocastano è un albero di grandi dimensioni con chioma ampia e folta ,con fiori bianchi raccolti in pannocchie che danno origine a frutti non commestibili simili a castagne(“castagne d’india”).
Etimologia: Hippos= cavallo kastanon=castagno
I suoi frutti erano,infatti, utilizzati per curare la tosse dei cavalli!.
L’ippocastano può raggiungere i 30 metri di altezza.
La sua chioma è ampia e tondeggiante poichè i rami più bassi sono disposti quasi orizzontalmente.

BIALBERO:

Il doppio albero si trova a poca distanza dalla provinciale Grana---Casorzo,nei pressi della grande cascina Nuova(oggi ristrutturata e trasformata in agriturismo-resort).
Il doppio albero è formato da un gelso su cui è cresciuto un ciliegio che ,ormai,ha una altezza che supera quella dell’albero che lo sorregge.
Verosimilmente qualche uccello ha lasciato cadere un nocciolo tra l’intreccio dei rami del gelso .
Le radici nate dal nocciolo sono riuscite a infilarsi e a trovare un qualche spazio cavo all’ interno del tronco del gelso fino a raggiungere il terreno così da poter nutrire il grande ciliegio che sembra godere di ottima salute.
Ciliegio che,con le sue radici, riesce a tenersi aggrappato al tronco del gelso con forza così da resistere eretto anche sotto le sferzate del vento.
Il bialbero di Casorzo è una rarità per via delle dimensioni raggiunte.
Gli alberi che riescono a impiantarsi e crescere sopra a un’altra pianta,infatti, solitamente hanno piccole dimensioni e vita breve a causa dell’insufficiente humus che hanno a disposizione.
Il “bialbero” è divenuto ,ormai, una attrazione turistica e intorno ad esso è stata attrezzata una area di sosta con tavoli e panchine.

SEGNALETICA E PERCORRIBILITA’ del sentiero:
Il nostro percorso odierno partendo da Casorzo giunge fino al “bialbero” e corrisponde al sentiero del Malvasia.
Il sentiero ha segnaletica bianco--rossa CAI.
In molti incroci la segnaletica è andata persa(vedi foto)!.Navigatore e traccia GPS sono necessari.
La percorribilità del sentiero è(in data:Ottobre 2018) ottima:non vi è nessun tratto con erba alta o vegetazione esuberante.
Si cammina quasi sempre su sterrate con un soffice fondo erboso.

PERCORSO

A Casorzo si sale verso la parte più alta del paese fino a raggiungere il grande piazzale ove è situata la chiesa parrocchiale e l’ippocastano plurisecolare.
Si prosegue,poi,percorrendo via Roma,fino a raggiungere la chiesa “bifronte”della Madonna delle Grazie.
Oltrepassata la chiesa si svolta a dex in strada della Costa.
Si scende fino alla provinciale(via Mazzini) dove si svolta a six.
Percorsi 150 metri, si svolta a dex in via San Ludovico.
Si passa accanto alla cantina sociale percorsi ancora 300 metri,si svolta a dex su sterrata che si snoda sul crinale collinare fino ad arrivare alla cascina Gara.
Oltrepassata la cascina,al primo bivio,si prosegue diritti.
Al secondo bivio si svolta a dex.
Si scende tra campi , prati e vigneti fino a raggiungere il fondovalle dove si svolta a six,poi a dex,poi a six e dopo aver percorso 250 metri del fondovalle ancora a dex.
Si attraversa il fondovalle passando su ponticelli due fossi(o rii).
Oltrepassato il secondo ponticello si svolta si svolta a dex a salire leggermente verso il piatto e basso rilievo del bric Moretta.
Si raggiunge la provinciale Grana ---Casorzo.
Si svolta a dex.
Percorsi 150 metri, si svolta a dex per effettuare un breve percorso “andata e ritorno”fino al sito del bialbero.
Ritornati sulla provinciale si svolta a dex.
Percorsi 50 metri,si svolta a six e,poi, a dex su sterrata prima della cancellata della cascina Nuova.
Si raggiunge stradina asfaltata dove si svolta a six a salire.
Percorsi 200 metri,,a un quadrivio, si svolta a dex su sterrata che passa alla six dei ruderi della cascina Madonna.
Si raggiunge un fondovalle dove si svolta a dex.
Si passa su ponticello il rio di fondovalle fino a svoltare a dex su sterrata che raggiunge una tartufaia con querce.
Qui si svolta a six ,si sale fino al crinale collinare dove si svolta a six.
Si passa accanto a un pilone votivo in mattoni rossi raggiungendo,poi, in breve tempo,l’abitato di Casorzo.
chiesa Madonna delle Grazie
Cantina sociale
Cascina Gara
bivio a six
Fosso di fondovalle
bric Moretta
Bialbero
Cascina Nuova
Rio di fondovalle
Pilone votivo
Casorzo

1 comment

  • Franco70 7-apr-2019

    I have followed this trail  verificato  View more

    Bellissimo

You can or this trail