Tempo  3 ore 11 minuti

Coordinate 968

Uploaded 11 aprile 2019

Recorded aprile 2019

  • Rating

     
  • Information

     
  • Easy to follow

     
  • Scenery

     
-
-
894 m
559 m
0
2,7
5,4
10,78 km

Visto 107 volte, scaricato 6 volte

vicino San Benedetto Belbo, Piemonte (Italia)

DA SAN BENEDETTO ALLA VETTA DELLE LANGHE
(luoghi fenogliani)

INTRODUZIONE
TIPO DI PERCORSO:
Dopo la giornata di pioggia intensa di ieri,il nostro percorso odierno si svolge per il 75% su stradine asfaltate secondarie e per il 25% su sterrata con fondo compatto che non forma fango.
Partendo da San Benedetto Belbo si scende alla borgata Monastero nel fondovalle della valle Belbo per,poi,salire fino a Mombarcaro passando dalla borgata Cadilù.
Il percorso di ritorno da Mombarcaro a San Benedetto si effettua sulla stradina che passa per la borgata Lunetta.
Il percorso sia a salire che a scendere ha la segnaletica bianco-rossa del sentiero regionale n.202 ed è anche un tratto della GTL(Grande Traversata delle Langhe).

FENOGLIO E SAN BENEDETTO B:
Fenoglio già in età infantile veniva a San Benedetto B. per trascorrere il periodo estivo a casa dei parenti paterni.
In seguito,dopo la parentesi della guerra,ricominciò a frequentare periodicamente il paese.
Molti racconti di Fenoglio sono ambientati a San Benedetto:
--”Un Giorno di fuoco”--”Superino”--”Pioggia e la Sposa”--”Il Gorgo”--”Il Signor Podestà”.

Agostino,il protagonista della “Malora” parte da San Benedetto B. per andare servitore presso la cascina Pavaglione a San Bovo:
Il romanzo inizia con l’immagine del cimitero di San Benedetto B. dove è sepolto il padre del ragazzo:
“..Pioveva su tutte le Langhe,lassù a San Benedetto mio padre si pigliava la sua prima acqua sottoterra.Era mancato nella notte di giovedì l’altro e lo seppellimmo domenica tra le due messe..”
(La Malora)

----------------------------------------------------
A San Benedetto,il Comune ha allestito un percorso letterario con grandi cartelloni informativi sulle opere e sulla vita di Fenoglio,posti in quei luoghi che,descritti magistralmente nei racconti di Fenoglio,sono divenuti carichi di suggestione:
FRAZIONE CADILU’.
---”...Poi la zia disse che c’eravamo,che là era Cadilù,e io guardai alzando gli occhi e il cappello.Vidi una sola casa su tutta la nuda collina.Bassa e sbilenca,era di pietra annerita dalle intemperie,coi tetti di lavagna caricati di sassi,perchè non li strappi via il vento delle alte colline,con un angolo guastato da un antico incendio,con un’unica finestra e da quella pioveva foraggio….”
(da Pioggia e la Sposa.)(..Fenoglio):

MOMBARCARO:
E’ la vetta delle Langhe con i suoi 890 metri di altitudine sul mare.
“.."... era un paese bizzarramente foggiato a barca antica,
fissata sulla cresta di un'eccelsa collina
come sul maroso di un mare procelloso fermato di colpo.
Una ragnatela di serali vapori avvolgeva, vagolando,
le sue case spente, ora impigliandosi sul campanile,
ora sfumanti nel cielo oscurantesi. La collina della base
era immensa e mammellosa, digradante in potenti sbalzi
al fondovalle, già notturno nelle macchie e negli anfratti….".

Da "Il partigiano Johnny".........

PERCORSO
Posteggiata l’auto sul piccolo piazzale nei pressi della chiesa parrocchiale,si esce dall’abitato passando attraverso la porta sottana(risalente al 1500).
Si scende ,poi,alla borgata Monastero percorrendo “l’erta selciata”.
In borgata Monastero si attraversa su ponte il rio Vezzea e si inizia a salire verso la borgata Cadilù.
Si sale su stradina asfaltata..
Oltrepassata Cadilù si prosegue su una sterrata con fondo molto compatto .
Si raggiunge il crinale tra la valle Belbo(a dex) e la valle Bormida (a six).arrivando sulla provinciale Niella--Mombarcaro.
Qui si svolta a dex.
Percorsi 350 metri,appena oltrepassata la cappella di San Rocco si svolta a six su sterrata e si sale fino al piazzale della chiesa parrocchiale San Michele arcangelo(punto più alto di Mombarcaro).
E’ questo anche uno dei siti “belvedere”della Strada Romantica di Langhe e Roero.
Si ritorna,poi,sulla provinciale percorrendo la stessa sterrata dell’andata.
Raggiunta nuovamente la provinciale nei pressi della cappella di San Rocco,si attraversa e si scende verso la borgata Lunetta.
Si attraversa la bella borgata e si prosegue a scendere fino a raggiungere il fondovalle della valle Belbo.
Qui si svolta a dex.
Percorsi 200 metri, si raggiunge la borgata Monastero da dove si risale a San Benedetto percorrendo ancora “l’erta selciata”.
Ponte sul rio Vezzea
chiesa S. Rocco
Cascine Buchere
Cascine Siond
Cappella S. Rocco
Mombarcaro
Cascina Battaglino
borgata Lunetta
gruppo foto(uno)
Ponte sul rio di Lunetta
Ingresso Porta Inferiore

1 comment

  • Foto di novembre59

    novembre59 13-apr-2019

    I have followed this trail  View more

    fatto oggi con mia moglie...bellissima zona e stupenda la valle Belbo..tempo discreto..che non ci ha permesso di vedere i panorami delle langhe..pazienza grazie per la traccia

You can or this trail