-
-
698 m
319 m
0
5,2
10
20,88 km

Visto 302 volte, scaricato 1 volte

vicino Castiglione, Marche (Italia)

Di per se il percorso non ha particolari difficoltà, ma causa il lungo chilometraggio è da definirsi come tecnicamente medio. Si basa sulla traccia pubblicata da Francesco V. ma con la sostituzione di alcuni tratti d'asfalto, con sentieri e strada bianca, (ad esempio il sentiero De Magistris proprio ad inizio percorso). Altra modifica sostanziale è il punto di arrivo. Nella traccia originale, il gps s'interrompe circa un chilometro prima. Qui la destinazione (grotta dei frati) è indicata correttamente. Si tratta di un vero e proprio cammino, stile francescano, Santiago ecc, in quanto si alternano sentieri a strade poco trafficate e si attraversano caratteristici paesi. Necessariamente bisognerà tornare al luogo di partenza salvo non vi organizziate diversamente. Le strade sono poco trafficate e, causa l'altitudine bassa, già ad aprile, si comincia a sentire un pò il caldo, soprattutto nelle ore centrali. Si parte dal cimitero di Caldarola, ancora transennato causa terremoto (parliamo di aprile 2018). Si prende il sentiero a sinistra, cosiddetto de Magistris, che ci porta fino al castello di Vestignano. Anche qui i segni del terremoto sono evidenti. Sono passato per l'arco d'ingresso e l'ho attraversato, come da traccia. Ci sono dei segnali di divieto, ma avevo chiesto tempo prima ai residenti che mi avevano rassicurato che non c'era nessun problema ad entrare, anche perché dall'altro ingresso divieti non ce ne sono. Chiedete e verificate, in quanto le condizioni possono cambiare. Se impossibile entrare, proseguite per la strada che costeggia le mura e riprendete più avanti il tracciato. Si prosegue su asfalto per il sentiero del Partigiano, fino a La Valle, dove all'incrocio si gira a destra. Notate, ad un certo puntodel sentiero,sulla destra, una quercia di circa 400 anni, dove la famiglia Pesaresi, allestisce il presepe (anche fuori del periodo natalizio, si notano delle piccole casette). Si continua per Tribbio e La Villa, dove, nei pressi del sentiero delle carbonaie, si prende la strada bianca che ci porta all'inizio del sentiero per la grotta. L.'ultimo tratto è un sentiero stretto, in ombra ed a volte sconnesso, ma non particolarmente difficile. S'incontra un primo bivio, bisogna salire a destra. A sinistra si scende per le gole del Fiastrone, attualmente chiuse salvo essere accompagnati da guide autorizzate. Al secondo bivio, ci sono le indicazioni. Nel caso non le dovreste più trovare. Prendete a sinistra, da li ancora pochi minuti e sarete arrivati. Se invece prendete a destra, potrete arrivare fino alle Lame Rosse, fantastiche!. Se arrivate con l'auto fino ad inizio del sentiero per la grotta, le lame sono una meta abbordabile. Considerate, però, che dovrete affrontare una faticosa,seppur corta, salita. Per il ritorno, seguite la traccia, che in alcuni punti varia dal percorso d'andata. L'ultimo tratto su strada bianca vi porta all'incrocio con la strada asfaltata che in alcune centinaia di metri vi porterà al punto di partenza.

Commenti

    You can or this trail