usergf
10 6 0
  • Foto di Col dei Baldi, Rifugio Coldai, lago Coldai, Rifugio Tissi e ritorno 28-08-2016
  • Foto di Col dei Baldi, Rifugio Coldai, lago Coldai, Rifugio Tissi e ritorno 28-08-2016
  • Foto di Col dei Baldi, Rifugio Coldai, lago Coldai, Rifugio Tissi e ritorno 28-08-2016
  • Foto di Col dei Baldi, Rifugio Coldai, lago Coldai, Rifugio Tissi e ritorno 28-08-2016
  • Foto di Col dei Baldi, Rifugio Coldai, lago Coldai, Rifugio Tissi e ritorno 28-08-2016
  • Foto di Col dei Baldi, Rifugio Coldai, lago Coldai, Rifugio Tissi e ritorno 28-08-2016

Difficoltà tecnica   Medio

Tempo  8 ore 20 minuti

Coordinate 1499

Uploaded 28 agosto 2016

Recorded agosto 2016

-
-
2.310 m
1.854 m
0
4,5
9,0
18,02 km

Visto 1458 volte, scaricato 11 volte

vicino Coi, Veneto (Italia)

Escursione lunga e quindi impegnativa, ma incontriamo molte famiglie con ragazzi e anche qualche anziano quindi è nella media per persone allenate. Da Alleghe saliamo in auto a Piani di Pezzè, dove parcheggiamo la macchina. Prendiamo la cabinovia che collega Pian di Pezzè a Col di Baldi. Iniziamo l'escursione seguendo la forestale fino alla forcella di Alleghe e poi alla malga Pioda m. 1816, dove c'è una fontana (mezz'ora dalla partenza). Seguendo il sentiero n. 556 (ex strada militare) iniziamo la salita verso il rifugio Coldai m 2132. Arrivati al rifugio (1 ora dalla malga Pioda) proseguiamo la salita con il sentiero 560 fino ad arrivare, in circa 20 minuti, al lago Coldai a 2143 m. Seguiamo il sentiero n 560, che qui coincide con l'Alta via n. 1 delle Dolomiti, attraversiamo poi la forcella Col Negro e siamo così ai piedi della formidabile parete nordovest del Civetta. Prendiamo il sentiero ufficiale 563, a sinistra, che scende moltissimo ma è più sicuro. Con l'ultima interminabile e stancante salita arriviamo al rifugio Tissi (1 ora e 45') per il pranzo al sacco ed il rifornimento d'acqua per il ritorno. Dopo un'ora di pausa, riprendiamo la strada del rientro, non attraverso il sentiero dell'andata ma prendendo la 'trans-civetta', così indicata su un gigantesco masso che si incontra anche prima dell'ultima salita al Tissi. E' un sentiero non ufficiale, non segnalato ma ben visibile che costeggia la parete del Civetta (massima attenzione alle scariche di pietrisco e massi), che per brevi tratti diventa traccia, ma ci consente di risparmiare ben 200 m di dislivello. Il tempo è tiranno, arriviamo tardi alla cabinovia alle 17:20 (in 3 ore e mezza comprese le brevi pause) appena in tempo per scendere per ultimi (la cabinovia chiudeva alle 17:15 !). Giornata favolosa di pieno sole, che a fine agosto si fa sentire (4 litri d'acqua !). Bellissimo scenario, lungo il percorso si possono ammirare molte cime dolomitiche tra cui il Pelmo con dietro l'Antelao e in lontananza la Marmolada.

Commenti

    You can or this trail