-
-
1.392 m
537 m
0
2,8
5,5
11,02 km

Visto 1028 volte, scaricato 23 volte

vicino Pregasina, Trentino - Alto Adige (Italia)

26/04/2015- Da Pregasina (537mt) prendiamo il 422, si prosegue poi sul 429 verso la "Scala Santa", passeremo attraverso un'intaglio formato da un lastrone appoggiato al fianco del monte e per una scala scavata nella roccia. Saliremo poi fino a Cima Nodice (859mt) Proseguendo sulla stessa cengia ci colleghiamo al sentiero che scende sul
lato Ovest raggiungendo così il piccolo Cimitero con Lapide a ricordo degli Alpini caduti. (Bocca di Lè 805mt). Alla nostra destra ci sono delle trincee, testimonianze della grande guerra. Teniamo il 429 e subito arriviamo ad un bivio con il 430 che in breve inizia a salire ripidamente nel bosco, proseguiamo per la cresta (riservato a escursionisti esperti), a sinistra a
mezzacosta c’è la variante facile. Poi Cima Strussia (1236mt con targa sulla roccia), Cima Al Bal (1260mtcon crocifisso in metallo) e bivio con il 430. Saliamo a destra sulla cresta x Cima Nara 1376mt), scendendo ci ricongiungiamo con il 430 che aggira a mezzacosta Cima Nara e raggiungiamo Monte Guil (1322mt, Niente indica la cima) poi ci abbassiamo ai Prati di Guil (1242mt, innesto sul 422, sotto di noi ci sono i Prati di Guil. Passo della Rocchetta (1169mt), noi andiamo a sinistra fino al vicino bivacco in muratura sempre chiuso “Senter de le Creste de Reanol”. Arrivati a Bocca Larici, nei pressi della forestale (proprio dove c'è una piazzola per elicottero), proseguiamo verso il promontorio e dopo essere passati per i ricoveri di Malga Larici, Bocca Larici (884mt), teniamo la forestale 422 bis che curva a gomito a
sinistra, proseguiamo diritto in discesa sul 422 bis che ora è protetto da un guard-rail. Chiudiamo l'anello con l'arrivo a Pregasina. Giro difficoltoso solo per i tanti saliscendi, pochi i passaggi in facile arrampicata o leggermente esposti. Da evitare nei periodi troppo caldi. Assenza di acqua sul percorso.

Commenti

    You can or this trail