Coordinate 500

Uploaded 22 ottobre 2018

Recorded ottobre 2018

-
-
1.157 m
766 m
0
2,8
5,6
11,17 km

Visto 176 volte, scaricato 9 volte

vicino Castelgrande, Basilicata (Italia)

Il percorso non presenta difficoltà tecniche né tratti esposti
Dislivello complessivo 500 metri ca.
Gradi di difficoltà: E
Tempo percorrenza: 5 ore soste escluse.
Lunghezza del percorso 11,900 km circa.
Procederemo in discesa verso al Chiesa di S. Maria di Costantinopoli, che visiteremo, per fermarci
poi un po’ presso un altro sito in cui – a pochi passi dalla chiesa, località Cannalicchio – sono stati
rinvenuti resti di un villaggio risalente al periodo del Bronzo. Saliremo quindi verso il monte Giano,
altro sito di interesse storico, nel quale sono stati scoperti frammenti di ceramica del periodo
ellenistico, per poi procedere alla volta del paese, dove, oltre a visitare il centro faremo il Percorso
Planetario, che termina a pochi passi dal ristorante. Dopo esserci rifocillati si ritorna verso le auto.
Dal parcheggio andremo a contrada Campestre dove ci attenderanno le associazioni Pro Loco e
Aphelion per la visita del Parco dei colori con la "goccia di rugiada", la Butterfly House, una grande
semisfera trasparente all'interno della quale una vegetazione lussureggiante ospita farfalle provenienti
da tutto il mondo, e il giardino botanico. Se rimane tempo visiteremo l’osservatorio piccolo e,
possibilmente, anche l’osservatorio in località Toppo.
Castelgrande è un comune italiano di 926 abitanti [1] della provincia di Potenza, in Basilicata. Arroccato su uno spuntone di roccia, risale agli anni intorno al mille, anche se tracce di insediamenti umani in tutto il territorio sono più antichi. L'abitato sorgeva intorno ad un castello, probabilmente di origine longobarda, andato distrutto a causa di terremoti, circondato dal verde dei boschi lucani.Arroccato a 950 m s.l.m. è posto nella parte nord-occidentale della provincia al confine con la parte nord-orientale della provincia di Salerno. Confina con i comuni di: Muro Lucano e Pescopagano (11 km), Rapone (12 km), Laviano (SA) (14 km) e San Fele (20 km). Dista 59 km da Potenza e 157 km dall'altra provincia lucana di Matera. In occasione di un disastroso terremoto, con grande dignità, spirito di sacrificio ed impegno civile, affrontava la difficile opera di ricostruzione del proprio tessuto abitativo, nonché della rinascita del proprio futuro sociale, economico e produttivo. Mirabile esempio di valore civico ed altissimo senso di abnegazione.» — 23 novembre 1980 Il Parco dei Colori - unico Parco Botanico in tutta la Basilicata[senza fonte] - è dedicato al celebre botanico Guglielmo Gasparrini (Castelgrande, 1803 - Napoli, 1866). Ideato e progettato dal prof. Renato Spicciarelli, docente dell'Università degli Studi della Basilicata e profondo conoscitore del valore scientifico dell'opera di Gasparrini, il parco sorge in località Coppolo e si estende su una superficie di circa 2 ettari. In quest'area confluiscono habitat naturali molto diversi tra loro. Visto dall'alto, il sito assume i contorni di una foglia con una nervatura centrale che si identifica nell'impluvio principale del terreno. A metà circa di tale nervatura è stata collocata la "goccia di rugiada", la Butterfly House, una grande semisfera trasparente all'interno della quale una vegetazione lussureggiante ospita farfalle provenienti da tutto il mondo: "...le variopinte ali in movimento delle farfalle rispecchiano i colori della luce quando si rifrange in una goccia d'acqua" (Spicciarelli, 2014). Il Parco e la Butterfly House sono gestite dal Luglio 2014 dall'Associazione di promozione sociale Aphelion che ha reso operative e fruibili ai visitatori e alle scolaresche entrambe le strutture fin dal giorno in cui sono state inaugurate, nell'ottobre 2014.
La Chiesa di Santa Maria di Costantinopoli si trova a circa un chilometro, da Castelgrande, a valle del paese, all’interno di un piccolo bosco di querce. Vi si accede per una strada che parte dall’antico rione Borgo, la stessa che un tempo la collegava a Muro Lucano. Non si conosce l’anno della sua fondazione. S. Maria di Costantinopoli è una chiesa a croce greca, tipologia costruttiva che ben si adatta a luoghi commemorativi e contemplativi. Nell’edificio religioso vi è un altare maggiore con tre gradini in marmi dipinti e coloriti rossi e bianchi, sopra il quale vi è collocata una Icona grande, in cui nel mezzo sta la statua della Madonna col Bambino in braccio. La madonna tiene una corona di cristallo violaceo nella mano pendente, sopra la testa tiene due Angeli che tengono una corona elevata, tutti posti in oro.

Commenti

    You can or this trail