Tempo  7 ore 33 minuti

Coordinate 2634

Caricato 16 maggio 2020

Registrato maggio 2020

  • Valutazione

     
  • Informazioni

     
  • Facile da seguire

     
  • Paesaggio

     
-
-
586 m
160 m
0
3,2
6,5
13,0 km

Visualizzato 152 volte, scaricato 10 volte

vicino a Casona, Emilia-Romagna (Italia)

Il percorso attraversa un'area in cui poche persone sembrano camminare. Questo è in realtà strano, perché il paesaggio è molto bello. La passeggiata segue un fiume, passa per zone calanchive e visitiamo anche una delle Salse tipiche che troviamo in Emilia Romagna. In questo periodo dell'anno (metà maggio) ci sono molte orchidee: sopratutto nei primi 3 chilometri possiamo trovare interi campi di Orchidea piramidale e Serapide maggiore. (Non dimenticare che le orchidee sono piante protette, quindi possiamo guardarle, fotografarle ma non raccoglierle!)

Lasciamo la macchina a Casona in un parcheggio lungo la SP4 Via Fondovalle. Possiamo anche arrivare in corriere con linea 730 o 830. Camminiamo un brevissimo tratto lungo la provinciale (quasi interamente con marciapiede) e poi svoltiamo a destra in Via Rio Torto. Questa è una stretta strada asfaltata che segue il Rio Torto. Ora camminiamo attraverso una valle con una bellissima zona calanchiva alla nostra destra.
Continuiamo per un po' più di due chilometri attraverso la valle e poi arriviamo al CAI 412 (Via Romea Nonantolana). Da qui inizia la nostra salita verso Ospitaletto. Ora camminiamo su sentieri e attraversiamo la zona con i calanchi. Ci sono ciuffi occasionali di foresta. Abbiamo spesso belle viste.
Seguiamo il CAI 412 (RN-O) fino a Ospitaletto. Ospitaletto, posta fra campi coltivati, deriva il suo nome dall'antico Ospedale de Garamolis che, situato nei pressi di una fonte di acque salsoiodiche, esisteva fin dal Medioevo. Vicino alla chiesa troviamo un punto d'acqua (vedi waypoint).
Attraversiamo Ospitaletto e proseguiamo su Via delle Comune. Ora stiamo camminando sopra un crinale. Continuiamo per quasi un chilometro fino a poco prima di La Lama. Qui troviamo indicazioni per la Romea Nonantolana - sentiero della Luce. Giriamo a destra. Prima passiamo i campi, ma un po' più avanti attraversiamo un pezzetto di foresta. È chiaro che ultimamente sono passati pochi camminatori perché ci sono alcuni rami e cespugli di rosa sul sentiero. Ma non è un problema passare qui. Alla fine arriviamo su una strada asfaltata. Qui giriamo a sinistra verso Salse di Ospitaletto. Al lato delle Salse troviamo alcuni tavoli da picnic (di una ottima qualità) e un barbecue. Dato che ci sono alcuni Cerri accanto ai tavoli, c'è una piacevole ombra nell'area picnic.
Le Salse sono vulcanetti di fango freddo in cui gorgoglia metano. La spiegazione di tale fenomeno è legata alla storia geomorfologica di questa fascia dell'Appennino che nel corso delle ere geologiche ha inglobato depositi organici. Tali depositi transformandosi hanno generato metano. Il gas risalendo lungo fratture del suolo trascina con se acqua di falda ed argilla dando origine in superficie a coni argillosi dall'aspetto di piccoli vulcani. La presenza di idrocarburi è testimoniato dalle macchie iridescenti o bruno-giallastre sul fango e dall'acqua salata che dà il nome al fenomeno (salsa=salato). In zona troviamo anche vulcani di fango a Casola Querciola, Regnano, Nirano, Puianello e Montegibbio.
Torniamo verso Ospitaletto e da li proseguiamo sul CAI 416. Passiamo una zona agricola con alcune fattorie.
Poi camminiamo di nuovo su una parte del crinale e godiamo di una vista meravigliosa. A sinistra la Val Panaro e la Pianura Padana e a destra le imponenti Sassi di Rocca Malatina. Ad un certo punto passiamo vicino ai confini del parco.
Scendiamo abbastanza ripidamente al livello del Rio Torto attraverso una zona calanchiva.
Dopodiché torniamo facilmente al punto di partenza.

Qualche dettaglio in più:
Il percorso è ideato in senso orario.
Tempo impiegato: totale = 7 ore 33 minuti di cui in movimento = 3 ore 32 minuti.
Presenza di tavoli picnic: Salse di Ospitaletto a 7,5 km dall'inizio
Presenza di acqua potabile: Vicinanze Chiesa di Ospitaletto a 5 e 8 km dall'inizio
In condizioni asciutte il percorso è piuttosto facile dal punto di vista tecnico.
Presenza di segnavia bianco-rosso:
CAI 412: km 2,4 >> 5,1
CAI 416: km 8,4 >> 12,5
C'è poca ombra lungo la strada. Quindi questo itinerario non è raccomandato per le calde giornate estive.

Se pensi che sia una bella passeggiata, lascia un feedback. Se hai avuto problemi, scrivimi un messaggio.
Ricorda che ci vuole molto meno tempo per scrivere un commento o una recensione che per creare e pubblicare un percorso! Ma solo cosi la informazione rimane aggiornata.
Intersezione

Andare a destra - seguire la Via Romea Nonantolana / CAI 412

Fiume

Rio Torto

Intersezione

Tenere sinistra - lasciare l'asfalto

Intersezione

Tenere destra sull'asfalto

Intersezione

Tenere destra - lasciare l'asfalto

Intersezione

Tenere sinistra - andare in alto.

panoramica

Panorama 360 gradi

Waypoint

Torniamo sull'asfalto

Intersezione

Andata: Andare a sinistra verso la chiesa

panoramica

Panorama - Vista Ospitaletto

Intersezione

Tenere destra

fotografia

Stradello verso la Lama

In località La Lama sono i ruderi di una torre-vedetta del XVI secolo, ribassata in epoca successiva, attorno alla quale si formò il borgo (del XVII secolo), con case a corte chiusa, a loro volta presumibilmente recintate.
Intersezione

Andare a destra - Via Romea Nonantolana / Sentiero della Luce

Waypoint

Entrare bosco

Waypoint

Andare diritto sul sentiero

Intersezione

A sinistra per le Salse / a destra per il ritorno

Waypoint

Salse di Ospitaletto

fontana

Acqua

Intersezione

Andare a destra (CAI 416)

fotografia

Vista rocca malatina

Waypoint

Fattoria

panoramica

Panorama 360 gradi

Waypoint

Andare verso destra - A sinistra confine parco Regionale Sassi di Roccamalatina e di Sant'Andrea

Informazione

Discesa ripida

Intersezione

Andare a destra

4 commenti

  • kermitt62 18-mag-2020

    Ho seguito questo percorso  verificato  Vedi altro

    Ho fatto questo bel giro grazie a te ,ottimi waypoint e informazioni,ti ho appena conosciuto ma credo faremo altri track "insieme "
    Continua così grazie Erik.

  • Foto di Erik De Groot

    Erik De Groot 18-mag-2020

    Grazie per la recensione. Mi fa piacere sapere che hai pensato che fosse un bel percorso.
    Abbiamo quasi camminato insieme. Ci sono stato solo due giorni prima ...... 😉

  • alessandro cavicchioli 2-giu-2020

    Ho seguito questo percorso  Vedi altro

    Grande Erik. Bellissima natura in questo inizio di giugno

  • Foto di Erik De Groot

    Erik De Groot 3-giu-2020

    Grazie per la tua recensione.
    Sì, la natura era davvero molto bella. Inaspettato per un luogo proprio nelle prime colline.

Puoi o a questo percorso