Tempo  6 ore 47 minuti

Coordinate 1694

Uploaded 17 novembre 2015

Recorded novembre 2015

  • Rating

     
  • Information

     
  • Easy to follow

     
  • Scenery

     
-
-
1.211 m
816 m
0
3,1
6,3
12,52 km

Visto 3460 volte, scaricato 149 volte

vicino Ca Romana, Emilia-Romagna (Italia)

Un piacevole percorso che tocca tre regioni, tra pascoli, boschi e rocce con salita al Sasso Simone e al Simoncello, fatto in una calda giornata di novembre fatto con un gruppo assortito di 10 persone. Da Miratoio (prov di Rimini, Emilia Romagna) si sale il crinale che segna il confine con Case Barboni (prov. di Arezzo, Toscana ) per arrivare alla cerreta ai piedi del Simoncello (Carpegna prov. di Pesaro, Marche).
Si parte da Miratoio con un sentiero Cai ben segnato che sale attraverso i pascoli dove pascolano vacche di razza chianina. Anche se sono due settimane che non piove, il sentiero è fangoso e siamo costretti a tenerci fuori dalla traccia. In breve arriviamo al wpt Bivio : se scendiamo sulla destra, in un’oretta saremmo a Case Barboni, ma abbiamo come obbiettivo la visita ai Sassi e quindi continuiamo a salire il crinale con il Simoncello che si staglia davanti a noi. Quando ci infiliamo nel bosco, al wpt bosco, dobbiamo fare una scelta: possiamo proseguire il sentiero segnato che ci porterebbe ad incrociare il sentiero proveniente dalla Cantoniera per poi tornare con il sentiero tra i due Sassi oppure possiamo infilarci nel bosco puntando il Sasso Simoncello per arrivare direttamente alla base dello stesso….. Noi decidiamo di tagliare per il bosco ma è una scelta che consiglio di fare solo a chi si orienta senza problemi, sa trovare percorsi in un bosco con rocce a terra, e/o è capace di seguire una traccia gps. Scavalcando rocce enormi cadute dall’alto, giriamo intorno al Simoncello per circumnavigarlo fino ad arrivare al lato est dove, ad una piccola sella, incrociamo il sentiero che ci porta in cima. Il sentiero, che ha dei passaggi esposti con una corda di sicurezza e non presenta però eccessive difficoltà anche se due del nostro gruppo hanno preferito aspettaci senza salire in vetta perchè non se la sentivano. Arrivati in cima lo spettacolo è bellissimo: A nord la cerreta che si estende fino al Monte Carpegna e alla Città Carpegna, a est il Fumaiolo , a sud i monti della Toscana e a ovest…. Il Sasso Simone”!!! Meraviglioso. In tanti anni che sono passato nel sentiero 17 sottostante, non ero mai salito fino a quassù anche perche il bivio non è segnato…. Ma ne riparleremo. Goduto il panorama, siamo discesi a recuperare gli amici e abbiamo continuato insieme la discesa fino al bosco incontrando un altro tratto (facile in verità) con la fune di sicurezza. Ai piedi del Simoncelllo abbiamo incrociato il Sent. 17 che da Carpegna va a Case Barboni. Non c’è alcun segnale, ma proseguendo verso il Sasso Simone, leggermente a sx, (o seguite la mia traccia) troverete dei segnali rossi sugli alberi che in poche centinaia di metri vi porteranno al percorso Nord di accesso al Sasso Simone. Anche questo percorso è attrezzato con una corda di sicurezza e probabilmente è più difficoltoso con il terreno bagnato, ma oggi non abbiamo trovato grandi difficoltà. Arrivati sul pianoro del Sasso (di) Simone lo attraversiamo tutto fino ad affacciarci a sud per poi tornare alla croce. Non abbiamo tempo per il giro turistico alla Citta del sole di Cosimo de’ Medici ma chi è curioso può leggere in wikipedia ( https://it.wikipedia.org/wiki/Sasso_di_Simone) . Oggi si stava bene anche a mangiare al sacco al sole, ma abbiamo prenotato all’Agriturismo Sasso Simone a Case Barboni e perciò dal Sasso scendiamo con la comoda strada di accesso da est nella valle sottostante dove il sentiero scende fino ad attraversare il fiume di pietre che scendono dai Sassi . Il crinale poi diventa una serie di calanchi colorati che in breve ci accompagnano fino a Case Barboni. Dopo esserci rifocillati (agriturismo consigliato, hanno anche delle camere http://www.agriturismosassosimonesimoncello.it ), siamo ripartiti verso ovest per delle strade campestri per raggiungere Poggio del Faggio, una valletta bellissima, ai piedi del percorso fatto la mattina. Il tracciato non è segnato, ma è facilmente visibile seguendo la direzione della traccia. Il sole al tramonto ci offre una luce bellissima per immortalare ancora una volta il Simoncello ed in breve siamo sul percorso della mattina e ritorniamo a Miratoio e alle macchine.

6 km e 2 ore e 30 da Miratoio al Sasso Simone (con salita ai Sassi)
2.5 km e 45 min dal Sasso fino a Case Barboni
3.8 km e 1 ora il rientro a Miratoio
Dislivello complessivo circa 600 mt.
percorso facile SE ci si sa muovere nel bosco con gps e arrampicarsi un minimo. In generale lo considero medio

Cenni storici

La presenza dell'uomo in zona in queste zone risale all'età del bronzo, come rilevano ritrovamenti conservati al museo di Sarsina.
Nel periodo di dominazione romana, si parla di sacerdoti detti semoni , che adoravano le divinità sulla sommità delle montagne.
Le prime presenze umane sulle quali si hanno notizie certe risalgono al XII° secolo quando una comunità di monaci benedettini edificò sulla sommità del Sasso Simone, l'abbazia di Sant' Angelo forse sulle rovine di una cappella longobarda dedicata all'arcangelo Michele. L'arrivo di inverni particolarmente rigidi ed una pestilenza costrinsero nel 1348 i monaci e le famiglie che coltivavano i terreni circostanti, a trasferirsi più a valle abbandonando l'abbazia.
Un ulteriore tentativo di ripopolamento del Sasso Simone si ebbe solo alla metà del XVI° secolo ad opera del duca Cosimo de' Medici , che nell'intento di riorganizzare la struttura militare del proprio Stato decise di fondare una fortezza sul Sasso Simone, posto in posizone strategica su territorio confine con le zone orientali della penisola.
La fortezza aveva come simbolo un sole, sintomo della città ideale del Rinascimento fiorentino. (a tal proposito si ricorda Eliopoli o Terra del Sole in Provincia di Forlì-Cesena - città fortezza di confine sempre di origine Medicea).
Le grandi difficoltà legate all'approvvigionamento delle materie prime, alla convivenza fra la città e la fortezza, ed ancora una volta le avverse condizioni climatiche misero presto in crisi l'intera organizzazione.
La fortezza inoltre non riuscì ad adempiere alcun ruolo se non quello di controllo del banditismo locale e nel 1673 la città del Sasso venne smantellata.

--
partenza del sentiero
la traccia abbandona il sentiero biancorosso e va a dx. percorso senza sentiero che si infila nel bosco. Se non si è in grado di seguire una traccia gps, proseguire sul baincorosso e all'incrocio successivo andare a dx.
punto panoramico. rovine
a sx per Case Barboni
Agriturismo Sasso Simone e Simoncello Buon ristorazione e alloggio
per salire esiste una via attrezzata non difficle ma comunque esposta.
Poggio del Faggio. splendida valle
Se si arriva tramite il 17 dalla Cantoniera, deviazione per salire sul Simoncello e sul Sasso Simone (accesso Nord)
Punto di incontro di tre regionie Marche Toscana ER - nella macchia
bivio: asx si scende a Case Barboni a dx si sale verso i Sassi e la Cantoniera

10 commenti

  • Foto di Pepperons

    Pepperons 18-nov-2015

    Percorso estremamente paesagistico. A parte un breve tratto nel bosco, si cammina sempre su prati e creste. In caso di bella giornata soleggiata e limpida, la vista e mozzafiato.

    Da non disegnare la salita al Simoncello. Breve tratto di cavo che ricorda una ferrata.

  • Foto di raffimia

    raffimia 18-nov-2015

    I have followed this trail  View more

    Passeggiata poco faticosa e molto scenica in uno dei più bei posti dell'Appennino centrale, luogo di incontro di tre regioni. Non ho fatto la salita sul Simoncello perché ho avuto paura del tratto sulla roccia ma ho fatto l'arrampicata del Sasso Simone con relativa facilità.
    Se dovessi fare il percorso da sola sarebbe... difficilissimo : l'orientamento nel bosco e la "scalata" sarebbero troppo per me, ma dovendo solo camminare dietro una guida, è stato decisamente piacevole e facile.
    Si poteva fare anche con pranzo al sacco invece che all'agriturismo, ma per questa volta è andata bene così.

  • Foto di Artemide

    Artemide 18-nov-2015

    Bellissima giornata, percorso facile ma molto particolare e pranzo ottimo!!!

  • Foto di Filippototo

    Filippototo 7-dic-2015

    l'Allegra brigata dello Scarpone https://it.wikiloc.com/percorsi-escursionismo/carpegna-da-miratoio-salita-ai-simoncello-e-sasso-simone-case-barboni-15-nov-15-11428905/photo-6959484

  • Foto di Filippototo

    Filippototo 18-mag-2017

    Luca ha fatto da poco questo itinerario e ha fatto un bellissimo racconto dell'esperienza nel suo blog.
    Per chi fosse interessato a questo percorso e volesse vedere belle foto, può cliccare il link sottostante.

    http://www.ganaescursionismoecultura.it/ai-sassi-simone-e-simoncello/

  • BIMTreck 28-dic-2017

    Fattibile in questo periodo?
    Grazie!

  • Foto di Filippototo

    Filippototo 28-dic-2017

    sicuramente, con l'avvertenza che può essere fangoso in alcuni tratti. Se c'è neve .. poca è bello, molta forse necessitano ciaspole. la salita ai sassi non presenta nessuna difficoltà per chi ci arriva in questa stagione... Buona Escursione. (il tratto nel bosco va fatto o a vista o seguendo il segnale gps).

  • BIMTreck 29-dic-2017

    Grazie per i consigli!

  • radka.sittova 9-set-2018

    Scusi 12,52km andata e ritorno? O solo andata?

  • BIMTreck 9-set-2018

    Tutto il percorso

You can or this trail