Tempo  10 ore 4 minuti

Coordinate 2442

Caricato 11 febbraio 2018

Recorded febbraio 2018

-
-
1.930 m
1.268 m
0
5,8
12
23,3 km

Visto 380 volte, scaricato 18 volte

vicino Livata, Lazio (Italia)

I Simbruini sono sempre i Simbruini e non tradiscono mai.
Riescono a dare soddisfazione anche nei giri più improvvisati come quello in questione. La partenza, dall'attacco della seggiovia di Monna dell'Orso, è ormai un classico per i giri in zona (senza però trascurare, nè dimenticare quella da Campaegli).
Quindi, partenza da Monna dell'Orso a quota 1610 e per il sentiero 673C siamo rapidamente arrivati a quota 1747 alle Vedute dell'Autore da dove tramite il Sentiero Coleman (683a) siamo arrivati sul Monte Autore stesso (1855 slm). Fin qui tutto bene, la neve seppur abbondante era perfetta per le ciaspole e non potevamo desiderare di meglio. A metterci in crisi una volta sulla vetta, è stato il vento gelido ed un fitto nebbione che impediva ogni tipo di visuale. A questo punto dovevamo decidere se tornare sui nostri passi o andare avanti all'avventura. Abbiamo optato per la seconda scelta e debbo dire che siamo stati fortunati. Dopo solo 10 minuti il sole è arrivato a splendere in cielo ed il vento è miracolosamente cessato (lo abbiamo ritrovato solo a Passo Procoio). Obbligato il passaggio dalla Fonte Fossaiola (detta anche degli Scifi, per via dei tradizionali abbeveratoi scavati in tronchi di legno) che ho visto come non mai circondata da almeno un paio di metri di neve. A Passo Procoio ci siamo trovati di fronte all'ennesima scelta tra lo scendere al santuario della Santissima Trinità, il salire al Colle della Tagliata o (come abbiamo fatto) scendere verso il Campo della Pietra e da li dirigersi verso la Piana di Camposecco.
Normalmente organizzo i miei giri con largo anticipo studiando al massimo le carte, ma l'improvvisazione di questo ci ha giocato un relativamente brutto tiro. Mentre sulla carta dei Simbruini esiste un comodo sentiero (652) che va dal Rifugio Saifar verso Camposecco, sulle mappe OSM del mio Garmin non è segnato e si è deciso di andare verso Fosso Fioio. Se da una parte la scelta è stata indovinata perchè ho avuto modo di passare finalmente dal selvaggio fosso che fa da confine tra Lazio e Abruzzo (Sentiero Italia o 664d), avevo però fatto i conti senza l'oste credendo che il Fosso Fioio e la contigua sterrata che porta a Camerata Nuova fossero sullo stesso piano della strada che attraversa Camposecco, ma così non è. Ci sono circa 180 metri di dislivello che si recuperano in modo abbastanza "violento" nel Vallone della Femmina Morta (ho un vago sospetto sul perchè del nome) per arrivare al sentiero 652 che ci era "sfuggito" davanti al Rifugio Saifar. Altro errore di scelta è stato quando arrivati nei pressi dell'area picnic di Campitelli, abbiamo deciso di tagliare arrampicandoci per il Campitellone invece che proseguire per il più dolce sentiero che passa da Camposecco. Abbiamo risparmiato forse un km, ma...caro ci è costato. Siamo comunque arrivati ad intercettare il sentiero (Coleman - 664c - 673c) che passa nel profondo Vallone di Monte Autore. Al bivio con il 673d abbiamo fatto il terzo errore della giornata (complimenti direte voi): alla domanda dell'amico che mi precedeva se andare dritti o girare a destra ho detto di andare avanti fino alle Vedute dell'Autore perchè "tanto erano ormai solo 2 km". Due km sì, ma dopo 19 km di ciaspole sono stati 2 km di "passione". Girando a destra (Cannavacciari e Fondo dell'Autore), praticamente dal versante nord-est opposto a Campominio, con gli stessi km che mancavano alla macchina (4) ci saremo risparmiati gli ultimi (inutili) 100 mt. di dislivello.
Comunque, in ultima analisi e fatica a parte, si è trattato di una bella escursione che ci ha permesso di vedere forse l'unica parte che non avevamo mai esplorato dei Simbruini e 3, se non 4 cippi di confine tra Papato e Stato Borbonico che non avevo ancora fotografato.

Statistiche calcolate sui dati importati

sabato 10 febbraio 2018 7.43 CET
Distanza: 23,3 km
Durata: 9 ore, 56 minuti e 49 secondi
Velocità media: 2,2 km/h
Altezza minima: 1264 m
Altezza massima: 1910 m
Salita accumulata: 1357 m
Discesa accumulata: 1357 m
Seggiovia Monna dell'Orso
Osservatorio Astronomico Campo Minio
Rifugio Campo Minio
026
028
sabato 10 febbraio 2018 7.43 1659 m
sabato 10 febbraio 2018 17.40 CET
Altezza: 1653 m
001
002 Bivio Sentieri 673 c & 684c
003 Vedute di Monte Autore
004 Monte Autore
006 Fonte Fossaiola o Fonte degli Scifi
008
010
013
014
015
016
019
020
Croce Passo Procoio
Punto 22

Commenti

    You can or this trail