Tempo in movimento  5 ore 11 minuti

Tempo  8 ore 24 minuti

Coordinate 3891

Uploaded 5 febbraio 2018

Recorded febbraio 2018

-
-
218 m
69 m
0
5,8
12
23,1 km

Visto 1010 volte, scaricato 53 volte

vicino Calcata Nuova, Lazio (Italia)

Si parte da Calcata Nuova, ma a pochi passi dalla città vecchia, lasciando la macchina in un comodo parcheggio gratuito (1) ben collegato con l’inizio del percorso vero e proprio e lungo il quale c’è un bel punto panoramico su Calcata e la valle del Treja (2). Arrivati alla piazzetta del Bar, girare a dx sulla via che scende sotto il paese ed arrivati alla segnaletica seguire il percorso 009 per Mazzano Romano (3). Dopo pochi metri si passa davanti a delle grotte scavate nel tufo (4), molto frequenti durante tutto il percorso. Superato il fiume Treja passando sopra un ponte di legno (5), si arriva subito ad un bivio, dove girando a dx si sale su un sentiero (6) che ci porta fino alle vecchie rovine della Chiesa di Santa Maria di Castelvecchio (8). Da qui si apre anche un bellissimo panorama su Calcata (7). Si torna quindi indietro fino al bivio difronte al ponte e si continua sul percorso CAI 019. Si prosegue lungo il sentiero immerso nel bosco di querce che fiancheggia il fiume, dove nonostante fosse inizio febbraio, abbiamo trovato dei bucaneve (9) in fiore. Dopo circa 4km dall’inizio del percorso si incrocia la Strada Provinciale SP17B, si gira a Dx e la si percorre per circa 100mt arrivando al punto (10) da cui si riprende il percorso nel bosco seguendo l’itinerario CAI 002. Dopo circa 200mt si arriva ad un piccolo ponte (11) che porta ad un’area picnic ben attrezzata e dalla quale parte un altro percorso che porta alle rovine del Santuario di Monte li Santi, poco distante, che però noi non abbiamo visitato. Siamo rimasti infatti sul percorso 002 e abbiamo continuato a seguire il corso del fiume, lungo il quale si trovano vari punti informativi sia sul fiume (12) sia su Felci e Muschi (13). Poco prima di arrivare a Mazzano Romano al punto (14) bisogna fare attenzione perché il terreno è franato, riducendo la larghezza del percorso. Arrivati a Mazzano Romano, la prima struttura che si incontra sono dei vecchi lavatoi (15) con acqua potabile. Seguendo Via della Fontana si arriva a Piazza Umberto I°, nel cuore della città vecchia, dove è anche presente un Bar. Vale la pena girare un po’ tra i vicoli della cittadina (16) molto caratteristica per poi riprendere il percorso CAI 001 che parte proprio da Piazza Umberto I° alla Dx del Bar (17). Si riprende a seguire il corso del fiume in direzione delle cascate di Monte Gelato e arrivati al bivio (18) si gira a Sx. Dopo circa 1Km si arriva al punto (19) dove bisogna tenere la Sx seguendo il fiume. Si prosegue costeggiando il fiume fino ad arrivare al punto (20) dove cercando di passare sopra le pietre che affiorano, si attraversa il fiume per passare sulla sponda opposta dove prosegue il sentiero (21)(22). Dopo meno di 1km si arriva finalmente alle Cascate di Monte Gelato (23) dove abbiamo fatto una bella pausa pranzo rinfrescandoci un po’ con l’acqua “gelida” del torrente :) Rifocillati e riposati siamo ripartiti percorrendo a ritroso il percorso fatto all’andata fino a Mazzano Romano, ma questa volta arrivati alla piazza Umberto I, con il viso rivolto verso il Bar si prende la strada che scende sulla Sx diventando poi sterrata e superato un ponticello si arriva al bivio (24) dove si trovano le rovine di vecchie case scavate nel tufo e si gira a SX verso Calcata. Lungo il cammino si trovano altri punti informativi sulle Forre (25) fino ad arrivare ad un bivio (26) che sulla Dx porta alla Necropoli del Cavone Monte li Santi (CAI 018), ma noi abbiamo proseguito dritti. Poche centinaia di metri dopo si arriva ad un bivio (27) dove bisogna prestare attenzione, noi infatti ingannati dalla strada più grande abbiamo proseguito sulla Sx fino a quando non ci siamo accorti di aver sbagliato strada e tornando indietro al (27) abbiamo preso il sentiero di Dx lungo il quale si trovano altri punti informativi interessanti sulla vegetazione che cresce lungo le Forre (28), fino ad arrivare al bivio (29) per Narce. Abbiamo quindi girato a Sx sul percorso CAI 015 che porta fino alla sommità dell’antica fortificazione di Narce (30)(31) e da dove c’è una bellissima vista panoramica su Calcata. Tornati giù al bivio (29) si prosegue fino al ponte (32) che attraversa per l’ultima volta il fiume Treja e dopo poco inizia la salita che ci riporta a Calcata lungo la quale possiamo ammirare le ultime rovine di case scavate nel tufo (33). Abbiamo quindi concluso il percorso tornando al Bar della piazzetta dove ci siamo goduti una meritata birretta e patatine (34) :D
Il percorso lo reputo facile, a parte i 23Km, perché non presenta particolari dislivelli e il tracciato è ben segnalato, un suggerimento potrebbe essere quello di andare con due macchine e lasciarne una alle cascate per evitare di tornare indietro.
Il percorso è stato fatto a Febbraio e lo reputo un buon periodo perché non fa troppo caldo e non si trova troppa gente alle cascate.
Come sempre ringrazio il mio compagno di trekking Kaosarmonik e sperando vi sia piaciuta la descrizione vi auguro buona passeggiata a tutti.
La macchina si può parcheggiare poco fuori da Calcata Vecchia in un comodo parcheggio ampio e gratuito
Vista di Calcata
Arrivati alla piazzetta del Bar, girare a dx sulla via che scende sotto il paese ed arrivati alla segnaletica seguire il percorso 009 per Mazzano Romano
Cercando di passare sopra le pietre si attraversa il fiume nel punto più baso
Sulla Dx c'è un percorso che porta alla Necropoli del Cavone Monte li Santi (CAI 018). Noi proseguiamo dritti.

Commenti

    You can or this trail