Scarica

Distanza

15,25 km

Dislivello positivo

1.567 m

Difficoltà tecnica

Difficile

Dislivello negativo

1.567 m

Altitudine massima

2.469 m

Trailrank

99 5

Altitudine minima

1.011 m

Tipo di percorso

Anello

Tempo

4 ore 11 minuti

Coordinate

379

Caricato

23 settembre 2021

Registrato

settembre 2021
  • Valutazione

     
  • Informazioni

     
  • Facile da seguire

     
  • Paesaggio

     
Condividi
-
-
2.469 m
1.011 m
15,25 km

Visualizzato 643 volte, scaricato 18 volte

vicino a Santa Maria Valle, Abruzzo (Italia)

Sito: http://www.borntotrek.it/
Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/29827788471/
Traccia fatta a mano, foto dell'escursione fatta il 27-06-2007
- - - lasciate un feedback per migliorare la descrizione - - -

Considerazioni sulla giornata: Il Velino! Per me e mio cugino Marco ha sempre significato molto, da marsicani ha sempre riempito l'orizzonte dei nostri sguardi innamorati di montagna divenendo un simbolo delle montagne per eccellenza. Salirci sopra è stato uno dei primi obiettivi che ci siam posti quando abbiamo cominciato ad andare insieme in montagna e salirlo dal sentiero 3, forse il più "semplice" ci ha regalato un'esperienza davvero indimenticabile. La prima volta sul Velino non si scorda mai!

Lunghezza: 15,5km
Dislivello complessivo: 1.560mt
Durata: 8h
Grado di difficoltà: EE
Data ultima modifica: Settembre 2020
Punto di partenza e arrivo: Santa Maria in Valle Porclaneta (1.030mt)
Gruppo montuoso: Velino-Sirente
Tipo di percorso: Andata e ritorno con varianti

Premessa: il Monte Velino, col suo aspetto piramidale, è la montagna più alta di tutto il Parco Naturale Regionale Sirente-Velino. È una bellissima cima che domina Avezzano e tutta la Piana del Fucino, ma soprattutto è visibilissimo da Roma. Nelle limpide giornate di tramontana invernale appare dai punti più alti della città coi suoi fianchi imbiancati, offrendo uno spettacolo inconsueto anche ai romani così poco abituati ad osservare dei panorami montani.
Posto ai margini settentrionali della Marsica il suo nome sembra derivare dal fatto che si specchiasse in quello che una volta era il lago del Fucino, chiudendo gli occhi potete immaginare le zone poste alla base della montagna piene di paesini di pescatori con il sangue legato sia all’acqua che alle montagne.
Gli itinerari per salire al Velino sono tutti molto lunghi e con elevato dislivello, avere un buon allenamento e confidenza con dislivelli elevati è essenziale mentre è in ogni caso sconsigliato affrontare la salita nelle caldissime giornate estive soprattutto nel percorso proposto che sale il versante occidentale dell’area per le brulle zone del monte Sevice sempre esposte al sole. Fortunatamente la fonte di Sevice permette a metà escursione di godere di un magnifico refrigerio.
Il punto di partenza è previsto nei pressi dell’antichissima chiesa di Santa Maria in Valle Porclaneta, costruita si presume nel secolo XI ha visto passare la storia tra le sue mura dalla battaglia di Tagliacozzo fra Corradino di Svevia e Carlo I d'Angiò alle dispute sulla Marsica di grandi famiglie come gli Orsini o i Colonna.
La segnaletica del parco è tenuta molto bene ma nel caso ci si allontanasse dai percorsi bisogna fare molta attenzione, il versante Nord del Velino è estremamente scosceso. Dalle lunghe creste settentrionali è possibile godere di panorami magnifici sulla valle di Teve, le montagne della Duchessa e le stesse montagne del Velino.
Nota: Lungo il percorso si incontra il bel rifugio Capanna Sevice costruito nel 1983 oggi gestito dal GEV (Gruppo Escursionisti del Velino) da contattare se si desidera avere la chiave per accedere al rifugio. È comunque presente un piccolo locale invernale sempre aperto.

Come arrivare: Dall'autostrada A25 si prende l'uscita Magliano De' Marsi, all'imbocco di Magliano si svolta a sinistra per via Cretarolo Seconda, si prosegue sempre dritti seguendo le indicazioni per Rosciolo, si percorre via Magliano Rosciolo fino a che non diventa via Roma, all'imbocco di Rosciolo De' Marsi sulla destra parte via Santa Maria in Valle Porclaneta che conduce all'omonima chiesa, si segue la strada fino ad un evidente spiazzo con cartelloni del parco.

Descrizione: Dallo spiazzo partono i sentieri con segnavia 2 e 3 che seguono la strada sterrata per Passo le Forche (1.221mt), lungo la salita al Passo è presente sulla destra un sentiero che taglia diretto verso la salita al sentiero 3, se non si ha la certezza di identificarlo è preferibile (per lo meno all’andata) proseguire fino al Passo le Forche e da qui prendere a destra il sentiero con segnavia giallo-rosso 3 che in direzione Est risale il Vallone di Sevice.
Una volta addentrati nel bosco il sentiero sale a tornanti con tratti via via più ripidi, si ricongiunge in una zona sconnessa con il sentiero di salita che taglia e poi esce su sentiero battuto su zone più aperte e brulle con vegetazione bassa. Si risale il ripido sentiero fino a raggiunge la fonte perenne di Sevice (1.975mt).
Dalla Fonte di Sevice si prosegue sul sentiero...
Continua a leggere la descrizione dettagliata, scaricare mappe topografice e la traccia GPS al seguente Link:
https://www.borntotrek.it/index.php/percorsi-offcanvas/trekking-offcanvas/237-trk-008-monte-velino-sentiero3

Altre vie di salita al Velino
Direttissima al Velino (sentiero 5) e discesa per il monte Cafornia (sentiero 7A)
https://www.borntotrek.it/index.php/percorsi-offcanvas/trekking-offcanvas/82-052-trk-velino
Direttissima al Velino (sentiero 6) e discesa per il monte Cafornia (sentiero 7A)
https://www.borntotrek.it/index.php/percorsi-offcanvas/trekking-offcanvas-2/7-percorso040-velino-e-cafornia

Mostra di più external

Sito religioso

Chiesa di Santa Maria in Valle Porclaneta

Il punto di partenza è previsto nei pressi dell’antichissima chiesa di Santa Maria in Valle Porclaneta, costruita si presume nel secolo XI ha visto passare la storia tra le sue mura dalla battaglia di Tagliacozzo fra Corradino di Svevia e Carlo I d'Angiò alle dispute sulla Marsica di grandi famiglie come gli Orsini o i Colonna.
Parcheggio

Inizio sentieri

Dall'autostrada A25 si prende l'uscita Magliano De' Marsi, all'imbocco di Magliano si svolta a sinistra per via Cretarolo Seconda, si prosegue sempre dritti seguendo le indicazioni per Rosciolo, si percorre via Magliano Rosciolo fino a che non diventa via Roma, all'imbocco di Rosciolo De' Marsi sulla destra parte via Santa Maria in Valle Porclaneta che conduce all'omonima chiesa, si segue la strada fino ad un evidente spiazzo con cartelloni del parco.
Intersezione

bivio sentiero 3 e sentiero che taglia

Dallo spiazzo partono i sentieri con segnavia 2 e 3 che seguono la strada sterrata per Passo le Forche (1.221mt), lungo la salita al Passo è presente sulla destra un sentiero che taglia diretto verso la salita al sentiero 3, se non si ha la certezza di identificarlo è preferibile (per lo meno all’andata) proseguire fino al Passo le Forche
Intersezione

slargo bivio sentiero 2 (che prosegue a valle) e sentiero 3 (che sale)

Dal Passo le Forche prendere a destra il sentiero con segnavia giallo-rosso 3 che in direzione Est risale il Vallone di Sevice.
Intersezione

bivio sentiero 3 e sentiero che taglia

Una volta addentrati nel bosco il sentiero sale a tornanti con tratti via via più ripidi, si ricongiunge in una zona sconnessa con il sentiero di salita che taglia e poi esce su sentiero battuto su zone più aperte e brulle con vegetazione bassa
Waypoint

Lungo la salita su versante occidentale del Sevice

Si risale il ripido sentiero fino a raggiunge la fonte perenne di Sevice (1.975mt).
Fontana

Fontana di Sevice

Si risale il ripido sentiero fino a raggiunge la fonte perenne di Sevice (1.975mt).
Intersezione

bivio sentiero largo e direttissima del Sevice

Dalla Fonte di Sevice si prosegue sul sentiero in salita fino a raggiungere un valico che lascia spazio ad un vasto pianoro. Sulla destra è presente il sentiero che ripido sale diretto sulla cima del monte Sevice mentre proseguendo nel pianoro si giunge alla bella Capanna di Sevice (2.119mt)
Rifugio custodito

rifugio Capanna Sevice

Capanna di Sevice (2.119mt), gestita saltuariamente in agosto dal GEV (Gruppo Escursionisti del Velino) di Magliano dei Marsi, presente anche un piccolo locale invernale sempre aperto. Per avere la chiave del rifugio invece è necessario contattare anticipatamente il GEV.
Waypoint

lungo il costone che si affaccia sulla Val di Teve

proseguire dal rifugio in direzione Est per evidente sentiero che percorre il bordo settentrionale del pianoro (segnavia 3) affacciandosi sulla Val di Teve aprendo la vista ad immensi e bellissimi panorami sulla valle sottostante
Waypoint

pinnacoli rocciosi

immensi e bellissimi panorami sulla valle sottostante, sulle Montagne della Duchessa e sui ghiaioni settentrionali del Velino. Presenti anche bei pinnacoli rocciosi sospesi nel vuoto
Intersezione

bivio sentiero Sevice-Velino

Arrivati sulla Sella del Sevice (ca. 2.290mt) ci si ricongiunge con il sentiero visibile proveniente dalla vetta del Sevice e si prosegue verso Sud Est
Waypoint

lungo i costoni del Costognillo

su sentiero con piccoli saliscendi scavalcando il Costognillo fino a raggiungere le pendici del Velino
Intersezione

bivio sentiero 3 e sentiero 7 proveniente dal Cafornia

fino a raggiungere le pendici del Velino con sentiero visibile che taglia i ghiaioni. In questo punto (ca. 2.375mt) è presente il bivio con il sentiero 7 che prosegue ad Est verso il Cafornia e le zone orientali del gruppo. Per salire al Velino si devia verso Sud
Waypoint

salita alla vetta del Velino

si devia verso Sud risalendo il ghiaioso costone. Quest’ultimo tratto, un po’ sfiancante ma breve, giunge sulla cima del Monte Velino (2.486mt)
Vetta

in vetta al Velino

vetta del monte Velino (2.486mt). Dalla cima è possibile ammirare in giornate limpide tutto l'appennino centrale con le principali vette dei monti Terminillo, Simbruini, Ernici, Ausoni, Parco nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise, Majella, Velino-Sirente, Monti della Laga e Gran Sasso.
Waypoint

il rientro per il sentiero di andata

Per la ridiscesa si percorre a ritroso la via dell'andata valutando le deviazioni per il Sevice e il taglio nella parte bassa del sentiero vicino al parcheggio.
Intersezione

deviazione per il Sevice

Bivio per il Sevice
Vetta

vetta del Sevice

vetta del Monte Sevice (2.355mt)
Waypoint

riscendendo il Sevice

sentiero 3A riscendendo il Sevice
Waypoint

ritorno alla base

ritorno alla base

11 commenti

  • Foto di Barbara.Vit

    Barbara.Vit 24 set 2021

    Ho seguito questo percorso  Mostra di più

    Sentiero lungo ma molto bello e vario

  • Foto di A.Manzo

    A.Manzo 24 set 2021

    Ho seguito questo percorso  Mostra di più

    è proprio vero! Il Velino da ovunque lo sali non regala niente!

  • Foto di 82paolo

    82paolo 24 set 2021

    Ho seguito questo percorso  Mostra di più

    Una Montagna con la M maiuscola!

  • Foto di p.diabolik

    p.diabolik 24 set 2021

    Ho seguito questo percorso  Mostra di più

    Al GEV ho spesso chiesto la chiave del Sevice per rintanarmi al rifugio ma di me, non so perchè, non si son mai fidati

  • Foto di Fanta.F

    Fanta.F 24 set 2021

    Ho seguito questo percorso  Mostra di più

    Bella traccia, bisogna fare attenzione giusto all'inizio per prendere il sentiero giusto poi per l'orientamento è tutta discesa, lo stesso non si può dire per il sentiero

  • Foto di Antonio.BTT

    Antonio.BTT 24 set 2021

    Ho seguito questo percorso  Mostra di più

    Il Velino è sempre bello! ma è anche sempre tosto!

  • Foto di Fabri Pasca

    Fabri Pasca 24 set 2021

    Ho seguito questo percorso  Mostra di più

    Bella descrizione Fabiè!

  • Foto di Er Biondo

    Er Biondo 24 set 2021

    Ho seguito questo percorso  Mostra di più

    Bellissimo trekking

  • g.lombardi89 7 nov 2021

    Fattibile farlo a novembre?

  • Foto di Fabio - Born To Trek

    Fabio - Born To Trek 7 nov 2021

    Ciao. Dipende dalle condizioni anno per anno e dalle capacità tecniche di chi va. Quest'anno ha fatto già la neve che sicuramente nelle zone oltre il Sevice si è un po' accumulata, inoltre con il caldo che è tornato è possibile che si sia sciolta e ghiacciata rendendo più ostica la salita. Penso che per l'ascesa siano ora necessari sicuramente almeno i ramponcini rapidi con il rischio di non riuscire comunque a salire l'ultimo tratto se ghiacciato ma comunque questo sentiero di salita sebbene lungo non presenta mai particolari difficoltà in buone condizioni

  • Foto di Maria Lina Mosca

    Maria Lina Mosca 29 nov 2021

    Ho seguito questo percorso  Mostra di più

    2 maggio 2021 (neve)

Puoi o a questo percorso