• Foto di Bivacco G.Giacomelli alla Vigolana
  • Foto di Bivacco G.Giacomelli alla Vigolana
  • Foto di Bivacco G.Giacomelli alla Vigolana
  • Foto di Bivacco G.Giacomelli alla Vigolana
  • Foto di Bivacco G.Giacomelli alla Vigolana
  • Foto di Bivacco G.Giacomelli alla Vigolana

Tempo  7 ore 31 minuti

Coordinate 1760

Caricato 31 dicembre 2016

Recorded dicembre 2016

-
-
2.144 m
979 m
0
3,0
5,9
11,83 km

Visto 1617 volte, scaricato 15 volte

vicino Menegoi, Trentino - Alto Adige (Italia)

Conosciuto anche come il bivacco della Vigolana o della Madonnina (dal nome del singolare monolite che lo sovrasta) è posto in una splendida posizione su Trento e la Valsugana. Nel corso di luglio 2016 è stato rifatto completamente e inaugurato il 4 settembre 2016. Più sotto ho messo i link ad alcune pagine che parlano della storia e della costruzione di questo famoso bivacco caro a generazioni di alpinisti (il primo fu posto nel 1966 ed era una struttura in lamiera rossa).
Per arrivarci abbiamo scelto il sentiero 442 che parte di fronte al bar ristorante Sindech (1080 m.), posto a 3,3 km da Carbonare e 10 da Folgaria lungo la statale della Fricca (la strada che unisce l'altipiano di Folgaria e Carbonare a Trento). Non è il sentiero più agevole per arrivarci visto che bisogna superare un dislivello di quasi 1200 m. ma offre scorci spettacolari soprattutto quando, come a noi è successo, capita di salire nella nebbia per ritrovarsi sopra un mare di nuvole.

Il 442 all'inizio ha una pendenza costante non troppo dura. In 1h20 si giunge in vista del rifugio Casarota (1565 m.) dove assieme ai simpatici gestori troviamo una famigliola di alpaca a salutarci.
Da lì il sentiero si fa più ripido e uscendo dal bosco attraversa quello che resta di un bosco bruciato da un vecchio incendio, ciòè praticamente un costone nudo disseminato di rami calcinati. Dopo 1h40 si giunge al Bus de le Zole (2070m.), il punto dove l'orizzonte si apre verso sud, la Val Lagarina e la riserva di Scanuppia.
Ora il sentiero corre in leggera salita sotto tre cime in successione. Dopo 20' si arriva sul punto panoramico posto appena sotto la cima del Becco di Filadonna (2144 m.), il punto più alto del nostro percorso contrassegnato da una croce (3h20 dalla partenza). Qui bisogna mettersi la giacca a vento perché soffia sempre forte. La vista sopra i laghi di Caldonazzo e Levico è spettacolare. A ovest le altre cime del gruppo della Vigolana e più lontano il Brenta creano un quadro selvaggio e maestoso. Nella valle ecco Trento, sembra molto vicina.
Si ritorna indietro fino al crinale e seguendo sempre il sentiero si arriva in circa 20' alla Bocca di Val Larga (2060 m.). Dalla Bocca il sentiero comincia a scendere ripido lungo le pareti della montagna affrontando in alcuni punti dei tratti attrezzati con un cordino per poi risalire nell'ultimo breve tratto fino al balcone naturale dove è situato il bivacco, realizzato dai soci volontari della sezione SAT di Caldonazzo. Due grandi monoliti, denominati la Madonnina e il Frate, lo sovrastano.
All'interno ampie vetrate, inusuali in un bivacco, permettono di godere del vasto panorama con qualsiasi tempo.La struttura in legno multistrato e con copertura in alluminio ha fino a 8 posti letto, un grande tavolo abbassabile, due panche, una stufa e un soppalco con scaletta. Bisogna portarsi la legna non essendovi nei dintorni vegetazione.
La via del ritorno ripete quella dell'andata.
Tempi: 4 ore per la salita , 3 per il ritorno.

View more external

Waypoint

BIVACCO GIACOMELLI

Waypoint

Croce

Waypoint

Rf. Casarota

1 comment

  • Foto di ilsaro

    ilsaro 2-ott-2019

    Ciao Moreno secondo te i tratti attrezzati sono superabili da un cane abituato a camminare?

You can or this trail