Coordinate 1181

Caricato 28 aprile 2018

Recorded aprile 2018

  • Rating

     
  • Information

     
  • Easy to follow

     
  • Scenery

     
-
-
986 m
600 m
0
1,9
3,8
7,51 km

Visto 2614 volte, scaricato 130 volte

vicino Urzulei, Sardegna (Italia)

Spettacolare escursione a margine del confine tra Baunei ed Urzulei,sviluppata intorno al piccolo canyon di Gorroppeddu.
Partenza ed arrivo da uno slargo(Genna Cuccureddu) lungo la pista forestale di Esone,raggiungibile se si è dotati di un buon Suv oppure fuoristrada.
Dopo aver scollinato una salita fare attenzione ad un grosso segnavia lungo il ciglio sinistro.(Wpoint)
E' l'attacco di un sentiero che in discesa vi condurrà sino allo scalone di Ghirovai (wpoint),proprio sopra il cuile omonimo ed all'attacco di una piccola cengia.
Tenete gli occhi ben aperti perché dovrete cercare continuamente gli omini da seguire.
Dopo la scala e finita la piccola cengia (wpoint) si scende leggermente entrando in un bosco ed in breve si giunge a vista a quel che resta del pinneti sottoparete di Ghirovai e delle due mandre.
Dal cuile si ritorna per un breve tratto sui propri passi incrociando subito un bel sentiero,che in breve vi porterà a bypassare la gola in uscita dal canyon di Gorroppeddu (denominato S'arga 'e Ghirofai).
Si risale dalla parte opposta su sentiero buono e molto visibile,ma all'altezza di un altro grosso omino/roccia (Wpoint) si deve uscire sulla sinistra e risalire su ledere e pietraie il fianco della montagna,passando vicino ad un grande pinnacolo di roccia.
Continuando in costante ascesa orientatevi con il wpoint INIZIO CENGIA ed alcuni omini,poi cominceranno i passaggi adrenalitici lungo la cengia Ruvio composta da due sezioni.
Il punto più difficile,in quanto esposto,è l'ingresso vero e proprio nella prima cengia (vedi foto).
NOTA:in realtà il passaggio è più impressionante in foto che non dal vivo.
Se soffrite di vertigini o pensate di non farcela non iniziate nemmeno l'escursione.
Tornare indietro sarebbe demoralizzante oltre che faticosissimo!
Una volta entrati nella cengia i passaggi sono intuitivi,all'interno di un magnifico anfiteatro naturale,e ad un certo punto sembrerà che la cengia finisca.
Invece ci sarà un altro passaggio su uno spigolo roccioso (stavolta meno impegnativo in arrampicata) per un altro tratto di cengia,più breve del precedente.
Al wpoint USCITA (in corrispondenza di una sorta di grande terrazzo naturale) dovrete intraprendere una faticosa risalita su ledere,roccia e pietraia verso la vostra sinistra.
Non ci sono omini o segni di calpestio.
Lungo la risalita ,ad un certo punto,vedrete un arco di pietra (S'ungrone 'e sa Rutta Niedda) incastonato tra le creste di Serra Oseli.
Sarà il vostro punto guida per la risalita troncagambe su terreno infido e fastidioso.
Arrivati all'arco basterà spostarvi verso la sua sx per incrociare un varco (Wpoint) tra le rocce.
Da quel punto parte la scala di Genna Ostuno che vi condurrà prima ad una radura sottostante e poi,dopo 500 mt di carrabile in salita,alla vostra auto.
Escursione grandiosa,una delle piu spettacolari che l'intero Supramonte possa offrirvi.
Panorami sconfinati e natura scatenata.
Per chi ci andrà....buoni passi!

Tempo di percorrenza:6 ore compreso soste.

NOTA:da informazioni avute da persone locali i pastori di un tempo chiamavano la cengia Ruvio "S'ISTRADA MANNA" .

View more external

5 commenti

  • Foto di adriano.urracci

    adriano.urracci 27-mar-2019

    Buon giorno Nat. Per questo percorso, lungo le cengie, reputi necessario un corrimano in corda? Grazie Adriano

  • Foto di Natbaloo

    Natbaloo 27-mar-2019

    Ciao.Assolutamente no.Le cengie non sono esposte come a S'Istrada Longa in quanto più larghe e dotate di vegetazione a lato.Questo contesto rende la marcia meno ansiogena e permette di godersi il panorama che è veramente magnifico.
    Ripeto:l'unico punto "delicato"e' l'ingresso in cengia che impressiona più in foto che dal vivo.
    Con un po di calma e l'aiuto psicologico😁di qualcuno esperto si passa tranquillamente.
    Credimi.
    Attendo resoconto.
    Buoni passi e buona escursione.

  • Foto di adriano.urracci

    adriano.urracci 29-mar-2019

    Sai Nat, seguo spesso i tuoi trek e mi pare di capire che anche tu apprezzi camminare costruendoti il percorso. Mi piacciono i tuoi percorsi e questo trek, che avevo in mente da tanto, lo faro prestissimo. Sicuramente ti faro' conoscere le mie impressione. Grazie, a presto.

  • Foto di salvatore.c

    salvatore.c 15-giu-2019

    I have followed this trail  verificato  View more

    Ottimo giro descritto benissimo, molto bello il passaggio nella cengia. Abbiano avuto qualche difficoltà nel trovare la scala di ghirovai e l'attacco alla cengia, che personalmente non mi è sembrato troppo esposto ma... qualche brividino nell'attacco della seconda parte 🤣

  • Foto di Natbaloo

    Natbaloo 15-giu-2019

    Esatto!a mio avviso il secondo ingresso nella parte terminale della cengia è più LOFFIO del primo in quanto nascosto.Se non ci si sporge non si vede il passaggio in piccola arrampicata sulle rocce.E sporgendosi non bisogna guardare sotto altrimenti....potrebbero esser vertigini😉 grazie per la recensione e per la fiducia.Sicuramente vi sarete fatti una bella sudata,visto il caldo.
    Bravi e buoni passi!

You can or this trail