-
-
278 m
120 m
0
4,8
9,6
19,11 km

Visto 806 volte, scaricato 21 volte

vicino Vinchio, Piemonte (Italia)

Il percorso si svolge in gran parte sui sentieri della riserva naturale della val Sarmassa.
Posteggiata l' auto a Vinchio, la nostra escursione inizia percorrendo per qualche centinaio di metri la piccola stradina asfaltata che si snoda sul crinale collinare che unisce Vinchio con il paese di Cortiglione .
Giunti in località "Monte del Mare" (dove numerose bacheche ricordano quanto lo scrittore Davide Layolo, nativo di Vinchio, fosse legato a questi luoghi) si svolta a destra sul sentiero che arriva alla secolare quercia ricordata da Layolo in "Veder l'erba dalla parte delle radici".
Quì si svolta a sinistra scendendo, così, verso il fondovalle della val San Marzano,che viene attraversata per risalirne, poi, il versante opposto sino al paese di Vaglio .
E' qui interessante attraversare il centro storico, salire sino al belvedere posto accanto all' edificio del Comune e far sosta nel piccolo e ultimo negozietto di alimentari rimasto, per gustare un buon caffè fatto con la cialda dalla anziana proprietaria.
Da Vaglio si imbocca e percorre per qualche centinaio di metri la strada provinciale per Nizza sino a che si svolta a sinistra su strada sterrata assai panoramica cha scende sino a Incisa Scapacino, dove (appena superato l'abitato)si imbocca un sentiero che risale il crinale che divide la val Sarmassa (a sinistra) dalla valle Valtinverno (a destra) sino ad arrivare al, "bric dei Tre Vescovi" così denominato perché era punto di confine tra tre differenti giurisdizioni vescovili:Asti, Acqui, Alessandria.
Oggigiorno il bricco presta il suo nome ad una rinomata barbera superiore della Cantina Sociale di Vinchio e Vaglio.
Dal bric dei Tre Vescovi il percorso continua attraversando la stradina asfaltata del crinale Vinchio - Cortiglione scendendo, poi, sempre su sentiero, in val Tiglione, in direzione Belveglio.
Giunti in fondovalle si percorre per 100 m. circa una stradina asfaltata svoltando, poi, a sinistra per risalire su sentiero sino all'abitato di Vinchio.
Salendo questo sentiero si incontra una interessante area di sosta con numerose bacheche esplicative,posta proprio dirimpetto ad una profonda spaccatura del terreno ove è ben evidenziato uno strato di deposito di conchiglie fossili, e si transita,poi, nei pressi del "bric dei Saraceni" dove avvenne una epica battaglia nell'anno 935 tra Aleramo del Monferrato ed i Saraceni.
Giunti ,infine, a Vinchio non resta che salire la scalinata che porta in cima al belvedere(ove,un tempo,sorgeva il castello ormai scomparso)per ammirare lo spettacolo delle colline del nostro Monferrato e cercare di riconoscere dall'alto le valli ed i paesi appena attraversati camminando a piedi.

Commenti

    You can or this trail