Tempo in movimento  un'ora 44 minuti

Tempo  3 ore 9 minuti

Coordinate 1359

Caricato 19 marzo 2018

Recorded marzo 2018

-
-
870 m
656 m
0
2,1
4,3
8,52 km

Visto 115 volte, scaricato 2 volte

vicino San Vittorino, Abruzzo (Italia)

Anello già parzialmente percorso e tracciato, questa volta in un pomeriggio con leggera pioggia che esalta i colori e gli odori della montagna...
partenza da "Casale Barone", seguendo per pochi metri l'antica Via per Arischia. Deviazione sulla collina a ridosso del "Fosso della Murata", per fare delle foto ad un rudere di un vecchio casolare (1°waypoint) per poi ridiscendere e riprendere il tracciato iniziale. La vecchia "Via antica Arischia", ha sempre delle sorprese da mostrare: Sui ruderi della "Madonna delle Querce" (detta "madònna ella cèrqua" 2° Wp), tracce di pareti affrescate fanno capire quanto erano importanti e sentite, per i viandanti, queste piccole e antiche edicole votive.
Superato più avanti il profondo "Fosso Cinàglia" (a 1,7 Km) grazie al "Ponticello" (molto interessante l'alto muro a secco curvo che lo sostiene, Foto) ho quasi subito abbandonato il tracciato, affascinato da un corposo e limpido rigolo d'acqua che veniva giù dalla "Valle delle Rùmmole" e dalla "Valle del Paragone" quasi completamente allagate...
la neve ormai disciolta e le recenti e intense pioggie hanno trasformato questo posto in un esteso acquitrino di acqua fredda e cristallina, che lascia intravedere la vegetazione sommersa...

Ho trovato un paesaggio davvero insolito e affascinante. Purtroppo non ho evidenziato il Waypoint sulla Chiesa della "Madonna di Capo la Piaia" (a 2,8 Km dal punto di partenza e già descritta e fotografata in un altro tracciato). Ho superato la Chiesa prendendo a destra il sentiero che risale verso "La Madonna Fore", raggiungendo prima un'antica e interessante masseria (Foto) e poi i ruderi dell'antico complesso monastico Equiziano di "S.Severo" (VIII-XIII Sec.).

Ho dovuto aggirare il percorso classico in diversi punti, a causa di estesi e impercorribili tratti allagati...Da S. Severo, (sempre + una tristezza vedere queste storiche costruzioni lasciate al completo decadimento) discesa verso "Fonte del Salice" con acqua ovviamente in abbondanza...Si attraversa il "Fosso della Murata" e si risale verso la vallata e il "valichetto della Murata" stessa, per ridiscendere ripidamente e tornare, ormai quasi all'imbrunire, a Casale Barone.
Questa antica Chiesa, costruita nel valichetto tra Arischia e Cansatessa, è stata opportunamente restaurata non molti anni fa e comunque qualche anno prima del sisma del 2009... con grandissimo dispiacere, ho notato che alcuni vandali hanno già infranto i vetri delle finestre, colpendole con grosse pietre e tentando di entrare da quella ovale e laterale... Nessuna telecamera, nessun allarme, nessun sofisticato congegno potrà mai far desistere questi imbecilli. Si può solo tentare e perseverare nell'educazione...Possiamo solo continuare ad insegnare alle generazioni future e ai nostri figli (nelle scuole ed ognuno di noi in famiglia) che queste "opere dell'uomo" sono solo da conservare, amare ed ammirare, essendo testimonianze importantissime e con un valore culturale immenso...

2 commenti

  • Foto di morellipieri

    morellipieri 26-mar-2018

    Dal prossimo 1° aprile si pagherà una tassa di € 30 per ogni escursione su monte Pettino e dintorni, giusta D.M. 342 del 20 febbraio 2018

  • Foto di Buck67

    Buck67 13-giu-2018

    😀👍

You can or this trail