Tempo  5 ore 11 minuti

Coordinate 2525

Caricato 23 luglio 2018

Registrato luglio 2018

  • Valutazione

     
  • Informazioni

     
  • Facile da seguire

     
  • Paesaggio

     
-
-
2.477 m
1.697 m
0
3,7
7,5
14,96 km

Visualizzato 1969 volte, scaricato 65 volte

vicino a Vetan, Valle d’Aosta (Italia)

Parcheggiata l'auto a Vetan Dessouns prendiamo l'asfalto che sale a Vetan Villette ed in breve, dove finisce l'asfalto, troviamo subito le indicazioni per il rifugio Mont Fallere (segnavia 13).
Dopo una prima rampetta troviamo un bivio.
Andando dritti si prende la carrozzabile (più lunga ma più dolce, possibilità di imboccarla già alle porte di Vetan Villette), svoltando a destra si prosegue sul 13.
Noi siamo rimasti sul 13 e a questo punto non resta che seguire le ottime indicazioni, impossibile perdersi.
L'unica difficoltà (di fiato, non tecnica) sta nella parte centrale: un tratto di circa 1km che guadagna poco meno di 300 metri di dislivello. Fortunatamente è quasi tutta all'ombra.
Sopravvissuti a questo strappo si arriva senza altri scossoni al rifugio, che offre un'ottima cucina.
Lungo la salita, qua e la, sculture di legno raffiguranti uomini e animali catturano lo sguardo...e alcune sono talmente ben fatte da sembrare vere fino a breve distanza.
Dopo la doverosa mangiata al rifugio ripartiamo direzione Lago Fallare, seguendo il sentiero MFT.
Passato quasi subito il Lago delle Rane, ci aspettano ancora due strappetti e dolci sali e scendi prima di arrivare allo specchio d'acqua.
Una breve sosta sulla riva e ripartiamo, ora c'è solo da scendere.
Prendiamo il sentiero 8a che scende veloce all'alpe Tza de Morgnoz, poi proseguiamo dritto su bella carrozzabile, raggiungendo l'alpeggio di Tza de la Comba.
Qua una traccia (inizialmente poco visibile) ci porta ad un crocevia.
Teniamo la destra (segnavia 11/11a) cominciando a perdere quota per poi svoltare decisamente a destra (segnavia 11a).
Su sentiero eroso e frammentato dal passaggio delle mandrie scendiamo all'alpe Loè.
Da qua un'altra comoda carrozzabile ci riporta a Vetan Dessouns.

Il rifugio Mont Fallere deve essere una meta molto gettonata a giudicare dalla fiumana di gente che saliva. In compenso, in tutto il resto del percorso abbiamo incontrato non più di 4 persone.
Abbiamo lasciato l'auto a Vetan Dessouns piuttosto che a Vetan Villette (come fanno tutti) perchè era funzionale al nostro percorso.
Sia in salita che in discesa si ammira la maestosa figura del Gran Paradiso.

Fatto l'8 luglio 2018.
Foto

Arrivo a Vetan Villette

Arrivo a Vetan Villette e primo bivio tra carrozzabile e sentiero
Foto

Il secondo bivio tra sentiero e carrozzabile

Il secondo bivio tra sentiero e carrozzabile
Foto

Un tratto del ripido chilometro

Un tratto del ripido chilometro
Foto

Una delle tante sculture di legno che si trovano lungo la salita

Una delle tante sculture di legno che si trovano lungo la salita
Foto

Un tratto del percorso

Un tratto del percorso
Foto

Arrivo al Rifugio Mont Fallere

Arrivo al Rifugio Mont Fallere
Foto

Direzione Lago Fallere

Direzione Lago Fallere
Foto

Un tratto del percorso

Un tratto del percorso
Foto

Lago Fallere

Lago Fallere
Foto

Un tratto del percorso

Un tratto del percorso
Foto

Alpeggio Tza de Morgnoz

Alpeggio Tza de Morgnoz
Foto

Un tratto del percorso

Un tratto del percorso
Foto

Rientro a Vetan Dessouns

Rientro a Vetan Dessouns

1 commento

  • Foto di Guido Piazzoli

    Guido Piazzoli 14-giu-2020

    Ho seguito questo percorso  Vedi altro

    Fatto oggi il percorso indicato da Giorgio ed Erika: ci siamo trovati benissimo con le loro indicazioni e seguendo la loro traccia. Posto fantastico in mezzo ad una fioritura multicolore. Il rifugio Fallere era ancora chiuso e questo ha limitato l’affluenza ai sentieri. Laura e Guido

Puoi o a questo percorso