-
-
1.293 m
647 m
0
2,9
5,8
11,59 km

Visto 1589 volte, scaricato 45 volte

vicino Poggio Catino, Lazio (Italia)

Bella escursione, completa e panoramica, in una zona verdissima e dai vasti panorami sui monti piu' alti dell'Appennino. Del giusto impegno, puo' essere affrontata senza particolari problemi, ma richiede un po' di pazienza all'inizio del sentiero, visto che si comincia a camminare in una traccia molto stretta e con rovi invadenti. La segnaletica di salita e' vecchia, sbiadita e “multicolore”, ma molti ometti e fiocchi di plastica sugli alberi facilitano l'identificazione della via. Ritorno senza difficolta', svolgendosi nella bella ed incassata Valle Gemini, evidente e senza possibilita' di errore. Si parte dal ponticello sul Torrente Galantina, dopo Poggio Catino, in prossimita' di un cartello esplicativo del luogo. Camminando alti sul torrente dalle limpide acque (gia' possiamo pregustare una piacevole sosta lungo le sponde, al ritorno !), in breve si giunge allo sbocco della Valle Gemini (a dx), area recentemente decespugliata. A destra, si prosegue una decina di metri verso lo sbocco della valle per trovare a sx un sentierino nascosto tra la vegetazione che, comunque, sara' poi sempre visibile innalzandosi tra i cespugli. Si giunge nel bosco dove, finalmente, la via si fa piu' comoda, sbucando all'inizio della lunga cresta S, in un'area chiamata Prato Rossito. I panorami cominciano a farsi molto ampi visto che la cresta e' totalmente aperta. Oltrepassato un primo rilievo (Monte Menicoccio, 1200 mt), si continua a salire con vista sui bellissimi pratoni in basso a dx, che si calpesteranno al ritorno. In breve si arriva ad un secondo rilievo con un mega ometto gia' visibile da molto lontano, scoprendo poi che si tratta di Punta Ferretti (1245 mt), intitolata con una targa al reggente della sottosezione CAI locale. Da li, con un arco di cresta verso W, si giunge alla cima del Pizzuto, con visuale molto ampia a 360°. Per la discesa, si continua sulla cresta opposta (N), aggirando sulla sx un boschetto e seguendo, immediatamente dopo di esso, un vallone evidente che scende sulla dx (E). Comodamente (attenzione agli scivoloni per ostacoli celati dalle foglie) e velocemente si esce sui magnifici pratoni, prima della Valle Gemini. Seguendoli a dx, si entra nella valle in corrispondenza dell'inizio del bosco, dove e' presente una cisterna. Il sentiero e' proprio sulla sx del fosso, a qualche metro di altezza dal fondo. Senza possibilita' di errore, e scavalcando piu' volte il fondo della bella e silenziosa valle, si ritorna allo slargo di partenza. Volendo concludere in maniera “culturale” la gita, dall'arrivo si piega a dx (cartelli indicatori) e si segue il sentiero (deviazione ulteriore a dx, con indicazioni su palo di legno) verso l'Eremo di S. Michele Arcangelo. Ci sara' un po' da salire e la grotta e' preceduta da una faticosa scalinata in pietra. Purtroppo e' chiusa da un cancello in ferro, ma il posto e' suggestivo e l'interno si intravede. Al ritorno verso il ponte ci si puo' soffermare lungo le sponde del torrente per un bel pediluvio nelle gelide e limpide acque.
Waypoint

Discesa Valloncello

Waypoint

Greto torrente Galantina

Waypoint

Grotta S. Michele Arcangelo

Waypoint

Inizio bosco di salita

Waypoint

Inizio cresta a Prato Rossito

Waypoint

Monte Menicoccio

Waypoint

Monte Pizzuto

Waypoint

Pratone

Waypoint

Punta Ferretti 1249 mt

Waypoint

Uscita Valle Gemini

4 commenti

  • Foto di MAURO MURA (ESCARGOT)

    MAURO MURA (ESCARGOT) 5-dic-2016

    Ciao bel percorso complimenti.
    Ti volevo chiedere se a tuo parere è fattibile im mountain bike anche mettendo in conto tratti a spinta.
    Grazie
    Mauro

  • Foto di mauriziogps

    mauriziogps 5-dic-2016

    Non credo che la salita sia molto fattibile in mtb; il sentierino che si inerpica fino a Prato Rossito e' stretto, ripido e pieno di sassi e vegetazione. La cresta fino al Monte Menicoccio e' fattibile ma completamente senza sentiero (pratoni). Dal Menicoccio alla vetta ci sono molti saliscendi sassosi. La discesa dalla vetta, nel valloncello boscoso, e' gia' scivolosa ed insidiosa a piedi.. Forse, l'unico tratto possibile, e' quello che percorre la Valle Gemini, ma vi sono diversi tratti che scavalcano il fosso e, probabilmente, saranno pochi quelli pedalabili. Buone escursioni ! Ciao.

  • Foto di MAURO MURA (ESCARGOT)

    MAURO MURA (ESCARGOT) 5-dic-2016

    Ok grazie allora magari lo farò a piedi.
    Ciao e alla prossima.

  • Foto di SLivio81

    SLivio81 11-giu-2017

    I have followed this trail  View more

    Percorso molto carino.

You can or this trail