Scarica

Distanza

17,7 km

Dislivello positivo

992 m

Difficoltà tecnica

Medio

Dislivello negativo

992 m

Altitudine massima

2.074 m

Trailrank

39

Altitudine minima

1.584 m

Tipo di percorso

Anello

Tempo in movimento

6 ore 20 minuti

Tempo

8 ore 33 minuti

Coordinate

3098

Caricato

30 ottobre 2021

Registrato

ottobre 2021
Lascia il primo applauso
Condividi
-
-
2.074 m
1.584 m
17,7 km

Visualizzato 9 volte, scaricato 0 volte

vicino a San Lorenzo, Abruzzo (Italia)

Percorso con modesto dislivello e qualche fuori sentiero che unisce tre cime over 2000 del quadrante nord-ovest del Parco Nazionale d'Abruzzo.

Dal parcheggio sulla statale 479 in località Passo Godi si prende il sentiero Y7, che riporta come destinazione il Ferroio di Ziomas. Per circa 4 km si tratta di una comoda passeggiata in falsopiano su un'ampia carrareccia, ideale per famiglie con bambini.
Superato lo stazzo di Ziomas il sentiero cambia nome e diventa Y1.
A una prima intersezione, 800 metri dopo lo stazzo (vedi waypoint) si lascia a destra il sentiero Y6, che porterebbe a una delle mete della giornata ma con un giro molto più ampio.
Meno di 1 km più avanti si incontra un secondo bivio che propone, a sinistra, il sentiero 23 con indicazione Monte Godi.
Si prosegue ancora sullo Y1 fino a quando - a 5 km dalla partenza - si raggiunge una svolta dopo la quale il sentiero Y1 prosegue nettamente verso sud.
La cima del Monte Campitello è invece ben visibile davanti a noi, e non c'è alcun sentiero ufficiale che porti lassù. Di qui l'esigenza del primo fuori sentiero (1,5 km), che dopo avere scavalcato un paio di valloncelli attraversa da destra a sinistra il vallone che porta alla cresta e poi alla vetta (2.014 mt).

Da qui si prosegue in cresta per altri 1,7 km in direzione nord-ovest, con belle viste sulla vallata di Camporotondo (a destra) e sui numerosi "Coppi", cime tra i 1.800 e i 2.000 metri, che affollano il panorama in tutte le direzioni. A sud è sempre ben riconoscibile il profilo del monte Marsicano, con le sue due cime e la ripida parete che le separa.

Raggiunta la cima della Serra del Campitello (2.028 mt) si può scegliere se scendere nel vallone di Camporotondo e dirigersi verso il sentiero Y6 per tornare alla base, oppure - come ho fatto io - ripercorrere la cresta fino al Monte Campitello e oltre, avendo come obiettivo la sempre visibile cima del Monte Godi.

Occorrono circa 2,4 km di percorso in cresta per arrivare a un punto, a quota 1.950 circa, da dove è necessario prendere a sinistra la discesa del ripido pendio erboso.
Si procede senza via obbligata, puntando alla ampia sterrata che si distingue 250 metri più in basso (è il sentiero Y1), ma a un occhio attento non sfuggiranno di tanto in tanto dei segni rossi su pietra ormai quasi del tutto scoloriti, tracce di un antico sentiero non più manutenuto.
Dopo 600 metri di "discesa libera" ci si ricongiunge con il sentiero Y1 poco prima del punto in cui lo si era abbandonato in mattinata per intraprendere la salita al Monte Campitello.

Si potrebbe a questo punto proseguire diligentemente sullo Y1 fino all'intersezione con il sentiero 23 incontrata nella prima parte dell'escursione, ma io ho preferito prendere una scorciatoia a vista, con un terzo fuori sentiero (500 metri circa) che mi ha portato direttamente sul sentiero 23.

Il sentiero 23 è la via normale per il monte Godi, ma compie un giro molto lungo a est, e non avendo io tutto questo tempo (sta anche piovendo...) dopo circa un chilometro - nel mezzo, il passaggio alla stele dedicata a papa Giovanni Paolo II, che qui sostò in preghiera durante una delle sue passeggiate estive in montagna - lo mollo per salire fuori sentiero verso la sua cresta orientale.
Questo quarto "fuori sentiero" dura 1,4 km ed è forse il più bello per il bel panorama che offre sulle cime e sulle valli attraversate durante la giornata. Dopo un'ultima impettata non indifferente si tocca la vetta, a quota 2.011 mt.

Dalla cima del Monte Godi si prosegue sull'ampia dorsale, poi si scende più decisamente per un pendio erboso e infine si attraversa un breve tratto di bosco.
Quando si esce dal bosco (1,5 km dalla vetta del Godi) si è ancora abbastanza in quota ma si distingue chiaramente la statale 479 in basso a destra, e la si può raggiungere ancora una volta senza via obbligata. Anche in questo caso, se li si individua, dei tenui segnavia rossi (quelli del vecchio sentiero 24) possono aiutare a orientarsi.
Waypoint

Inizio sentiero

Il parcheggio di Passo Godi, punto di partenza dell'escursione
Panorama

Lungo il sentiero Y7

L'ampia carrareccia nella parte iniziale del sentiero Y7
Waypoint

Stazzo di Ziomas

Lo stazzo di Ziomas (1.580 mt), termine del sentiero Y7
Intersezione

Primo bivio

Primo bivio
Intersezione

Secondo bivio

Secondo bivio
Panorama

Pendici orientali del monte Campitello

Pendici orientali del monte Campitello (fuori sentiero #1)
Vetta

Monte Campitello (2.014 mt)

Vetta del Monte Campitello (2.014 mt)
Waypoint

Ometto di pietra lungo la cresta del Campitello

Ometto di pietra lungo la cresta del Campitello
Vetta

Serra del Campitello

Vetta della Serra del Campitello (2.028 mt)
Waypoint

Ritorno sul sentiero Y1

Fine della discesa dalla cresta e ricongiungimento con il sentiero Y1, termine del fuori sentiero #2
Waypoint

Rientro sul sentiero 23

Fine del fuori sentiero #3 e ricongiungimento con il sentiero 23 per monte Godi
Waypoint

Stele di Papa Giovanni Paolo II

Stele di Papa Giovanni Paolo II, in memoria del luogo in cui si fermò a pregare durante una passeggiata estiva
Waypoint

Ometto di pietra lungo la cresta orientale del monte Godi

Ometto di pietra lungo la cresta orientale del monte Godi (fuori sentiero #4)
Vetta

Monte Godi

Vetta del monte Godi (2.011 mt)
Waypoint

Inizio discesa dalla cresta nord del monte Godi

Inizio della discesa dalla cresta nord del monte Godi
Waypoint

Inizio attraversamento bosco

Ingresso nel tratto boscoso, lungo la discesa dal monte Godi verso la statale 479

Commenti

    Puoi o a questo percorso