Tempo  3 ore 47 minuti

Coordinate 1531

Uploaded 22 marzo 2018

Recorded marzo 2018

-
-
520 m
134 m
0
3,2
6,4
12,73 km

Visto 201 volte, scaricato 12 volte

vicino Dicomano, Toscana (Italia)

Facile escursione sulle colline di Dicomano lungo il sentiero degli Etruschi.
Dal parcheggio di Via Giuseppe Mazzini c/o gli ex macelli (parco Albereta) si prende via Bruciatoia per poi risalire sulla S.S. 67 Tosco Romagnola dove si oltrepassa il ponte sul Torrente Comano; dopo il ponte si prende subito a sinistra in Via Garibaldi (ove si possono notare i vecchi "porticati" del paese) dove inizia il sentiero CAI n° 1/a. Il sentiero degli Etruschi, chiamato dai dicomanesi “l’Erta”, mantiene fede al suo nome facendoci raggiungere la soprastante strada comunale. Fra coloniche immerse nel verde della campagna e panorami sulla Valdisieve arriviamo a Frascole ove vi è la chiesa di S. Jacopo, pieve dal 1719, ristrutturata nel 1923 che conserva un bel campanile neo medioevale. Oltrepassato il piccolo borgo di Frascole abbandoniamo il sentiero per prendere a sinistra la strada che conduce a Venia di Sopra, dove si può ammirare un bellissimo panorama che spazia dalla Valdisieve fino ai rilievi del Corno alle Scale. Rientrati in ambiente boschivo lungo vecchi sentieri, giungiamo in località La Cella dove troviamo i resti due tombe a camera presumibilmente etrusco – ellenistiche. Superato Casa Pozzo troviamo gli scavi etruschi; i ruderi della struttura etrusca, usata intorno al III secolo a.C., inizialmente riferiti ad un santuario sono ormai attribuiti ad un'antica residenza fortificata, compreso tra fine IV e inizi II secolo a.C. La costruzione rivela un imponente impianto rettangolare suddiviso all'interno in tre ambienti quadrangolari tramite due muraglioni trasversali. Le murature sono costituite da blocchi e lastre di arenaria locale di grandi dimensioni murate a secco, e sono da ricondurre all'insigne famiglia dei Veslana, presente nel Valdarno aretino e romanizzatasi poi in Volasenna, tale famiglia si diffuse a Firenze, Volterra e, forse, ad Arezzo. Dalla vicina Villa Poggio scendiamo per vecchie strade poderali all’agriturismo Del Campo e al vicino Convento di Sandetole, ne visitiamo l’esterno e l’interno della chiesa. L’origine del nome “Sandetole” sembra derivare da “San Ditale” per la reliquia del “dito di San Biagio” ancora oggi conservato nel convento, secondo altre fonti questo nome deriva da un affresco ritrovato nella vecchia pieve che raffigura San Giovanni Battista che indica Gesù con un dito. Una strada poderale ci porta fino alla pista ciclopedonale “Alessandro Bartolozzi” che risalendo il corso del fiume Sieve ci riconduce a Dicomano dove termina la nostra bella escursione.
  • Foto di .
  • Foto di .
  • Foto di .
  • Foto di .
  • Foto di .
  • Foto di .
  • Foto di .
  • Foto di .
  • Foto di .
  • Foto di .
  • Foto di .
  • Foto di .
  • Foto di .
  • Foto di .
  • Foto di .
  • Foto di .
  • Foto di .
  • Foto di .
  • Foto di .
  • Foto di .
  • Foto di .
  • Foto di .
  • Foto di .
  • Foto di .
  • Foto di .
  • Foto di .
  • Foto di .
  • Foto di .
  • Foto di .
  • Foto di .
  • Foto di .
  • Foto di .
  • Foto di .
  • Foto di .
  • Foto di .
  • Foto di .
  • Foto di .
  • Foto di .
  • Foto di .
  • Foto di .
  • Foto di .
  • Foto di .
  • Foto di .
  • Foto di .
  • Foto di .
  • Foto di .
  • Foto di .
  • Foto di .
  • Foto di .
  • Foto di .
  • Foto di .
  • Foto di .
  • Foto di .
  • Foto di .
  • Foto di .
  • Foto di .
  • Foto di .
  • Foto di .
  • Foto di .
  • Foto di .
  • Foto di .
  • Foto di .
  • Foto di .
  • Foto di .
  • Foto di .
  • Foto di .
  • Foto di .
  • Foto di .
  • Foto di .
  • Foto di .
  • Foto di .
  • Foto di .
  • Foto di .
  • Foto di .
  • Foto di .
  • Foto di .
  • Foto di .
  • Foto di .
  • Foto di .
  • Foto di .
  • Foto di .
  • Foto di .
  • Foto di .
  • Foto di .
  • Foto di .
  • Foto di .

Commenti

    You can or this trail