Tempo  8 ore 18 minuti

Coordinate 3152

Caricato 13 ottobre 2019

Recorded ottobre 2019

-
-
369 m
58 m
0
4,1
8,1
16,22 km

Visto 122 volte, scaricato 7 volte

vicino Molino-Bolsenda, Emilia-Romagna (Italia)

La passeggiata parte da un ampio parcheggio (gratuito) in Via Francesco Cilea a Casalecchio di Reno. Accanto al parcheggio si trova la fermata dell'autobus Casalecchio Duse. C'è anche un coffee shop (Jakarta).
La passeggiata conduce attraverso i vigneti e attraversa il parco Gessi di Monte Rocca, Monte Capra e Tizzano. Ci sono anche alcune ville storiche lungo il percorso.

Partiamo e dopo poche centinaia di metri lasciamo dietro di noi il rumore e il caos della città.
I primi tre chilometri percorriamo una strada asfaltata con poco traffico.
Lasciamo l'asfalto e arriviamo in una parte con piccoli ciuffi di boschi e vigneti. Ci sono recinti occasionali ma questi sono fatti in modo tale che i pedoni possano facilmente passarli (ed è anche espressamente permesso di camminare qui). In questo tratto c'è una breve salita di 40%.
Dopo cinque chilometri arriviamo a Azienda Agricola Biologica Nugareto (051 351 5111). Al waypoint di Nugareto ho messo un video del loro sito web che fornisce una bella descrizione della zona e quindi anche di gran parte di questa passeggiata.
Dopo aver superato l'Azienda Nugareto entriamo nella foresta. Camminiamo attraverso un pezzo di foresta naturale con molta edera. In alcuni punti troviamo veri tappeti di ciclamino. Ci sono alcuni piccoli corsi d'acqua che attraversiamo con ponticelli. Di tanto in tanto saliamo ripidamente, ma grazie alla presenza di scale è facile da fare.
Dopo otto chilometri percorriamo un breve tratto sul asfalto (via Montecapra) e proseguiamo poi di nuovo nella foresta. Adesso entriamo nel Parco Gessi di Monte Rocca, Monte Capra e Tizzano.
Il Parco è composto di due aree distinte: quella più occidentale e più grande include i cosiddetti Gessi di Zola, estesi continuativamente dal Monte Rocca verso est lungo un arco che termina al Monte Malgotto e chiusi a monte dalla Formazione di Pantano con le Arenarie del Monte Capra, e quella più piccola e orientale, dall'Eremo di Tizzano al sottostante Rio Pozzarone, che contiene un importante esempio di querceto acidofilo relitto pedecollinare.
Camminiamo proprio nel mezzo del triangolo Monte Rocca, Monte Malgotto e Monte Capra. Passiamo prima lungo la valle del Rio Gessi che attraversiamo. Veniamo dalla foresta e poi superiamo i campi da cui abbiamo una splendida vista sugli imponenti Gessi di Zola.
Ora stiamo iniziando la nostra discesa per il ritorno verso Casalecchio. Dopo un altro pezzo di area boschiva arriviamo all'Azienda Agricola Tizzano, attraverso la quale camminiamo in Via Antonio Marescalchi. Questo è una area con molti campi agricoli e vigneti. Di passaggio vediamo la villa Marescalchi (Maggiori informazioni al waypoint). Da qui abbiamo anche delle belle viste su San Luca.
Poco prima di tornare in città camminiamo lungo un filare alberato di querce farnie.
Infine attraversiamo la via Porrettana e torniamo al nostro punto di partenza passando per il Parco Faianello.

Alcuni informazioni:
Il percorso è ideato in senso orario. Ci sono alcune salite ripide che sono più facili da affrontare in questa direzione. Quindi non camminerei nella direzione opposta.
Tempo impiegato: totale = 8 ore 18 minuti di cui in movimento = 3 ore 57 minuti
Ci sono tavoli picnic solo verso la fine dopo 15,8 chilometri in Parco Faianello.
Non c'è acqua potabile lungo il percorso.
Il percorso è abbastanza facile dal punto di vista tecnico.
Presenza di segnavia bianco-rosso:
CAI 124 km 3,3 - 5,5. Segnalato in modo scarso.
CAI 102 km 5,5 - 9,0

Se pensi che sia una bella passeggiata, lascia un feedback. Se hai avuto problemi, scrivimi un messaggio.
World Heritage Site

Villa Toiano

Posta quasi al confine con il Comune di Sasso Marconi, la Villa il Toiano sorge su un leggero rialzo del terreno verso le colline, sulla sponda sinistra del Reno. Prima della guerra vi si accedeva, da un monumentale cancello posto sulla Via Porrettana, attraverso un ampio viale; attualmente l’ingresso avviene da una via secondaria. La Villa fu fatta edificare da Camillo Bolognetti ed inaugurata nel 1559. Il Toiano è uno dei primi esempi di residenza signorile perfettamente integrata nel complesso rurale di cui doveva essere il centro propulsivo, e sicuramente dovuta alla mano abile di un valente architetto. La Villa è caratterizzata da quattro portici, uno per lato, i più importanti dei quali sorreggono gli eleganti frontoni triangolari delle facciate principali, poste sull’asse est-ovest, dalla Valle del Reno verso le colline. Le finestre sono incorniciate da un leggero bugnato e sormontate da un timpano triangolare, richiamante la geometria dei frontoni. Sul retro del palazzo si trovavano i rustici edifici rurali, ai margini del grande prato quadrato, delimitato ai suoi angoli da statue settecentesche, facente parte del giardino composto da ampi piani erbosi e da percorsi alberati, che segnavano la campagna, ben curata e disegnata, il cui punto di fuga prospettico, da qualsiasi parte ci si trovasse, era sempre costituito dalla Villa. Al suo interno, la loggia, passante tra le due facciate, costituisce la chiave di tutta la composizione dell’edificio, in cui, al primo piano sono privilegiati i grandi volumi, con spazi vasti ed altissimi, mentre al secondo piano predomina il concetto già applicato alla scala che unisce i due livelli, angusta e ben lontana dalle suggestioni che lo stile barocco introdurrà negli scaloni bolognesi. (fonte: www.comune.casalecchio.bo.it)
Waypoint

Via Nugareto

Intersezione

Andare diritto - lasciare l'asfalto - Inizio CAI 124

Intersezione

Tenere la destra (verso Zurla)

Intersezione

Andare a destra

Informazione

Cancello - CAI 124 - Accesso consentito a piedi

Informazione

Cancello - CAI 124 - Accesso consentito a piedi

Intersezione

Andare a destra

fotografia

Cancello. Tenere destra e continuare al lato del recinto

Intersezione

Andare a sinistra in su

Informazione

Azienda Agricola Biologica Nugareto

100 ettari di terreno, di cui 15 coltivati come vigneto biologico, oltre 1100 ulivi e alberi da frutto, sono alcune delle caratteristiche essenziali della fattoria biologica, viticola, conosciuta come Nugareto. Un processo di "restauro ambientale" per valorizzare un'area autentica nei Colli Bolognesi. La viticoltura è favorita da un terreno adeguato e da un equilibrio tra la viticoltura tradizionale e il vitigno locale Grechetto Gentile conosciuto come vino Pignoletto. I vini biologici prodotti da Nugareto significano creare un legame storico con Bologna.
Intersezione

Andare a destra in alto sulla scaletta

Informazione

Inizio tratto CAI 102 - si può entrare....

Intersezione

Andare a destra

Informazione

Tratto con un paio di ponticelli

Informazione

Tratto con scale

Intersezione

Ritorno sul asfalto - andare a destra

fotografia

Belvedere - andare sinistra CAI 102

Intersezione

Andare a destra - fine asfalto - Inizio tratto Gessi di Monte Rocca, Monte Capra e Tizzano

fotografia

Andare a destra - lasciamo il CAI 102

Informazione

Rio Gessi

Informazione

Tenere sinistra - Percorso pedonale

fotografia

Vista Gessi

panoramica

Belvedere

Intersezione

Andare a destra - entrata Azienda Agrigola Tizzano

World Heritage Site

Villa Marescalchi

Alla metà del XVIII secolo il Conte Vincenzo Marescalchi, discendente di una illustre famiglia iscritta al senato bolognese fin dal 1578, acquistò dai Benedettini una proprietà terriera su cui fece costruire un grandioso ed elegante casino, con bosco inglese, giardino, giochi d’acqua e belle pitture”, adibendo poi a terreno agricolo i vasti appezzamenti intorno. La villa, gravemente danneggiata da un bombardamento nel 1945, fu ricostruita in forme moderne. Dell’antica costruzione si sono salvati solo la torre ed un porticato, mentre sono andate perdute le pitture degli interni attribuite al pittore bolognese Cesare Baglioni. La villa, ricostruita in dimensioni più ridotte, è tuttora immersa in un grande e suggestivo parco, ricco di immensi ippocastani, lecci, platani, vecchie querce, fitti sempreverdi, vasche e sorgenti. Il bosco digradante dall’alto della collina, è interrotto da fertili distese di campi e di ordinati vigneti fonte di un’importante produzione vitivinicola. Infatti l’Azienda Agricola “Tizzano dei Visconti di Modrone” può offrire oggi una consistente varietà di vini pregiati. (Da Casalecchio di Reno, una città, la sua storia, la sua anima, Telesio Editrice, Milano 2003, p. 67; Annamaria Dalmonte Polvani, Casalecchio di Reno, Percorsi e Immagini della sua civiltà, Pontenuovo Editrice Bologna, 1986, p. 123)
fotografia

Filare alberato di querce farnie

Waypoint

Entrata parco Faianello

Picnic

Postazione Picnic

Commenti

    You can or this trail