Tempo in movimento  4 ore 55 minuti

Tempo  8 ore 46 minuti

Coordinate 2391

Caricato 13 aprile 2018

Recorded aprile 2018

-
-
2.198 m
1.527 m
0
3,4
6,8
13,51 km

Visto 619 volte, scaricato 18 volte

vicino Rocca di Cambio, Abruzzo (Italia)

Partenza dal parcheggio degli impianti sciistici di Campo Felice, si attraversa la strada e si prende il sentiero che fiancheggia la montagna, al suo imbocco ci sono già le indicazioni che riportano le tempistiche per raggiungere il M Cagno 3h M Ocre3h e M.Cefalone 2.30h. Questi tempi sono ottenibili naturalmente senza tener conto della presenza della neve che ne complica la percorrenza. Si sale per un km molto agevolmente su una carrareccia molto battuta e si arriva su un piccolo passo che obbliga a scendere su un piccolo canalone per riprendere la salita verso un altro promontorio dal quale è possibile osservare tutto l'anello da compiere. La neve non ha permesso di seguire alla lettera il sentiero e si è scelto di seguire le tracce di altri escursionisti che l'hanno compiuto con l'utilizzo delle ciaspole e facendo attenzione alla neve troppo bagnata o ghiacciata che rende un po scomoda la salita.
Dopo circa 3 km si giunge su un promontorio a 1900mt circa dal quale è possibile osservare tutte le cime che si affronteranno e da dove si ha un primo impatto con un paesaggio ad dir poco magnifico.
Si scende per un altro vallone per circa 200mt e poi si inizia l'impettata per il M Cagno, 300mt di dislivello su una neve compatta ma molto viscida per il disgelo primaverile, tutto il percorso è stato affrontato senza ciaspole o ramponi in quanto alcuni tratti del percorso come le creste non avevano neve ed era solo una perdita di tempo mettere e togliere ciaspole.
Sul M Cagno 2153mt la vista è mozzafiato, a 360° si possono osservare tutta la catena del Gran Sasso, Il M Gorzano, M Vettore M Redentore, il complesso del Terminillo, tutto il complesso dei Monti di campo Felice, il Velino, il Sirente, gli Ernici i Simbruini, i monti della Marsica e infine la Majella.
Da qui fino al M.Ocre è tutto in cresta, scorrevole ma la neve sul lato destro è pericolosissima in quanto è instabile e pronta a cedere con un volo di centinaia di metri nelvuoto.
Dal Monte Ocre 2204mt la vista è sempre bellissima e se si è fortunati si riesce a vedere ciò che le nuvole coprivano sul M Cagno. Da qui inizia la discesa, il sentiero naturalmente era irrintracciabile e si è scelto di scendere tagliando il più possibile. La valle sottostante completamente innevata nascondeva molte insidie, la neve arrivava fino alla caviglia e in alcuni punti si sprofondava improvvisamente fino al busto. Tratto molto impegnativo.
La salita al M Cefalone non è molto impegnativa ma stanchezza e neve cedevole l'hanno resa dura. Dal Cefalone 2142mt il panorama è tutto dedicato alla piana di Campo Felice e ai sui monti, con una luce pomeridiana tutto si colora con toni morbidi e meno accecanti, bellisimi anche i riflessi dei corsi d'acqua che si sono raccolti nella valle.
Attraversando tutta la cresta tra neve massi strapiombi si arriva fino alla fine della cresta e qui si è deciso di scendere verticalmente per accorciare in km e tempi, il rischio di farsi male è stato molto alto in quanto si è fatto ricorso alla tenuta delle rocce come appiglio piuttosto che ai cespugli di ginepro. Si è trattato di circa 200-300 mt di discesa verticale.
Si riprende infine la carrareccia fatta in partenza e in un batter d'occhio si arriva alla macchina.

Commenti

    You can or this trail