Tempo  5 ore 32 minuti

Coordinate 5070

Uploaded 5 giugno 2018

Recorded giugno 2018

-
-
2.230 m
1.160 m
0
3,3
6,7
13,36 km

Visto 162 volte, scaricato 4 volte

vicino Ormanico, Trentino-Alto Adige (Italia)

Ho programmato questa escursione per cercare di capire un percorso indicato nella cartina Tabacco 023 fin dalle più vecchie versioni a oggi.
Tabacco indica la salita al Monte Neva da sud con puntini rossi (tipici dei tracciati difficili), ma non indica assolutamente la “via normale” da ovest che parte dal Col San Piero ed è un percorso di media difficoltà, bello, tranquillo e indicato sul terreno con svariati ometti.
D’altra parte, nell’unica guida – “Sulle tracce di pionieri e camosci” di Vittorino Mason – che indica una salita al Monte Neva, si propone un tracciato ancora diverso, un po’ più spostato a est e comunque di livello difficile.

Premesso che so benissimo, per esperienza diretta e di altri, che le cartine escursionistiche sono tutt’altro che perfette, l’anno scorso ho provato a “prendere di petto” il percorso Tabacco che si stacca dal CAI 748 seguendo un po’ sulla destra (sinistra orografica) l’impluvio del torrentello che scorre sulla verticale sud del Monte Neva.
Sono arrivato al waypoint 08 di oggi dopo una tremenda battaglia con i mughi: lì non ci ho capito più nulla e sono tornato indietro.

Oggi sono arrivato al waypoint 08 seguendo le indicazioni della guida di Mason: non facile ma almeno si va avanti regolarmente.
In un paio di punti c’è una bella visuale complessiva della parete: mi sono fermato qualche minuto a guardare bene e mi è sembrato di aver capito la prosecuzione Tabacco.
Si tratta di avanzare ancora un po’ sulla linea Mason affrontando un tratto di roccette sul primo grado e poi, anziché piegare a destra, insistere ancora qualche metro fin sotto una fascia di mughi.
A quel punto, invece di andare su un canalino un po’ libero da mughi ma con fondo orribile, si cammina sui mughi per 15/20 metri (non di più, pochi minuti veramente) e poi si sbuca sul facile pendio erboso sovrastante che porta molto facilmente al waypoint 11 sotto la fascia rocciosa sommitale (e poco prima c’è un ometto che certifica di stare in un posto almeno conosciuto).

Dal waypoint 11, per seguire Tabacco bisognerebbe piegare a sinistra e uscire in breve sulla via normale che Tabacco non indica.
Però, visto che avevo risolto il mio dubbio, ho piegato a destra per farmi la bella cengia che porta, con un lungo giro, ad uscire sulla cresta di cima dal lato est.
Rientro per la via normale di Col San Piero.

Ho sovrapposto in Garmin BaseCamp il tracciato di oggi – dal waypoint 08 a 11 – a una cartina Tabacco rasterizzata e corrisponde.
Stessa operazione con il tracciato dell’anno scorso (che sconsiglio) fino al waypoint 08 e corrisponde.

Riepilogando le difficoltà:
  • Da waypoint 04 a 08 (linea Mason): non banale (come dire … attenzione!) l’inizio nei ripidi prati, poi un traverso e un canalino non per principianti ma gestibilissimo
  • Da waypoint 08 a 09: inizialmente solo un po’ ripido, ma poi svariati metri con continui passaggi sul I° o I°+; se si guarda indietro … si nota una discreta profondità, ma se si ha dimestichezza con queste difficoltà la roccia è solida e si va avanti
  • Passato il breve tratto di mughi c’è ancora la cengia, media difficoltà come cengia, ma impegnativa nella scala generale dell’escursionismo
  • Il resto è facile

Per chi bazzica spesso al Rifugio Boz e dintorni, e non vuole cose difficili, consiglio la salita al Monte Neva per la normale dal Col San Piero (la mia traccia di discesa di oggi): non ci vuole molto e la vista è bella.

1 comment

You can or this trail