Scarica

Distanza

16,17 km

Dislivello positivo

519 m

Difficoltà tecnica

Medio

Dislivello negativo

519 m

Altitudine massima

368 m

Trailrank

68

Altitudine minima

178 m

Tipo di percorso

Anello

Tempo

4 ore 20 minuti

Coordinate

1309

Caricato

24 settembre 2017

Registrato

settembre 2017
Lascia il primo applauso
Condividi
-
-
368 m
178 m
16,17 km

Visualizzato 951 volte, scaricato 16 volte

vicino a Patro B, Piemonte (Italia)

Alla scoperta del paese dei “subiet”




INTRODUZIONE


Patro,nei secoli passati, ebbe notorietà per la produzione artigianale-famigliare dei subiet (fischietti) che dalle fiere dei paesi più vicini arrivarono,poi, a essere conosciuti anche nelle grandi città non solo italiane.
Il fischietto di Patro è una terracotta grezza o colorata che raffigura oggetti,animali e personaggi (a volte riprodotti in maniera caricaturale) che ,con un sistema di cavità all’interno(comunicanti tra loro) riescono a emettere diversi tipi di fischi.
I fischietti erano costruiti con la argilla locale(di ottima qualità) che veniva pressata entro stampi di gesso dalle forme assai varie.
Le statuine erano,poi, cotte in appositi forni e,infine,colorate.




IL NOSTRO PERCORSO odierno si svolge sulle colline situate alla dex orografica della grande valle del rio Colobrio che formandosi dai territori di Moncalvo va a sfociare nel torrente Stura.
E’ la valle attraversata dalla statale Asti-Vercelli nel suo tratto tra Moncalvo e Pontestura.
Partendo da Patro si raggiunge Ottiglio,attraversando aree prevalentemente boschive e camminando su crinali collinari che arrivano sino a 350 metri di altitudine.



PERCORSO


Dalla frazione Patro si imbocca la stradina ,inizialmente asfaltata e,poi, subito sterrata,che sale verso la borgata San Vincenzo.
Superate le case della borgata,si prosegue su sterrata che,attraversando aree boschive, arriva alla grande borgata Castellino.
Qui si svolta a dex,a scendere, su stradina che arriva in un fondovalle nei pressi di località Spinosa Bassa.
In fondovalle , si svolta a dex e si attraversa un rio su ponte per risalire,poi, il versante opposto delle valle e giungere ,dopo aver percorso un lungo tratto nel bosco,alla bella borgata Spinosa Alta.
Qui si svolta a dex per effettuare un percorso”andata e ritorno” sino a un vicino rilievo “belvedere” che offre spettacolari panorami sui rilievi collinari circostanti,sulla pianura casalese e vercellese e sull’arco alpino.
Ritornati alla borgata Spinosa Alta,si svolta a six su stradina asfaltata che viene percorsa sino a giungere nei pressi della provinciale n. 36(Cereseto-Ottiglio).
Poco prima di arrivare alla provinciale si svolta a dex su stradina asfaltata che raggiunge,dopo 600 metri circa, l’abitato di Ottiglio.
Dopo essere saliti sino al castello di Ottiglio e aver passeggiato,un poco, attraverso le ripide stradine dell’abitato, si raggiunge via Vivaio da dove si svolta su stradina asfaltata che diviene,poi,una sterrata che raggiunge un lungo crinale collinare che viene percorso per parecchi km. attraversando aree prevalentemente boschive sino ad arrivare alle abitazioni di via Pininfarina.
Da via Pininfarina si svolta a dex su sentiero che scende sino a ricongiungersi con un tratto del percorso già effettuato all’andata.
Qui si svolta a six,si ripassa accanto alla borgata San Vincenzo e in una decina di minuti, si ritorna alla frazione Patro dove era stata posteggiata l’auto.
Foto

Borgata San Vincenzo

Borgata San Vincenzo
Foto

Borgata Castellino

Borgata Castellino
Foto

Spinosa Bassa

Spinosa Bassa
Foto

Spinosa Alta

Spinosa Alta
Foto

Belvedere

Belvedere
Foto

Gruppo foto uno

Gruppo foto uno
Foto

Ottiglio

Ottiglio
Foto

Chiesa campestre

Chiesa campestre
Foto

Grande vigneto

Grande vigneto
Foto

Case via Pininfarina

Case via Pininfarina
Foto

Gruppo foto due

Gruppo foto due
Foto

Patro

Commenti

    Puoi o a questo percorso