Tempo  4 ore 32 minuti

Coordinate 1348

Caricato 8 marzo 2014

Registrato marzo 2014

  • Valutazione

     
  • Informazioni

     
  • Facile da seguire

     
  • Paesaggio

     
-
-
477 m
-3 m
0
4,6
9,2
18,31 km

Visualizzato 8035 volte, scaricato 215 volte

vicino a Guamo, Toscana (Italia)

Quello che comunemente viene definito acquedotto monumentale del Nottolini, è in realtà una pregevole opera composta di due parti: le opere di captazione alle sorgenti, definite correntemente Parole d’Oro ( per una scritta originariamente in oro su un ponticello all'ingresso dell'impianto di captazione ) e le arcate per il trasporto dell’acqua dai monti di Guamo alla città di Lucca definite comunemente Le Fontane. Sul ponticello all’imbocco della serra vespasiata è riportata una scritta "Le Parole d'Oro", incisa nella pietra, con la seguente dicitura: KAR LVD BORB I H DUX N AVG ACVIS E PLVRIBVS FONTIVM ORIBVS COLLIGENDIS AD VRBANOS FONTES LARGIVS PERDVCEDIS MONVMENTO AETERNO PROVIDIT DVCATVS SVI ANNO VI. Il Regio Architetto Lorenzo Nottolini, figlio di Gian Domenico e Maria Domenica Orsolini, nasce il 6 Maggio 1787 a Zone, una località di Segromigno in Piano e Muore a Lucca il 12 settembre del 1851 per un colpo apoplettico. I lavori dell'acquedotto iniziano nel 1821 e terminano nel 1851. Le condotte si sviluppano per 3,2 chilometri su una struttura alta circa 12 metri che attraversa la piana lucchese, sostenuta da 460 archi in mattoni e muratura. Sulla sommità ci sono due canali distinti per due tipi diversi delle acque. Nottolini realizzò due diverse vie per l'acqua, a seconda della loro provenienza: le acque di sorgente furono inviate mediante una via privilegiata alle numerose fonti pubbliche e private di Lucca, mentre le acque di San Quirico e della Valle, andarono ad alimentare le fontane monumentali della città. L'acquedotto termina nel tempietto di San Concordio che in realtà è una cisterna. Usciti dall'acquedotto raggiungiamo in salita il prato a Sigliori m 470 e dopo aver percorso un breve tratto di variante alla via Francigena si discende fino alla foce di Monte Zano. Si sale sul Monte di Zano m 459 e con ampio giro, passando da Massa Macinaia, si ritorna al punto di partenza.
fotografia

Sentieristica della zona

fotografia

Pozzetti di ispezione della parte interrata

fotografia

Ponticello delle 'Parole d'Oro'

fotografia

Impianto di captazione

fotografia

impianto di captazione

fotografia

impianto di captazione

fotografia

impianto di captazione

fotografia

impianto di captazione

fotografia

impianto di captazione

fotografia

impianto di captazione

fotografia

impianto di captazione

fotografia

Cascata a monte dell'impianto

fotografia

Foce di Gallonzora, a diritto

fotografia

Stanghetta

fotografia

Marginetta

fotografia

Monte Zano

fotografia

Variante alla via Francigena

fotografia

Segnaletica CAI

fotografia

Foce di Monte Zano

fotografia

Croce sul Monte Zano

fotografia

Cisterna sul Monte Zano

fotografia

Segnaletica CAI, a dx

fotografia

Rifugio Mori

fotografia

Ruota ad acqua

fotografia

Fonte del 1869

4 commenti

  • Foto di funginco

    funginco 9-ott-2016

    Ho seguito questo percorso  Vedi altro

    Percorso solo per metà a causa mancanza voglia/tempo e meteo incerto.
    Comunque bel giro in una zona per me del tutto sconosciuta.
    Grazie topomatto..

  • Foto di topomatto

    topomatto 10-ott-2016

    Grazie del commento funginco. Aspettando + voglia, + tempo, - meteo incerto. Buon Cammino.

  • Foto di Elisa Sally

    Elisa Sally 23-feb-2020

    Ho seguito questo percorso  Vedi altro

    Bel percorso, facile da percorrere e interessante a livello storico e paesaggistico.

  • Foto di topomatto

    topomatto 23-feb-2020

    Grazie del commento Elisa Sally, apprendo con piacere che hai apprezzato questo percorso e ti auguro Buon Cammino.

Puoi o a questo percorso