Tempo  2 ore 59 minuti

Coordinate 788

Caricato 26 novembre 2020

Registrato novembre 2020

  • Valutazione

     
  • Informazioni

     
  • Facile da seguire

     
  • Paesaggio

     
-
-
36 m
18 m
0
3,4
6,8
13,68 km

Visualizzato 263 volte, scaricato 1 volte

vicino a Villanova, Emilia-Romagna (Italia)

Dopo aver lasciato la macchina vicino all'acetaia di Lesignana, continuiamo su strada Quattroville verso la stazione ferroviaria. Col sottopasso arriviamo a Villanova, dove prendiamo la ciclopedonale con direzione il quartiere Sant'Anna di Modena. Saliamo sul ponte verde di ferro che scavalca il fiume Secchia e subito aldilà scendiamo a destra con una curva a 180°. Sulla strada sterrata andiamo a destra e poco dopo saliamo a sinistra sull'argine destro del Secchia, con direzione il ponte dell'Uccellino, transitando dalla chiesetta di San Matteo. Attraversiamo il ponte e giriamo a sinistra verso sud. All'altezza dello stante 48 dall'argine scendiamo a destra su stradina bassa asfaltata per rientrare a Villanova e alla macchina parcheggiata.

Estratto da www.modenatoday.it
Articolo del 29 settembre 2020
Il ponte dell'Uccellino diventerà a doppio senso di marcia e sarà rialzato di 80 centimetri e rinforzato allo scopo di ridurre notevolmente il ricorso alla chiusura in caso di piena. L'intervento sarà finanziato dalla Regione Emilia Romagna con un contributo di tre milioni di euro al Comune di Modena, previsto nel programma della Protezione civile, e sarà realizzato dal Comune stesso, mentre la Provincia si impegna a predisporre il progetto esecutivo.


L'avvio delle procedure e le modalità di collaborazione tra gli enti sono contenute in una convenzione, approvata lunedì 28 settembre dal Consiglio provinciale dove si indica, come soluzione progettuale, l'impiego di un nuovo ponte bailey che sarà affiancato a quello attuale. Nel documento, inoltre, si indica un termine massimo di due anni e mezzo per completare l'intervento.

Come ha sottolineato Gian Domenico Tomei, presidente della Provincia di Modena, «grazie alle risorse della Regione sarà possibile realizzare un'opera fondamentale che avrà ricadute positive sulla viabilità in una vasta area. La scelta del raddoppio utilizzando un altro ponte bailey consente di programmare l'opera in tempi certi, mentre il progetto di un ponte del tutto nuovo, che abbiamo valutato, presentava costi elevati e tempi molto più lunghi. Cosi abbiamo optato per la soluzione che dava più garanzie in termini di risorse e tempi di realizzazione. La Provincia - ha concluso Tomei - per questo intervento mette a disposizione le proprie competenze progettuali per accelerare ulteriormente le procedure» e ricorda che, sempre per snellire il traffico nella zona e nei collegamenti con l'area nord, la Provincia nel 2017 ha realizzato la vicina rotatoria sulla statale 12.

I sindaci di Modena e Soliera, Gian Carlo Muzzarelli e Roberto Solomita, che sono anche consiglieri provinciali ma non hanno partecipato alla discussione in Consiglio visto che si tratta di un intervento ricadente sul proprio territorio, sottolineano «l'importanza dell'opera che avrà ricadute positive soprattutto per i numerosi pendolari che percorrono il ponte ogni giorno e più in generale sulla circolazione in un territorio compreso tra Modena, Soliera e Carpi».

Il Comune di Soliera, indica la convenzione, aggiornerà gli strumenti urbanistici per consentire gli interventi complementari sulla propria viabilità. L'intervento, infatti, prevede anche l'adeguamento di via Morello, strada che collega Soliera con il ponte dell'Uccellino, in particolare negli incroci con via Villanova e via Serrasina.

Il doppio senso di marcia sul ponte consentirà di eliminare il semaforo che attualmente regola il senso unico alternato, mentre l'innalzamento dell'infrastruttura, adeguato al rialzo degli argini realizzato da Aipo, limiterà di molto la necessità di sospendere la circolazione per motivi di sicurezza, in occasione delle piene del Secchia, un provvedimento diventato frequente in questi ultimi anni e che provoca ogni volta gravi disagi alla circolazione nei collegamenti tra Modena, Soliera, Carpi e con l'area nord del territorio provinciale.

Estratto da www.comune.modena.it
Le Quattro Ville sono formate da centri adiacenti, ma ciascuno con una propria identità specifica, le storiche 4Ville rappresentano la parte più settentrionale della Circoscrizione 4.Ganaceto, Lesignana, San Pancrazio, Villanova e Tre Olmi sono frazioni parte di un unico frammento di territorio ricco di tradizioni e di storia.
Ne sono testimonianza i tanti esempi architettonici e strutturali, a partire dallo storico Ponte Alto, da sempre cerniera e collegamento della Città con questa porzione di territorio.
La zona è stata oggetto negli ultimi anni di importanti modifiche territoriali, legate ad una nuova viabilità, sia stradale che ferroviaria.
Le quattro Ville sono state protagoniste in questi ultimi anni anche di un rilevante flusso migratorio, che ha visto invertire un abbandono del territorio tipico della urbanizzazione dei passati decenni.
Una sorta di “contro-migrazione interna” che ha visto come protagoniste tante nuove giovani famiglie modenesi trasferitesi in modo quasi omogeneo all’interno delle varie frazioni.
Nonostante l’impatto della viabilità ed il fl usso migratorio, le 4 Ville mantengono ancora una forte identità e vivono una sorta di “seconda gioventù”, grazie soprattutto alle numerose associazioni che animano e favoriscono socialità e vivibilità all’interno delle frazioni stesse.
Waypoint

366

Waypoint

367

Ponte

368

Intersezione

369

girare a gomito a destra
Waypoint

370

Waypoint

371

Sito religioso

SAN MATTEO

Ponte

PONTE DELL'UCCELLINO

Waypoint

CACO

Waypoint

373

Intersezione

STANTE 48

scendere a destra
Waypoint

374

Waypoint

375

1 commento

  • Foto di leogas

    leogas 12-dic-2020

    Ho seguito questo percorso  Vedi altro

    Un piacevole lungo giro ad anello nelle campagne dietro casa 👍

Puoi o a questo percorso