Tempo  2 ore 9 minuti

Coordinate 1182

Caricato 11 gennaio 2020

Recorded gennaio 2020

-
-
300 m
-20 m
0
1,5
2,9
5,8 km

Visto 34 volte, scaricato 0 volte

vicino Acquafredda, Emilia-Romagna (Italia)

Sconsigliato in inverno, dato che tanti tratti sono in ombra tutto il giorno e il fondo non si asciuga, nemmeno dopo 20gg che non piove. Sentiero curato e bello, parecchi ponticelli e scale di legno per risalire all'abbazia, ma in inverno molto fangoso e quindi scivoloso in alcuni tratti. Consigliati i bastoncini.

estratto da www.appenninoeverde.it
Parco Regionale Abbazia di Monteveglio

Superficie: si estende per circa 1.100 ettari, non ci sono zone di preparco.
Istituito nel 1995.
882 h di parco
A due passi dalla città, ecco il più piccolo tra i Parchi regionali dell'Emilia Romagna: situato sulle prime colline a ridosso di Monteveglio, nella valle del Samoggia, il Parco Regionale dell'Abbazia di Monteveglio, istituito nel 1995, tutela la porzione più significativa della valle, dominata dal colle.
É delimitato ad est e ad ovest dal torrente Ghiaia di Serravalle e dal Rio Marzatore, e include i rilievi collinari che si alzano a sud e a ovest di Monteveglio: il colle di Monteveglio alto, dove sorgono i resti del castello medievale e l'abbazia di Santa Maria di Monteveglio, con la millenaria pieve, i rilievi dei monti Morello, Gennaro, Freddo, la bella vallecola del Rio Ramato, cuore naturalistico dell'area protetta. A sud arriva ad abbracciare la valle del rio Pravazzano, che presenta tratti aspri e selvaggi incorniciati da affilate creste calanchive. Tutto il settore meridionale del parco è in effetti caratterizzato dagli affioramenti argillosi, mentre nelle zone che si affacciano verso la pianura non mancano estese zone coltivate, dove la vite è l'elemento di maggiore spicco, come conferma la rinomata qualità dei vini che si producono in queste colline.
UN MOSAICO DI BOSCHI, CALANCHI E DIMORE STORICHE

Il parco dell'abbazia si estende per circa 1100 ha, si caratterizza nel suo complesso per la gradevolezza del paesaggio: Un mosaico di rilievi boscosi, piccole valli e grigi calanchi si alternano paesaggi agricoli che conservano gli assetti tradizionali della collina. Tra questi si estendono prati, seminativi e ceraseti. Dal paesaggio brullo e assolato dei calanchi, antichissime rocce ( tali bacini calanchivi sono anche preziose aree di rifugio per la fauna e, insieme all'appartata vallecola del Rio Ramato ) si passa in breve alla rigogliosa vegetazione di profonde e umide vallecole, come quella del rio Ramato, (dove si possono ammirare splendide fioriture di bucaneve e di orchidee ) a boschi aridi e soleggiati, a zone coltivate in cui sono ancora evidenti pratiche colturali oggi abbandonate, in pianura ma spesso anche in collina, a favore di un’agricoltura meccanizzata non altrettanto in armonia con l'ambiente.

Accanto a questi ambienti naturali più aspri il territorio si arricchisce di straordinarie testimonianze storiche, tra i quali spiccano i resti del castello di matildica memoria, celebre per le sue tormentate vicende medievali, e il complesso religioso dell'abbazia di Santa Maria che occupa la parte più alta del borgo medievale, sulla millenaria pieve, i bei palazzi signorili, gli oratori e i antichi nuclei rurali circondati da campi e vigneti. La torre trecentesca del castello ospita un centro visita dedicato alle tormentate vicende storiche di Monteveglio, che nel medioevo ebbe momenti di grande rilievo. Il castello deve la sua fama alla resistenza contro l’assedio dell’imperatore Enrico IV.

Molto frequentato per grande interesse storico-monumentale, oltre che per interessi naturalistici, il sito gode di facile accessibilità, con le necessarie regolamentazioni operate dal Parco. La diversità ambientale che caratterizza il Parco dell'Abbazia fa di quest'area protetta un luogo di straordinaria fertilità per l'educazione ambientale: numerose classi indagano sugli aspetti naturali, agronomici, paesaggistici, storici, architettonici e sociali del territorio nonché sull’evolversi del rapporto uomo-natura. Immergetevi in questo suggestivo paesaggio in cui la storia, la natura e il lavoro dell'uomo si fondono in un’armonia di colori e di forme.
Waypoint

049

Waypoint

050

Waypoint

051

picco

VETTA

Waypoint

052

Calanchi dell'Africa
Waypoint

053

Waypoint

054

Waypoint

055

Waypoint

Monteveglio Alto

Commenti

    You can or this trail