Tempo  4 ore 3 minuti

Coordinate 1850

Caricato 5 gennaio 2020

Recorded gennaio 2020

  • Rating

     
  • Information

     
  • Easy to follow

     
  • Scenery

     
-
-
380 m
82 m
0
3,1
6,1
12,21 km

Visto 55 volte, scaricato 2 volte

vicino Quattro Castella, Emilia-Romagna (Italia)

da evitare dopo la pioggia, per tratti fangosi abbastanza pendenti.
da wikipedia
Il castello di Bianello si trova nel comune di Quattro Castella in provincia di Reggio Emilia, nella pedecollina reggiana. È l'unica fortificazione rimasta in piedi dei 4 torrioni che già nell'VIII secolo si collocavano allineati sui quattro colli, partendo da ponente, Monte Vetro, Bianello, Monte Lucio e Monte Zane (anche Monte Zagno o Mon Giovanni), che attualmente sovrastano il paese di Quattro Castella. Fa parte del circuito Associazione dei Castelli del Ducato di Parma, Piacenza e Pontremoli.[2]
Indice

1 L'origine storica
2 L'epoca matildica e l'episodio dell'incoronazione
3 L'epoca canossana
4 L'epoca moderna
5 Curiosità
6 Note
7 Voci correlate
8 Altri progetti
9 Collegamenti esterni

L'origine storica

I primi cenni storici riguardo l'origine dei 4 torrioni, da cui il nome del borgo di Quattro Castella, sono incerti. La fonte attendibile più antica si colloca 835: si riporta infatti che la regina Cunegonda notifica la cessione di una "Curte de quatuor arcas" a favore del Monastero di Sant'Alessandro a Parma. In seguito la proprietà dei quattro castelli fu acquisita dal casato dei Canossa. Il loro vasto regno si estendeva dal Po alla Toscana. L'Appennino, come cinta muraria naturale agli invasori dal nord, si trovava fortificato con un sistema ininterrotto di castelli, del quale sono parte i quattro torrioni e il castello di Bianello.
L'epoca matildica e l'episodio dell'incoronazione

La storia del castello è inevitabilmente legata al vicino castello di Canossa e soprattutto all'età dell'oro del dominio dei Canossa, ovvero la reggenza della contessa Matilde di Canossa. Secondo diverse fonti storiche, Matilde riservava una preferenza particolare per questo maniero, ove risiedeva frequentemente, nel quale venne ospitato Enrico IV penitente, durante la famosa umiliazione di Canossa, prima dell'incontro del 1077. Sempre qui, nel 1111, Matilde di Canossa ha ricevuto anche il figlio primogenito di Enrico IV, l'imperatore Enrico V, di ritorno da Roma ove era stato incoronato imperatore, sanando la frattura politica consumatasi fra il Papato e il Sacro Romano Impero durante la reggenza del padre. Nel castello lo stesso Enrico V proclama Matilde di Canossa "Viceregina d'Italia"[3][4] e vicaria imperiale in Italia, un evento storico di grande portata, che condusse ad una stagione di pace, culminando dieci anni dopo nel concordato di Worms. Ogni anno, comunemente l'ultima domenica di maggio, tale episodio è rievocato nel Corteo Storico Matildico.
Stanze interne al Castello
L'epoca canossana

Nel 1160, con la cessione della fortezza da parte del duca Guelfo a favore di Guido di Canossa, si dette origine ad un nuovo e separato ramo della dinastia dei Canossa, un ramo per l'appunto detto Bianello. Nei primi anni del XIV secolo tal Giberto III da Correggio[5] riuscì ad impossessarsi del castello di Bianello e del castello adiacente, ovvero Monte Lucio. Il controllo dei 4 colli ritornerà sotto il casato dei Canossa solo nel 1342. Come fonti storiche testimoniano infatti, nel 1358 un discendente dei Canossa, Gabriotto da Canossa, ottenne l'investitura direttamente dall'imperatore Carlo IV. Tale investitura ottiene la conferma nel 1459 per mano dell'imperatore Federico III a favore di Nicolò Canossa, figlio di Alberto. Questo ramo della dinastia Canossa conserva il castello fino al 1742, anno in cui viene venduto al conte Giovanni Gabbi.
L'epoca moderna

Il feudo di Bianello, ufficialmente soppresso nel 1796, fu riacquistato dalla famiglia Gabbi nel 1803 e il casato degli Estensi, in conseguenza agli avvenimenti della Restaurazione, scelse il castello come prima sede del municipio di Quattro Castella. Con la nascita del Regno d'Italia e la conseguente unificazione, il castello fu prima adibito ad un impiego essenzialmente militare, in quanto vi venne collocata una caserma, poi fu venduto tramite asta pubblica nel 1867, e fu acquisito dal dott. Luigi Caggiati, originario di Parma, che ne trasformò la struttura, adeguandolo all'impiego come residenza estiva. Nel 1881 venne nuovamente venduto dalla famiglia Caggiati all'armatore genovese Giovanni Battista Bacigalupo, ereditato dal figlio Carlo. Nel 1897 fu acquistato dalla famiglia del conte Girolamo Cantelli (famiglia Cantelli-Cremonini) che ne rimase proprietaria fino all'acquisto nel 2003 da parte del comune di Quattro Castella.
Waypoint

039

Waypoint

040

Waypoint

041

Castello

BIANELLO

Waypoint

042

Waypoint

043

Rovine

CASTLASS

Waypoint

044

Waypoint

045

Waypoint

046

Waypoint

047

Waypoint

048

Waypoint

049

su strada comunale poco trafficata si scende a Quattro Castella per recuperare la macchina

4 commenti

  • Foto di ElenAsya

    ElenAsya 6-gen-2020

    La prima sono io!!!

  • Foto di leogas

    leogas 6-gen-2020

    Bellissimo percorso panoramico nelle prime colline reggiane, tra boschi e castelli.

  • Emiliano Piccioni 7-gen-2020

    Grazie Luca!

  • Foto di luca berni

    luca berni 7-gen-2020

    Piacere mio. Ciao 😉

You can or this trail