Tempo  3 ore 11 minuti

Coordinate 1385

Caricato 10 giugno 2019

Recorded giugno 2019

  • Rating

     
  • Information

     
  • Easy to follow

     
  • Scenery

     
-
-
987 m
700 m
0
3,3
6,6
13,21 km

Visto 47 volte, scaricato 1 volte

vicino Palagano, Emilia-Romagna (Italia)

Si parcheggia in centro al paese di Palagano e prendiamo subito in salita via Palazzo Pierotti. Dopo poco giriamo a sx su via per Riolo, bel borghetto che si raggiunge al km 2.
Tutta strada asfaltata, ma su cui transitano quasi solo i residenti, per più di 6km, dopodichè si prende a destra la sterrata via dei Cavallari che dopo alcuni saliscendi riporta in paese.
Estratto da www.it.wikipedia.org
Palàgano (Palaghen in dialetto frignanese) è un comune italiano di 2 148 abitanti della provincia di Modena, in Emilia-Romagna, situato a sud-ovest del capoluogo. Fa parte dell'Unione dei Comuni del Distretto Ceramico, che ha sede a Sassuolo.
Il territorio comunale, compreso nella valle del torrente Dragone, affluente del fiume Secchia, è prevalentemente di natura collinare; l'altimetria varia da circa 300 metri ai 1450 metri. L'utilizzo del suolo è in prevalenza agricolo, sono inoltre presenti ampie zone boschive a roveri, querce e castagni specialmente fitte all'innalzarsi dell'altezza.
Il nome del paese si ritiene derivi dal latino palaga, che significa "pepita d'oro"; non si hanno notizie di ritrovamenti nel passato di tale metallo prezioso. La zona però, specialmente vicino alla frazione di Boccassuolo, è stata oggetto nei secoli scorsi di scavi per l'estrazione di rame, calcopirite e ferro.
La prima volta che la località viene citata è in un antico rogito del 1144, quando Palagano era uno dei più popolosi villaggi delle Terre della Badia di Frassinoro. Nel 1197 si costituì comune autonomo e figurava fra i principali del territorio amministrato dall'abbazia. Con il decadere della Badia, tutto il territorio a destra del Dragone passò sotto il controllo diretto dei modenesi; si susseguirono i conti di Gombola ed entrò poi nel feudo di Medola, assoggettato ai Montecuccoli, nel 1321. Il duca di Modena Alfonso I d'Este nel 1534 investì i Mosti di Ferrara che mantennero il dominio per 2 secoli dando il nome di contea di Rancidoro al territorio. Nel 1741 la contea passò ai Sabbatini di Fanano, i quali rimasero sino alla rivoluzione francese ed alla soppressione dei privilegi feudali. Dopo l'ingresso nel Regno d'Italia, nel 1869 il comune venne soppresso e passò amministrativamente sotto Montefiorino. Nel 1957 fu ricostituito comune autonomo.
Durante la seconda guerra mondiale il territorio comunale fu teatro di violenti scontri tra partigiani e nazifascisti, culminati nella strage di Monchio, Susano e Costrignano dove, il 18 marzo 1944, furono trucidati per rappresaglia 136 civili inermi dall'esercito tedesco. Tutto il territorio ha successivamente fatto parte della Repubblica partigiana di Montefiorino.

2 commenti

  • pieronimariachiara 14-lug-2019

    I have followed this trail  verificato  View more

    Bel sentiero, per la maggior parte su asfalto ma con pochissime auto sul percorso. Grazie Luca.

  • Foto di luca berni

    luca berni 14-lug-2019

    Mi fa piacere. Ciao

You can or this trail