Tempo  8 ore 12 minuti

Coordinate 4428

Uploaded 29 marzo 2017

Recorded marzo 2017

-
-
1.177 m
8 m
0
9,2
18
36,66 km

Visto 894 volte, scaricato 13 volte

vicino Manzolo, Piemonte (Italia)

Questo è un itinerario per escursionisti allenati, nel quale si può anche interrompere il percorso scendendo a Campo Ligure dal Colle Cima di Masca. Nella Parte alta si deve tener conto di eventuali bruschi cambiamenti di tempo o alle nebbie orografiche.
Il territorio attraversato e molto vario e merita di essere osservato con attenzione si cammina su percorsi in cresta di collina e successivamente di montagna, dove il paesaggio cambia spesso e apre nuove visioni, inoltre c’è un reticolo di strade che collega i tanti paesi del territorio. Ci sono alcuni tratti di strada asfaltata che ho così suddiviso:
km 2,5 (Dalla Stazione di Ovada fino alla Strada Volpina)+ km 4,2 (dalla Strada Termo fino all’ incrocio con SP79) + km 2,58 (dalla SP79 fino all’Incrocio Beiro)+ km 1,7 (dalla SP79 fino al passo fino al Colle Garrone)+ km 1,6 (da Crocetta di Tiglieto fino alle Vasche) e infine km 0,8 al Faiallo. Un totale di km 13,4 su 37,5 dell’intero percorso. (Non si capisce perchè quando inserisco la traccia su Wikiloc, quest'ultimo sottrae sempre quasi un km dal totale del mio Garmin)
Si inizia dalla stazione ferroviaria di Ovada (180 m), si percorre il lungo viale alberato e all’altezza della seconda rotonda si svolta a destra sulla SS 456 del Turchino e si prosegue per circa 1 km fino ad incontrare sulla destra la strada per “La Volpina” dove si svolta per proseguire. Raggiunto uno sterrato chiuso da una catena, lo si oltrepassa per poi svoltare a sinistra e, dopo 150 m, continuare a sinistra per oltrepassare un rio e iniziare la salita che in breve conduce al cimitero della frazione Costa di Ovada. (280 m)
Il percorso prosegue sulla sinistra del cimitero e prosegue in salita per il bosco, costeggiando la destra orografica del rio fino a raggiungere la Strada del Termo. (425 m) Da qui, svoltando a sinistra, inizia il tratto di percorso più lungo su strada asfaltata. Si sale gradatamente, aggirando ad Ovest il Bric della Cacalupa con la piccola e maltenuta Cappelletta della Madonna del Rosario, passando per i ruderi della Cascina Moglia, fino al Colle Battura. (540 m) Si continua in discesa fino all’incrocio con la SP 79 dove si mantiene la destra, proseguendo in quota tra prati, boschi e cascine. Giunti al bivio Colle Garrone, finalmente si abbandona l’asfalto per proseguire di fronte, imboccando un sentiero che attraversa i pini marittimi per poi giungere sulla SP64 che conduce a Tiglieto. Da qui si può vedere il Monte Calvo che viene raggiunto continuando il percorso con una mulattiera che inizia di fronte alla strada asfaltata. Arrivati alla Crocetta di Tiglieto si prosegue in salita sulla Strada Panoramica Moncalvo che aggira dapprima il monte a Ovest passando per il Balcone del Tusou e poi a Sud fino all’inizio della via Panoramica Monte Calvo o Passo Fruia. (700 m) Contrassegno Doppio Quadrato Giallo Vuoto. Nei pressi delle Vasche di Tiglieto, l'asfalto diventa sterrata e continua a procedere in dolce salita verso Sud Ovest, passa a Sud del Poggio, poi la pendenza si muta in un tranquillo saliscendi in un bel ambiente tra radi boschetti e macchia mediterranea. Volendo si può fare una puntatina sulla cima. Il percorso procede in direzione Sud passando in Località Morbetto (830 m) dove, tralasciando a destra un sentiero non segnato che scende verso la Valle dell’Orba trasformandosi più in basso in pista forestale, noi si prosegue diritto. Si raggiunge così al Passo Fruia, (821 m) si svolta deciso a destra su di un sentiero in discesa senza contrassegni. Poco dopo si può ammirare una imponente formazione rocciosa sulla destra, il Bric Preburon; mentre sulla sinistra si fa evidente il profilo del Bric Dentino che nasconde dietro di se il più elevato Bric del Dente. Dopo aver attraversato una serie di piccoli ruscelli si abbandona la strada, si attraversa un corso d’acqua più grosso, si risale per circa 140 m e si svolta a sinistra per continuare a salire. Circa 200 m più avanti, si incontra il sentiero proveniente da Tiglieto per il Bric del dente, contrassegnato da Un Triangolo Giallo. Lo si segue iniziando una salita decisa che conduce ad una splendida faggeta. Non appena si esce dal fitto del bosco svoltare a destra abbandonando il segnavia e proseguire per circa 400 metri fino ad arrivare alla SP73 del Faiallo. (950 m) Dopo un breve tratto sull’asfalto e un ultimo lungo taglio nel bosco si raggiunge l’area picnic del Passo del Faiallo. (1044 m) La zona del passo, data l'estrema vicinanza dello spartiacque al mare, è sede di singolari fenomeni meteorologici ed ha una nevosità molto elevata. Continuando all’interno del bosco, seguendo i contrassegni dell’AVML, il percorso si apre sui prati. Da qui si abbandona l’AVML per procedere in direzione Sud seguendo il contrassegno Quadrato Rosso e, dopo un tratto di breve salita nella faggeta, si passa per il Cian de Toe, un prato pian o dove s'incrociano vari sentieri. (1090 m) Cian de Toe significa "Piano delle Tavole". Qui un tempo venivano depositati i giganteschi tronchi di faggio tagliati nei vicini boschi. I tronchi venivano sfrondati e squadrati e poi trainati giù per le mulattiere fino alle località marittime, dove erano utilizzati per la costruzione di imbarcazioni. L’ambiente circostante è molto suggestivo: dopo un breve tratto di salita nella faggeta, si passa ad Ovest della prima Cima del Faiallo per sbucare su vaste praterie inframezzate da grossi blocchi rocciosi, che danno all’ambiente un aspetto d’alta montagna, nonostante il mare sia proprio sotto di noi. Subito dopo a sinistra si può passare dall’anticima del Reixa. (1176 m) Continuando a Sud-Sud Ovest, con un'ulteriore risalita si arriva facilmente sull'erbosa vetta del Reixa (1183 m) dove il sentiero piega a sinistra in discesa con contrassegno X Rossa. La vetta è in realtà "parte integrante" del crinale erboso su cui passa l'Alta Via dei Monti Liguri, quindi non molto "montagna" di per sé. Da qui però la vista è straordinaria a 360° su tutto l'arco alpino e la pianura padana, gli appennini, Genova e il promontorio di Portofino, il mare e la costa del Ponente Ligure, le vette di Argentea, Rama e Beigua, le Alpi Liguri e Marittime. Il sentiero scende tra le roccette dapprima al Passo Saiardo per poi aggirare a Sud il Monte fino al bivio per il Rifugio Saiardo Gillwell nei pressi della fonte “Bullu”. (950 m) Il sentiero continua a scendere per i brulli pendii della montagna fino al Passo della Gava. (752 m) Il Passo tra le valli Lerone e Cerusa, era un antico incrocio di mulattiere di collegamento tra Arenzano, Voltri e la Valle dell’Orba e non era raro incontrare lunghe file di muli carichi di merci, composte anche da 1000 animali.
Abbandonato il sentiero con la X Rossa pesi prosegue in direzione Sud fino al Rifugio Cà della Gava. (750 m) Pochi metri più in basso si trova una piccola sorgente. Proseguendo a sinistra tra radi e spogli pini, lungo il traverso si raggiunge il Passo della Gavetta (702 m) Segnavia Due Pallini Rossi. Di qui il percorso scende gradatamente lungo una strada sterrata, talvolta con scorciatoie segnalate, oltrepassando prima il Prato Liseu e poi, molto più in basso, l’area picnic del Pian del Curlo, dove si incontra l'asfalto.(291 m) Da qui il sentiero taglia di nuovo per boscaglia e giunge nei pressi delle prime abitazioni della cittadina, passando sotto l'autostrada, e per via Inipreti e via Terralba, passando sotto la ferrovia, sbuca alla stazione ferroviaria di Arenzano.
  • Foto di Anticima del Rexia
  • Foto di Anticima del Rexia
  • Foto di Anticima del Rexia
  • Foto di Anticima del Rexia
Bed and Breakfast le Ghiandaie Guesthouse Rossiglione, Genova, ITA
Bric Del Dentino 976m
  • Foto di Bric Preburon
Bric Preburon 815m
  • Foto di Cappelletta Madonna del Rosario
  • Foto di Cappelletta Madonna del Rosario
Cima Faiallo 1138m
  • Foto di Colla dell'Albergasso
  • Foto di Colle Battura
  • Foto di Crocetta di Tiglieto
Monte Calvo 737m
  • Foto di Monte Reixa
Monte Reixa 1183m
  • Foto di Passo della Gava
PASSO DELLA GAVETTA 715M
PASSO FAIALLO 1060M
13-FEB-08
  • Foto di Passo Saiardo

Commenti

    You can or this trail