Tempo  5 ore 15 minuti

Coordinate 2657

Uploaded 17 maggio 2016

Recorded maggio 2016

-
-
1.286 m
384 m
0
5,0
10,0
19,93 km

Visto 1176 volte, scaricato 20 volte

vicino Vallerga, Liguria (Italia)

Un anello con la classica salita al Monte Beigua partendo dal versante Sud Sud-Ovest. Si sale da Alpicella fino al Monte dove si segue l’AVML fino a Prariondo per poi ridiscendere, dopo una puntata sul Monte Sciguelo, fino alle Faie. La gita escursionistica è su sentiero sempre ben segnalato denominato "percorso preistorico" per via dei reperti dell'età paleolitica e neolitica. L'itinerario parte dalla piazza della chiesa di Sant’Antonio Abate, (400 m) si prosegue per alcuni metri sulla strada asfaltata e si arriva al cartello che indica l'inizio del sentiero con segnavia Triangolo Rosso Vuoto che accompagnerà fino alla cima del Beigua. Si inizia a seguire il sentiero e, da subito, occorre bisogna prestare un po’ di attenzione ai numerosi bivi dove il segnavia, non subito è presente oppure è nascosto dalle foglie. Dopo alcuni tornanti s'incontra una singolare edicola votiva detta "Nicciu du Briccu du Bruxin", che ingloba un monolite ritenuto da molti un antico menhir. Continuando si prosegue, gradualmente, all'interno di un bosco fino a raggiungere un piccolo prato dove si notano i ruderi di una vecchia casa pastorale e poco dopo si passa sotto ad alcuni costoni rocciosi, arrivando alla radura più ampia del Piano della Luna, (920 m) riconoscibile per la presenza di rocce e pareti affioranti dal terreno. Attraversato il pianoro detritico, si raggiunge la vasta zona umida delle Giare dell'Olio, (1080 m) dove sgorga una bella sorgente all'ombra di un grande faggio isolato. Salendo per la faggeta, proseguendo lungo l'ampio crinale, si arriva ad una nuova ampia radura dove si incontra una carrareccia che si segue per alcuni metri deviando a sinistra e passando accanto ad un recinto. Ancora pochi minuti e si incontra la strada asfaltata, dove svoltando a destra e seguendo l’indicazione dell'AVML, si procede in leggera salita fino a riprendere a sinistra il sentiero che porta all’area attrezzata per il pic-nic Pian di Stella. Seguendo la Via Crucis che collega il Santuario Regina Pacis alla vicina Croce Monumentale, scolpita dall'artista Emilio Demetz e inaugurata nel 1937, si raggiunge la cima del Monte Beigua. (1289 m) Proseguendo in direzione Est, seguendo il segnavia dell’Alta Via, per strada e per sentieri tra boschetti di faggio si raggiunge dopo due chilometri, Prariondo o Prato Rotondo. (1108 m) Il percorso di ritorno inizia di fronte al Rifugio a destra del Punto Informativo del Parco, dove una palina indica ben quattro sentieri. Da qui si prende a destra una strada sterrata che scende e dopo circa 1 km arriva ad una sella. A sinistra una traccia obliqua con segnavia Tre Bolli Rossi, tra erba e roccette, porta brevemente alla sommità del Monte Sciguelo. (1103m). Dalla vetta, verso occidente, in questa giornata si ammirava nitida la costa del savonese e soprattutto l'arco alpino, dal Carmo di Loano fino alle Marittime. Guardando verso Est si vede il monte Rama, mentre, più lontano, si scorgono la città di Genova e gli Appennini. Ridiscendendo il monte “tagliando” per la costa a Ovest si ritorna sulla sterrata dove si inizia la lunga discesa per Le Faie. Poco dopo, a sinistra, si riprende il sentiero con segnavia Linea Rossa, lo si segue alle pendici della Rocca Priata per poi attraversare la zona detta Prierosse e incontrare in seguito una strada che conduce in località Mogliazza (560 m) prima e infine alla Cappelletta delle Faie. (447 m) Dalla cappelletta si segue ora la via asfaltata fino ad Alpicella.
400 m
630 m
980 m
447 m
1080 m
560 m
1114 m
1102 m
920 m
1230 m
920 m
1120 m
1287 m
Singolare nicchia votiva inglobante una pietra-fitta in serpentino alta circa m.2, con spessore circa cm. 10-15, di forma quadrangolare a spigoli molto arrotondati.

2 commenti

You can or this trail