Difficoltà tecnica   Impegnativo

Tempo  6 ore 49 minuti

Coordinate 3198

Uploaded 26 aprile 2016

Recorded aprile 2016

  • Rating

     
  • Information

     
  • Easy to follow

     
  • Scenery

     
-
-
1.682 m
416 m
0
6,1
12
24,54 km

Visto 959 volte, scaricato 23 volte

vicino Albera Ligure, Piemonte (Italia)

Il percorso N.211 attraversa le case della piccola frazione San Martino di Albera Ligure (420 m) e, procedendo su di una stradetta asfaltata, risale in direzione Nord il versante boscato. Dopo circa 900 metri il percorso abbandona l’asfalto e prosegue a destra per immettersi sulla mulattiera che incomincia a risalire la Costa Vendersi. (570 m)
L’ambiente boscato è caratterizzato dall’abbondante presenza di roverelle e pini marittimi che lasciano ogni tanto intravedere delle belle vedute panoramiche sulla circostante Val Borbera, man mano che il sentiero sale di quota.
Proseguendo in costante salita la mulattiera giunge alla Costa Vendersi (710 m), dove incrocia il sentiero N.210 proveniente da Cantalupo Ligure e, subito dopo, al bivio di Poggio Castagnola (730 m) in corrispondenza della strada comunale. Attraversando l’asfalto il sentiero N. 210 si inerpica sul Poggio per ridiscendere, dopo un breve tratto al bivio di Vendersi (mt. 735) dove sono posizionate alcune panchine per la sosta in posizione panoramica. Percorsi pochi metri su asfalto il percorso prosegue con una mulattiera che sale ripidamente a sinistra continuando per la Costa Vendersi, dapprima in un ambiente aperto e poi attraversando un esteso rimboschimento di conifere.
Proseguendo piuttosto ripidamente si raggiunge il bivio con il sentiero 210 A che conduce ai Piani di San Lorenzo con l’omonimo rifugio e, proseguendo il cammino seguendo l’irta salita, si raggiungono i prati sommitali dove sono presenti diversi ripetori per le telecomunicazioni. Superate le antenne si giunge infine alla vetta del Monte Giarolo. (1473 m) Il Monte è il simbolo della Val Curone, sulla vetta è posizionata una statua in bronzo raffigurante il Redentore che nel 2001 ha sostituito la vecchia statua in bronzo e rame posizionata nell'anno 1901.
Da qui, svoltando a Sud col percorso N.200, si segue il crinale che parte dal Monte Giarolo, al Monte Ebro per finire al Monte Chiappo, permettendo di spaziare a 180 gradi sul territorio della Valle Curone e della Val Borbera, con un panorama straordinario sul nostro Appennino. Questo tratto percorre i bellissimi crinali ad una altitudine compresa tra i 1500 e i 1700 metri, toccando le cime più caratteristiche dell’Appennino alessandrino. Scendendo dal monte per i prati, si passa nel bosco di faggi e si arriva al Monte Gropà (1446 m) dove si trova un rifugio in legno ad oggi ancora privo di gestione e quindi chiuso al pubblico e dove giunge la seggiovia proveniente dalla sottostante frazione di Caldirola. Proseguendo si passa al Passo Bruciamonica (1416 m) dove si trovano i resti di un antico castello e proseguendo con dolci saliscendi tra esemplari di sorbo montano e faggio, comincia una rapida salita caratterizzata da una ripida rampa con fondo instabile al termine della quale si arriva sul bellissimo crinale dalla forma arrotondata del Monte Panà (1562 m). La cima è priva di elementi di riconoscimento quali croci o targhe. Salendo ora più dolcemente con un ampio arco si raggiunge la cima del monte Cosfrone (1659 m), dove si trova il bivio con il sentiero N.220 (Piuzzo – Monte Cosfrone). Il monte si trova sul confine tra i territori comunali di Cabella Ligure a Sud e Fabbrica Curone a Nord. Da questo monte svoltando a Ovest si inizia il percorso di ritorno col sentiero N.220. Noi abbiamo voluto fare una “puntatina” al Monte Ebro (1701 m) e poi ritornare per la stessa via passando poco sotto il Monte Cosfrone fino alla sella del Monte Roncasso. (1520 m) Il Monte Ebro è un’imponente montagna a forma di trapezio, posizionata sullo spartiacque tra le valli Borbera e Curone, sulla cui cima si trovano una croce metallica e un cippo a ricordo del centenario di fondazione delle Truppe Alpine. Dalla sella seguendo il sentiero in direzione Ovest si prosegue per il sentiero erboso di cresta che sale al Monte Roncasso (1536 m) e poi ridiscende per un tratturo fino alla carrareccia che porta al Colle Trappola o Trappolla. (1289 m) Volendo evitare la cima del Monte Roncasso, si può prendere a sinistra la comoda mulattiera che scende dolcemente. Lasciando a sinistra il percorso per Piuzzo o Bivio di Pobbio Sup. con segnavia N.220, si imbocca di fronte appena più a destra una strada forestale che, in discesa, si inoltra nella faggeta che ricopre il versante in direzione Nord Nord-Ovest. Attenzione a non sbagliare perché c’è anche un’altra strada più a destra ma con direzione Est. La Carrareccia percorre in discesa il crinale boscato attraversando la Costa Pian delle Melighe, fino ad incrociare il bivio del sentiero N.215 che prosegue a destra. Procedendo diritti attraverso un ambiente dominato da pini, il tratto improvvisamente diventa piuttosto ripido diventando una scorciatoia che si ricongiunge più a valle con la carrareccia, proseguendo in falsopiano attraversando una zona ombrosa di conifere raggiungendo la località Torre di Figino. (713 m) Procedendo a destra per una comoda carrareccia, si passa nei pressi di una casa di caccia fino a incontrare la strada asfaltata, dove si prosegue a sinistra. Dopo circa 400 metri si raggiunge l’abitato di Figino (689 m) dove si svolta a destra in discesa per un sentiero. Scendendo per la mulattiera ben evidente si giunge al bivio con il sentiero N.215A per la Frazione Molini Santa Maria dove si mantiene proseguendo a sinistra il sentiero N.215. Il percorso si snoda al limitare dei prati per scendere attraversando un piccolo rio e risalendo leggermente svolta seccamente a destra per passare presso il piccolo nucleo di case di Cantone Figino. La mulattiera si trasforma in sentiero che continua a scendere zigzando tra filari di alberi fino ad arrivare a costeggiare il torrente Albirola. Dopo circa 500 di metri si raggiunge il ponte stradale di Albera Ligure.
ALBERA LIGURE - INIZIO ASFALTO 11:29:20
  • Foto di Bivio Poggio Castagnola
  • Foto di Colle Trappola
  • Foto di Colle Trappola
  • Foto di Figino
  • Foto di Monte Cosfrone
  • Foto di Monte Ebro
  • Foto di Monte Giarolo
  • Foto di Monte Giarolo
  • Foto di Monte Roncasso
  • Foto di Torre di Figino

2 commenti

  • Foto di armagnak randazzo

    armagnak randazzo 28-apr-2016

    superlativo

  • Foto di blunted

    blunted 29-mag-2018

    I have followed this trail  verificato  View more

    Gran bel percorso, scenari meravigliosi, in primavera. Un po' difficile trovare la traccia nell'ultimissima parte del percorso. W!

You can or this trail