Tempo  3 ore 25 minuti

Coordinate 1648

Uploaded 1 novembre 2015

Recorded ottobre 2015

  • Rating

     
  • Information

     
  • Easy to follow

     
  • Scenery

     
-
-
908 m
294 m
0
2,6
5,1
10,26 km

Visto 1189 volte, scaricato 37 volte

vicino Gazzo, Liguria (Italia)

Si tratta di un breve e piacevole percorso che si affaccia sul Golfo di Arenzano e rappresenta un punto di osservazione panoramico previlegiato. Su queste alture è possibile scoprire numerosi ripari in pietra che i contadini, per ripararsi dal maltempo, hanno costruito e utilizzato fino alla fine degli anni ’50. La giornata è splendida ma molto ventosa, come spesso capita in queste zone. Con l’auto, dopo alcune curve dalla frazione Terralba, si arriva alla località Curlo (291 m), dove si trova un piccolo parcheggio a fianco di un'area pic-nic attrezzata con panchine e tavoli in legno. Il Curlo è celebre tra gli appassionati italiani di “hawkwatching” per essere una primaria postazione dalla quale osservare, in particolare, i bianconi in migrazione e per essere anche teatro del famoso e atteso raduno annuale (di solito alla seconda domenica di Marzo) denominato Biancone Day. Lasciata l'auto in questo spiazzo ci si inoltra sulla strada asfaltata chiusa da una sbarra in legno, che inizia a fianco di un grosso serbatoio dell'acqua. Dopo un breve tratto in salita per un centinaio di metri, questa diventa sterrata e dopo circa 900 metri, si attraversa una sbarra metallica in prossimità delle case Vaccà. In questa zona, soprattutto a primavera, è facile scorgere uccelli rapaci, quali bianconi, poiane e falchi. Questa è una zona di avvistamento, vi si trova infatti un Centro Ornitologico per studio e avvistamento dell’avifauna. Superata la sbarra, si lascia a sinistra la deviazione per il Centro Ornitologico e si prosegue diritti, per brevissimo tratto per poi deviare a destra, su sentiero con segnavia 2 Bolli Rossi e scritta Passo Gava. Lo si percorre brevemente, per lasciare ad un bivio, la deviazione di destra (che sarà utilizzata per il ritorno ad anello) e prendere invece a sinistra. Proseguendo per sentiero costeggiando la carrareccia si raggiunge Pràu Lisëu. (593 m) Si continua per la larga e comoda sterrata, si passa vicino alla costruzione in pietre del Mulinello, con i resti di un argano, e, curva dopo curva, aggirando il Bric Gavetta, il paesaggio diventa sempre più montuoso. Si arriva quindi su un lungo rettilineo dove appare alla vista la Ca da Gava (735 m). Il piccolo rifugio è sempre aperto e offre un utile riparo in caso di freddo e maltempo o un momento di riposo sulla panchina nella bella stagione. Pochi metri più in basso si trova una piccola sorgente. Dopo una breve sosta si percorrono ancora alcune decine di metri e si arriva sulla sella erbosa del Passo della Gava (752 m) che offre ampi panorami sui monti e sulle vallate circostanti. Il Passo della Gava tra le valli Lerone e Cerusa era un antico incrocio di mulattiere di collegamento tra Arenzano, Voltri e la Valle dell’Orba e non era raro incontrare lunghe file di muli carichi di merci, composte anche da 1000 animali. Dal Passo della Gava, si svolta a destra imboccando in moderata salita il sentiero segnato con X Rossa. Si risale in diagonale e a mezza costa il versante Nord del Monte Tardia di Ponente, aspro e spoglio. Dopo un lungo tratto in leggera salita, la pendenza aumenta e il percorso serpeggia tra massi piccoli e grossi tagliando un contrafforte. Si continua tra rocce di crinale quasi in trincea, in leggera salita, fino a raggiungere il ventoso e panoramico Passo Tardie. (860 m) Incuranti del vento, sempre più forte, decidiamo di fare una visita alla cima senza croce del Tardia di Levante, quindi, abbandonato il sentiero, percorriamo il largo crinale con roccette e in un attimo siamo sulla piatta cima del Monte. Più che una vera cima, non è altro che una spalla del Tardia di Ponente. Il panorama comunque è sempre eccellente, soprattutto verso Genova. Un po’ infreddoliti dal gelido vento che arriva da Nord Est, riprendiamo quindi il cammino e torniamo al Passo Tardie. Da qui si abbandona il percorso con la X Rossa per Voltri, per seguire il segnavia Tre Bolli Rossi che, proseguendo in direzione Ovest per il ventoso crinale, raggiunge in breve il Monte Tardia di Ponente, caratterizzato da un basamento con croce in ferro sulla cima. (928 m) Esteso il panorama su Arenzano ed il Golfo di Genova, nonché dall'Appennino alle Apuane. Dalla cima, seguendo sempre il segnavia, si prosegue ancora verso Sud, lungo la evidente dorsale, fino alla sommità della Rocca dell'Erxu (898 m), dove si trova il piccolo ricovero "Ai Bellli Venti". Con ripida discesa deviando a sinistra tra radi e spogli pini, per numerose svolte lungo il costone si raggiunge il Passo della Gavetta (702 m) Svoltando a Sud dopo qualche decina di metri, si intravede a sinistra il sentiero contrassegnato da una V Bianca che passa, poco dopo, sotto al Rifugio Salve Regina, un riparo in pietra. Seguendolo in discesa la vecchia mulattiera disastrata, si passa vicino a tre grossi tralicci e poi, svoltando a destra per un tratto piuttosto ripido, si raggiunge il sentiero con segnavia A Rossa su sfondo Bianco. (542 m) Si svolta a destra e subito dopo s’incontra una zona umida nella quale si trova la Fonte “Brassettu”. Si continua su irregolari gradini in ambiente aperto e prevalentemente roccioso fino a raggiunge il caratteristico riparo dello "Scarpeggin" (502 m), con fonte purtroppo di scarsa portata. Il percorso prosegue dapprima regolare con un bel panorama per poi scendere con alcune svolte, sulla carrareccia dove a destra vi è il Centro Ornitologico. Passata la sbarra si raggiunge la località Pian del Curlo. (291 m)
878m
928m
PASSO DELLA GAVETTA 715M
862M

2 commenti

  • Foto di Sanfra25

    Sanfra25 6-ago-2018

    I have followed this trail  View more

    Traccia ottima, ho seguito le indicazioni senza alcun problema fino al passo Gavetta; poi decisamente cotto dal caldo la mia attenzione è calata e purtroppo ho chiuso l'anello troppo presto perdendomi il passaggio al rifugio Scarpeggin... Paesaggi di alta montagna a due passi dal mare, stupendo!

  • Foto di federico1984

    federico1984 4-dic-2018

    I have followed this trail  View more

    Fatto oggi, un bel percorso molto panoramico!

You can or this trail