Tempo  5 ore 30 minuti

Coordinate 2937

Caricato 18 ottobre 2015

Recorded ottobre 2015

-
-
1.709 m
403 m
0
4,3
8,6
17,11 km

Visto 1110 volte, scaricato 22 volte

vicino Vignolo, Liguria (Italia)

Il monte Galero è un'elegante ed imponente montagna delle Alpi Liguri, che domina la valle Pennavaira e Arroscia da un lato e la valle Tanaro dall'altra. Offre splendidi panorami sia sul versante ligure (la piana di Albenga ed il mare), sia su quello piemontese della Valle Tanaro, con in primo piano alcune tra le vette più importanti delle Alpi Liguri: Antoroto, Pizzo di Ormea, Marguareis.
L’ anello, di seguito descritto, parte da Vignolo in Val Pennavaira, sale al Colle del Prione e da qui alla vetta per il versante Sud Ovest, con discesa dal versante opposto in direzione Est Sud-Est fino al Passo delle Caranche. L'escursione è lunga e un po' faticosa. Questo percorso ad anello fa conoscere, seguendo l'Alta Via, entrambi i versanti del Galero.
Se si vuole camminare meno occorre seguire l'itinerario che parte dal Colle di San Bernardo per il Bocchino delle Meraviglie fino alla vetta.
Si parte dall'antico borgo di Vignolo (507 m) nella Val Pennavaira e si segue l'itinerario segnato con un Rombo Rosso che sale tra le case su un bel viottolo acciottolato. Si continua lungo una mulattiera tra gli ulivi fino a sbucare su una strada sterrata. Ad un tornante a destra si imbocca una scorciatoia che permette di tagliare un bel tratto della stessa strada sterrata. Dopo essere ritornati sulla strada la si abbandona definitivamente per salire alla Casa Ciocca (1072 m). Di fronte alla casa sulla destra il percorso, con un'ultima risalita nel bosco, porta finalmente sul crinale di spartiacque Tanaro-Pennavaria e al Colle del Prione (1297 m), dove si raggiunge anche l'Alta Via dei Monti Liguri. Si svolta a destra in direzione Nord Est e, seguendo l'Alta Via dei Monti Liguri e il Rombo Rosso, risalendo per la china erbosa della Costa delle Crose, dopo un tratto in lieve discesa si arriva ai piedi del versante Sud Ovest della montagna nei pressi di una palina.(1495 m), Da qui inizia una rampa erbosa ripidissima che sale diritta tra suggestive formazioni rocciose chiamate "Brecce" o "Giganti di pietra. Si passa in mezzo e poi piega sulla destra, raggiungendo finalmente un colletto dove a sinistra, molto vicina, vi è la più bassa delle due vette del Galero, sormontata da croce e, a destra, in pochi minuti si raggiunge la vetta principale della montagna, anch'essa sormontata da croce (1708 m)
La vetta, se la giornata lo consente, offre una vista davvero ampia sia sulla costa ligure che, verso Nord, sulle Alpi Liguri e la valle Tanaro con in primo piano l'abitato di Garessio. Noi eravamo tra le nuvole e non abbiamo potuto ammirare questi panorami.
Al ritorno si prosegue lungo il filo del crinale in direzione Est Sud-Est, si arriva al Passo delle Caranche (1411 m) sullo spartiacque Pennavaira-Neva. Qui si lascia l'Alta Via, che prosegue a sinistra verso il Colle di San Bernardo e si imbocca il sentiero segnato con un Triangolo Rosso Vuoto e su un masso, con vernice rossa, la direzione per Nasino. Il percorso, con una interminabile serie di tornanti, scende nel bosco fin sul fondo del vallone e, dopo aver perso ben 900 m di quota, attraversa il Rio Lavezzo per proseguire con tratto pianeggiante a mezzacosta sulla destra orografica, fino a raggiunge le case di Vignoletto, (404 m) posto in posizione panoramica sull'incombente Castellermo ed il sottostante paese di Nasino.
Attenzione, durante la discesa fate attenzione a non smarrire il segnavia. Dalla piazzetta seguiamo a destra la strada asfaltata, che, in leggera salita, procede fino ad incontrare un'altra strada: salendo a destra si arriva a Vignolo.
PASSO DELLE CARANCHE 1411M

1 comment

You can or this trail