Wikiloc will stop soon for maintenance

 
-
-
608 m
7 m
0
3,7
7,3
14,66 km

Visto 3831 volte, scaricato 43 volte

vicino Portofino Vetta, Liguria (Italia)

Quando in Piemonte c'è ancora la neve o la nebbia oppure le temperature sono decisamente più basse, è un grande piacere camminare o correre in Liguria, soprattutto quando si tratta di un bel giro a piedi con partenza da San Rocco di Camogli, sosta a San Fruttuoso e ritorno nella stessa località di partenza, salendo fino al Semaforo Vecchio. Ho classificato il tragitto “per esperti” per una parte più impegnativa dove vi sono alcune zone esposte nelle quali sono state previste delle catene per aggrapparsi, inoltre, vi sono diversi salti, anche pericolosi per le caviglie, cambiamenti di dislivello, ripide discese “tecniche”, che richiedono un minimo di allenamento soprattutto per chi, come noi, lo ha fatto di corsa. Si lascia l’auto nel parcheggio in prossimità dell'abitato, a pagamento nei weekend, dove la sosta costa abbastanza, il parchimetro accetta SOLO monete da € 2 per ogni ora…per questo motivo abbiamo deciso di fare il percorso….di corsa!
Il tracciato parte dal sagrato della chiesa parrocchiale di San Rocco (215 m) e si svolge lungo il versante occidentale del Monte di Portofino. La mulattiera, contrassegnata da Due Pallini Rossi, attraversa le suggestive località il Poggio e la Mortola, offrendo una varietà di panorami e di paesaggi particolarmente apprezzabili permettendo e di ammirare ampia parte della costa occidentale ligure e il Golfo Paradiso. Oltrepassati i nuclei di Poggio e Mortola, si avanza attraverso i coltivi, in prevalenza oliveti, oggi in gran parte abbandonati, e dopo un ponticello , dove alcuni lavatoi raccolgono l’acqua della sorgente Vegia che sgorga nella zona, in breve si giunge al bivio di Fornelli. (230 m) Si giunge presto al Poggio, uno sperone di roccia posto sul crinale che scende a Punta Chiappa, dal quale si gode di un’eccellente panorama sul versante occidentale del Promontorio per poi la località Fornelli, ora chiamata Batterie per la presenza delle batterie antiaeree (bunker) e dalle annesse strutture costruite durante la seconda guerra mondiale. Il sentiero scende dolcemente da Punta Chiappa per Punta Budego fino ad arrivare al famoso Passo del Bacio. (146 m)
II luogo è estremamente esposto, ma le catene ancorate alla roccia rendono sicuro e affascinante il tragitto. Il percorso prosegue superando il Passo del Bacio, fino ad un nuovo piccolo passaggio esposto, (136 m) per compiere il percorso che ora si snoda lungo il versante occidentale della Cala dell’Oro con questa parte di sentiero che degrada lentamente verso mare. La risalita per il valico della Costa del Termine (274 m) è faticosa e si svolge, per gran parte, in un valloncino umido fittamente boscato. La discesa verso San Fruttuoso avviene in una specie di tunnel vegetale sempreverde costituito da un tipo di vegetazione intermedia tra macchia e bosco fino a raggiungere la banchina dalla quale partono i battelli per Camogli, Portofino e Santa Margherita. L'abbazia sulla spiaggia risale al XI secolo. Da notare anche la torre a lato dell'abbazia la cui costruzione fu iniziata da Andrea Doria. Il percorso prosegue Imboccando il sentiero che ha inizio dietro all'Abbazia e che, con una ripida ma breve scalinata conduce davanti a Torre Andrea Doria.
Da qui un piccolo viottolo sale, da subito molto ripido, passando dapprima in una zona coltivata ad oliveto con tipiche fasce liguri a ridosso delle abitazioni e dopo inoltrandosi in una valle ombrosa costeggiando un ruscello. Contrassegno Cerchio Rosso. I tornanti proseguono poi in mezzo alle fasce e alle piante di ulivo in un tratto più assolato, passando davanti ad un rifugio in località Molini.
Giungendo in località delle Sorgenti Caselle, dove un tempo esistevano attività agricole e dove restano ormai soltanto alcuni ruderi, vi è un rubinetto di acqua potabile. Il sentiero si addentra di nuovo nel bosco e nei punti in cui si distanzia dal corso dell’acqua, attraversa zone panoramiche con scorci di mare. Poco dopo si arriva agli imponenti massi rocciosi, che contraddistinguono località Pietre Strette (466 m), fulcro del Monte di Portofino nonché punto di sosta attrezzato e dotato anche di una grande mappa del Parco. Da Pietre Strette, per sentiero contrassegnato da Due Triangoli Rossi Vuoti si sale lungo un bosco misto ombroso caratterizzato da sporgenti massi rocciosi e, appena valicato il costone, ci si immerge subito nella macchia mediterranea per poi raggiungere la vetta al Semaforo Vecchio recentemente ristrutturato e adibito a rifugio. (610 m) Seguendo sempre i contrassegni Due Triangoli Rossi Vuoti si piega decisamente a Sud per una discesa che dapprima passa per la Sella Porcile (531 m) per poi arrivare ad una rada pineta giungendo poi alla Sella Toca (453 m) che si trova tra il Semaforo Nuovo e il Monte Tocco. Ancora una ripida discesa e si arriva al sentiero dell’andata che riporta alla partenza.

3 commenti

  • cgusmeroli 4-apr-2016

    I have followed this trail  View more

    Ho percorso il sentiero partendo e arrivando a Camogli, viaggiando in treno. Vanno quindi aggiunti circa 200m di dislivello.
    L'ho percorso con passo di trekking, non di corsa.
    La descrizione di Csesia è impeccabile :-)

  • Foto di Csesia

    Csesia 4-apr-2016

    Grazie....

  • shaihulud 6-ago-2018

    I have followed this trail  View more

    fait a l envers de cette présentation.il ne faut pas avoir peur du vide ni de mettre les mains, sinon trail classique.très sympa, plein de beaux point de vue.
    en aout avec 40 degré j ai fini mes 2 litres d eau a mis parcours, un point d eau au " moulin" et un autre a san fruttuoso potable, et un non contrôlé a la batterie. possible de descendre a punta schiappa de la batterie pour remonter a san recco, il y a un hôtel prés de la pointe ou l on peut boire ou manger.
    j ai cherché 2 heures durant le chemin pour la " torreta" je ne l ai jamais trouvé, j y retournerai.

You can or this trail