-
-
1.694 m
1.446 m
0
3,5
6,9
13,81 km

Visto 1081 volte, scaricato 5 volte

vicino Montaldo di Cosola, Piemonte (Italia)

Un percorso a forma di “otto”molto bello adatto a tutti. Partenza dal piazzale di C.ne di Cosola direzione Sud lungo la strada per Artana e Bogli, al km 1,3 proseguire in direzione Bogli fino a svoltare a destra per una strada interpoderale, al km 2,4. Proseguire per ambienti prativi (ex pascoli) e boschivi fino ad iniziare la salita che porta alla Costa Legnà. Più in basso vi è la “Fontana Ravin” o “Ravinelli” che negli anni passati veniva utilizzata per le mucche al pascolo. Arrivati sulla Costa Legnà si svolta a destra (sentiero 101) fino alla cima del M.te Legnà o Croü (1669 m). Per ambiente tipicamente prativo si prosegue sullo sparti acque tra la Regione Emilia e il Piemonte quindi a cavallo tra la stretta Val Borbera e la selvaggia Val Borreca. Proseguire per il Cavalmurone (1670 m) fino a scendere verso C.nne di Cosola. Finisce la prima parte del percorso. Chi vuole proseguire riparte dal piazzale di Capanne di Cosola e con qualche decina di minuti può raggiungere il Monte Chiappo (1700 m), lungo una salita senza pendenze eccesive e proseguendo in un’ora può completare il giro. Il Monte Chiappo è una bella e caratteristica piramide erbosa che sovrasta le valli Staffora, Boreca, Borbera e Curone, sulla quale convergono i confini delle regioni Lombardia, Piemonte, ed Emilia Romagna. Sul Monte Chiappo transitava la” via del sale” lombarda che permetteva il commercio del sale mettendo in comunicazione Pavia con Genova. Sulla Strada del Sale viaggiavano carovane di muli, le quali percorrevano i crinali delle montagne incuranti dei dislivelli. Giunti alla pianura esse ripartivano poi in direzione opposta con altre mercanzie: grano, tessuti, spezie, riso, dopo aver venduto i "prodotti del mare" caricati nel porto di Genova, ma anche olio, sapone, formaggi. Tra questi il prezioso sale, "l'oro bianco", al tempo unico metodo di conservazione per gli alimenti deperibili. Dopo una breve sosta sul monte si scende in direzione Est , risalendo il M.te Prenardo per poi ridiscendere fino ad incrociare La Bocca di Crenna. Scendendo alcune decine di metri a Sud, per una strada interpoderale, a sinistra inizia il sentiero del ritorno con i sui contrassegni gialli e blu che riporta a Capanne di Cosola.

Commenti

    You can or this trail