-
-
634 m
383 m
0
4,2
8,5
16,91 km

Visto 67 volte, scaricato 0 volte

vicino Isca, Campania (Italia)

Un itinerario con poche asperità, tutte nella parte finale, quando dalla valle del torrente Cortino si sale in paese.
Si parte in centro a Calitri per dirigersi verso nord verso le campagne, dove appena usciti dal paese s'incontra la Fontana della noce con il suo lungo vascone.
La parte iniziale del tracciato si presenta con una serie di saliscendi fino ad arrivare nella zona chiamata Piano dei Monti, superando varie fattorie dedite all'allevamento e alla produzione di miele. Da questo punto è possibile apprezzare un vasto panorama sull'altopiano, su Calitri e sulle vicine montagne della Basilicata, dove spiccano i profili del Vulture (vulcano spento) e dei monti Pierno e S.Croce, vicino San Fele (Pz).
Qui inizia una lunga discesa che porterà nella breve valle del torrente Cortino, probabilmente originatosi lungo una faglia tettonica.
In questa parte di percorso, Valle Santa Maria, spicca la Masseria Tozzoli, del tipo fortificato, poiché queste campagne sono da sempre infestate dai briganti, non solo quelli post-unitari, che si servivano della protezione del vicino Bosco di Castiglione.
La valle appena sottostante la masseria era una comoda via di comunicazione tra l'Ofanto, e i boschi lucani, con queste alte campagne e Aquilonia, spesso in fermento nell'Ottocento.
Nelle vicinanze c'è la fontana di S.Arcangelo, classica e preziosa pila per abbeverare gli animali e dissetare contadini e viandanti. Da qui inizia un breve percorso boscoso e piegando a destra, una strada di campagna permette di risalire il Cortino fino all'inizio del Sentiero della Cupa, antico tratturello usato dai Calitrani per andare verso le campagne, ma reso celebre da Vinicio Capossela e il suo SponzFest.
Questo è l'inizio dell'unica vera salita, fatta di qualche tornante, fino ad arrivare al punto di partenza.
Torre di stile angioina che un tempo proteggeva una delle porte di accesso alla cinta muraria di Calitri
Fontana di acqua potabile
Una sosta per un assaggio di miele irpino presso una storica azienda produttrice di miele, passata da padre in figlio recentemente. Diverse sono le varietà di mieli, ma il millefiori è quello, naturalmente, più venduto.
I ruderi di quella che doveva essere una bella e umile masseria di campagna.
Una fontana da poco restaurata, posta in un'area che un tempo era molto abitata. Si trova sulla strada che permette di collegare velocemente la valle dell'Ofanto all'altopiano di Aquilonia e di scendere poi verso il Calaggio.
Un punto panoramico di gran bellezza sulla valle dell'Ofanto e dal quale si ammira l'urbanistica del centro storico di Calitri.
Ponte che scavalca il torrente Cortino e permette di salire in paese.
Un antico sentiero utilizzato dai contadini per andare verso le campagne nella valle del torrente Cortino oppure alle terre dei Piani, poste a nord dell'abitato.

Commenti

    You can or this trail