• Foto di Lanciano - Orsogna - Guardiagrele - Fara Filiorum Petri - Francavilla al Mare
  • Foto di Lanciano - Orsogna - Guardiagrele - Fara Filiorum Petri - Francavilla al Mare

Coordinate 1281

Caricato 2 gennaio 2019

Recorded gennaio 2019

-
-
587 m
4 m
0
14
27
54,32 km

Visto 74 volte, scaricato 3 volte

vicino Lanciano, Abruzzo (Italia)

ntermodalità e tratturi, terra di miracoli, dolci dai nomi che non si dimenticano, come alcune salite. Luoghi che testimoniano il passaggio dei Longobardie dovesi celebra la cacciata dei francesi con fuochi per Sant’Antonio. Pedalata cicloturistica, con partenza in treno da Francavilla al Mare, animata località balneare, sede del Carnevale d’Abruzzo. In mezzora si raggiunge Lanciano.
In quello che era il municipio romano Anxanum sono ben visibili le antiche mura, leTorri montanare, la torre medievale e la torre angolare aragonese, la torre civica, fino alla cattedrale Madonna del Ponte, sui resti del ponte romano-medievale. Proprio qui passavano i pellegrini verso il Miracolo eucaristico: percorso recuperato con l’Itinerario archeologico-monumentale Ponte di Diocleziano-Miracolo eucaristico. Sede della devozione è la chiesa di San Francesco: si narra che nell’VIII secolo un sacerdote espresse dubbi sull’eucarestia, così che ostia e vino si trasformarono in carne e sangue. La testimonianza è custodita in un reliquiario settecentesco. Non da meno la chiesa medievale di Santa Maria Maggiore e il Museo Diocesano.
In entrambi si ammirano le Croci di Nicola da Guardiagrele, massimo esponente dell’oreficeria abruzzese del Quattrocento. Dalla stazione, da via Bergamo, via Parma, via Milano, via Luigi de Crecchio ecco corso Trento e Trieste, con la pavimentazione che richiama il motivo della Presentosa, gioiello abruzzese. Quindi la SP64 che in meno di 17 km porta a Orsogna. La vista della Majella nella grande tela La Figlia di Jorio, deriva proprio da schizzi e foto realizzati qui da Francesco Paolo Michetti che la dipinse
nel 1895. E come ragazza che passa sfuggente nel dipinto ispirato alla tragedia di Gabriele d’Annunzio, c’è un’adolescente diciannovenne di Orsogna, Giuditta Saraceni. L’opera è nel Palazzo della Provincia a Pescara.
La cittadina, sul tratturo Centurelle-Montesecco con la sua Torre di Bene, è famosa per i Talami, quadri biblici viventi legati alla Pasqua, gemellati con i Mystery Plays di York, in Inghilterra.
Con la SS538 e poi con la SP215, in meno di 10 km ecco Guardiagrele. “La città di pietra” come scrisse d’Annunzio nel Trionfo della Morte, è un borgo fortificato fra porte, torri e palazzi, fino alla cattedrale di Santa Maria Maggiore, edificata nel XII secolo circa. Custodisce l’affresco di San Cristoforo del protagonista del Quattrocento abruzzese, Andrea Delitio.
È del XV secolo la dolcissima Madonna del Latte.
Da vedere il complesso conventuale di San Francesco e da programmare una visita d’estate, quando per un mese Guardiagrele è sede della Mostra dell’artigianato artistico abruzzese, occasione anche per provare le Sise delle Monache, dolce tipico del posto con pan di Spagna e crema. Il pasticcere locale sarà felice di spiegare l’origine di questo nome singolare. Dai 576 m s.l.m. in meno di 10 km si scende a 227 m s.l.m. di Fara Filiorum Petri, sempre su statale.
Per il rientro, due opzioni: quasi 27 km della SP214 su asfalto, o via sterrato fra il fiume Foro e le campagne. Da Fara, per l’attacco della stradina di campagna che porta fino al ponte sotto la SS16 a Francavilla, si percorre la SP124 fino al grande spartitraffico.
Quindi a sinistra (direzione Bucchianico) e dopo il ponte sul Foro, subito la prima a destra. La stradina di campagna principale da seguire, inizia asfaltata e poièsterrata, seguendo l’andatura del fiume. Non è segnata ufficialmente ma abbastanza frequentata e si trovano tracce di passaggio delle bici.

Commenti

    You can or this trail