Tempo  un giorno 10 ore 8 minuti

Coordinate 4883

Uploaded 22 maggio 2016

Recorded novembre 2015

-
-
2.479 m
427 m
0
31
61
122,85 km

Visto 632 volte, scaricato 6 volte

vicino Sabiona, Trentino - Alto Adige (Italia)

Giro di passi dolomitici realizzato nel fine settimana dei Santi 2015.
Partenza dalla stazione di Chiusa Gardena, e risalita della Val di Funes fino al Col Rodella e al Passo delle Erbe. Discesa su Antermoia e, dopo un piccolo scollinamento, discesa su San Martino in Badia, dominato dal bel castello. Qui ormai è notte, e proseguiamo fino a San Cassiano convinti di trovare cena, cosa che invece di questa stagione non avviene. Dormiamo sul terrazzo di legno di un grosso albergo dell'Armentarola.
Il giorno dopo, domenica 1 novembre, salita a Passo Valparola. Di qui decidiamo di salire il Sass de Stria. È quindi già pomeriggio quando ci avviamo verso il Falzarego e Lilinallongo. Qui incrociamo la processione che va al cimitero, un momento indimenticabile sullo sfondo della Civetta. Raggiungiamo il Pordoi che sono già le 18, ovvero buio pieno. Ci aspettano oltre 100 km con il fanale per tornare alle rispettive case!

DA COMPLETARE: foto e descrizione dei punti.

View more external

La più vicina alla Valle di Funes.
Un belvedere non molto ortodosso; siamo entrati nell'acqua dell'Isarco per fotografare la luna sopra l'abbazia.
L'imbocco della valle è caratterizzato da una breve stretta, dominata dal castello di Summersberg sul lato sud.
Uno dei primi paesi della valle, con alcuni muri affrescati.
Centro principale della valle, e noto belvedere sulle Odle. Sul cimitero fervevano i preparativi tipici della vigilia dei Santi.
Fa parte di una serie di panchine sistemate in luoghi strategici per la valenza panoramica.
Dal primo tornante sopra San Pietro grande vista sulle Odle dietro alberi in veste autunnale.
Caratteristici masi sopra il paese.
Con una chiesetta bianca lungo la strada. Bellissimi prati tutt'attorno.
Il WP è posto alla baita Edelweiß che, pochi metri prima del passo, spone una bici da corsa issata su un sostegno di legno.
In un praticello molto caratteristico
Passo dolomitico minore, ma notevole anche per il fatto di avere diverse vie di accesso: Funes o Luson, San Martino o Rina.
L'unico paese di una certa importanza fra la Badia e il Passo delle Erbe.
Un valico minore fra Antermoia e la Val Badia.
Domina da una collina prominente il tratto di valle sottostante.
Attacco del Passo delle Erbe dal versante Badia.
Il paese che dà il nome alla valle. Da non perdere ovviamente l'abbazia.
Qui ci si stacca dalla strada per Corvara e Passo Gardena, per andare verso Passo Valparola.
Luogo di lussuosi alberghi, nonché del celebre ristorante. Fuori da uno di questi alberghi, tutti chiusi fuori stagione, noi abbiamo bivaccato.
Inizio della vera salita al passo.
il "faux sommet" venendo dalla Badia
Sulla salita al Sass de Stria
Poco sopra l'omonimo bivio, punto cruciale della SS48.
Uno dei paese piú belli lungo la strada
Ponte con sopra la pista.
Il luogo dove ho scattato l'ultimo panorama prima di notte.
Ci arriviamo a sera.
Fine della traccia, visto che il prosieguo era tutto su strade di fondovalle.

Commenti

    You can or this trail