-
-
367 m
250 m
0
1,2
2,5
4,99 km

Visto 504 volte, scaricato 1 volte

vicino Mezzasco, Lombardia (Italia)

Si arriva a Strozza in località Mezzasco dove si trova la LD di Strozza. Parcheggiata la macchina si scende per 50 metri e sulla destra si prende la " Via del Canale" ( vedi cartello ), una strada ciclopedonale recuperata e riadattata dal percorso del canaleche trasportava e alimentava la centrale idroelettrica di Clanezzo. Da qui si prende a destra e dopo 500o metrisi arriva al " Ponte ad archi del Chitò" costruito sul torrente Imagna e lo si attraversa. Giunti al terminedel ponte si prende a destra e da qui inizia la bella avventura adatta a tutti ( naturalmenete si parla in senso generale ma la strada è piana e solo a Clanezzo prendete in considerazione dei saliscendi della strada normale ). Lungo il percorso si trova il sentiero che sale al Monte Ubione contrassegnato come sentiero CAI numero 584 percorribile, secondo indicazioni del cartello, in due ore. Proseguendo si possono ammirare dei sguarci aperti dove è possibile ammirare il versante opposto e nel frattempo goderci il fresco del sottobosco. Arrivati a Clanezzo presso il risptorante Belvedere, si scende lungo la via Belvedere fino a uno stop e da lì prendere a sinistra per Via delle Rose poi si continua per Via Guglielmo Marconi fino allo stop. Da qui si prende la strada a destra per Via Leonardo da Vinci fino allo stop. Arrivati qua si prende la strada provinciale 23 fino ad un selciato che la attraversa e, ivi, a sinistra per la mulattiera o meglio l'antica strada selciata che scende al Castello si Clanezzo con il suo porto e il suo ponte " che balla " dove l'Imagna si immette al Brembo. Passato il ponte e arrivati all'altra sponda si scende a destra e subito il percorso a sinistra che costeggia il canale dell' Enel fino in fondo dove si gira a sinistra. Attraversato il Canale ci troviamo in località Fonderia di Almè, girare intorno alla casa sulla destra e proseguire fino in cima a una piccola salita: da qua inizia il sedime della Ferrovia della Val Brembana. A sinistra si continua sul sedime fino a Sedrina e i suoi bei ponti mentre a destra in direzione Almè fino a un certo punto dove è presente il deposito della SAB e poi si continua su un ponte fino a una proprietà privata: io sono andato a destra fino a un certo punto poi i tuoni mi hanno costretto a tornare indietro dove mi son preso pure la pioggia torrenziale ( bellissima esperienza ). Poi il ritorno l'ho fatto con passi veloci per c ui il tempo di percorrenza è molto variabile. In quel momento ho fatto il percorso andata e ritorno in due ore e dieci minuti.

Commenti

    You can or this trail