Difficoltà tecnica   Facile

Coordinate 436

Uploaded 10 ottobre 2013

Recorded ottobre 2013

-
-
2.479 m
1.730 m
0
1,8
3,6
7,2 km

Visto 2539 volte, scaricato 11 volte

vicino Riale, Piemonte (Italia)

In alta Val Formazza arrivare alla piana di Riale, d'estate la piana è invasa dalle macchine, una grande area è attrezzata fin sotto la diga di Morasco. Una vera deturpazione di una magnifica zona Alpina che riserva numerose passeggiate ed escursioni, nonché per gli appassionati di montagna la possibilità di salire e godere lo spettacolo da alcune cime famose come, la Punta d'Arbola - Ofenhorn, il Corno Cieco - Blinnenhorn, o il Basodino.
Siamo sul limite del confine con la Svizzera e naturalmente i nomi di quelle vette le cui creste segnano il territorio sono chiamati con lingua diversa.
Zona ricca d'acqua per cui lo sfruttamento idroelettrico si nota dalla presenza di numerosi laghi dovuti allo sbarramento artificiale. Ma nonostante la presenza di tralicci e costruzioni di servizio, in alcuni punti arricchiscono la bellezza del paesaggio.
Da Riale la gita al Rifugio Città di Busto è una bella camminata alla portata di tutti effettuabile in poco più di un paio d'ore. Poi la collocazione del Rifugio del CAI sul limitare di una dorsale che segna da un lato il fianco della valle del Sabbione dall'altro la conca, piana dei Camosci, rende particolarmente piacevole la zona e il suo ambiente.
Per raggiungere la meta risultano facili le indicazioni: attraversare tutta la piana di Riale, in direzione Sud - Ovest, verso il visibile sbarramento di Morasco, portarsi sopra la diga continuando a tenersi sul lato destro, nella direzione di marcia, costeggiare seguendo la strada bianca il bacino, raggiunto il suo finale ci si trova nella verdeggiante valle di pascolo del Gries, all'altezza della costruzione della teleferica e di fronte alla gola del Rio del Sabbione, lasciare sulla nostra sinistra il sentiero che porta al Rifugio Mores (zona soggetta a frane). e proseguire lungo la vallata - cartelli segnaletici. Si passa di lato alle baite di pastori e ora il sentiero risale decisamente a superare un salto della valle si raggiunge un altra bella e dolce conca, in fondo si intravede la sella del Gries, il sentiero ci conduce sulla sinistra della valle passando sotto alle case baite di Bättelmatt, 2111 m. Si è questa la zona che ha dato il nome al famoso formaggio, di limitata produzione dal tipico e squisito sapore e dal non basso costo.
Ecco qui - segnaletica - abbandonare la valle per il Gries, infilarsi sulla sinistra sempre seguendo un bel sentiero, più faticoso, che rimonta per la costiera di una valletta, sulla destra un torrente dei tanti affluenti alla costituzione del Toce, e le rocciose pareti scure della Punta dei Camosci. Risaliti, adesso ci aspetta l'ultimo centinaio di metri. Il sentiero piega in direzione Sud e con qualche tornante raggiunge la sommità dell'ampia costiera ove si trova il Rifugio Città di Busto, accogliente costruzione in muratura, 2480 m.
Difficoltà: E facile
Tempo: 2 - 2,30 ore di salita.
Dal Rifugio è possibile proseguire per diverse mete, traversare ad altri Rifugi. Di recente è stato ripristinato il sentiero dei Camosci che taglia sulla parete della omonima cima fino al passo del Gries.
Anche la discesa dal rifugio è possibile compierla operando in diversi modi, passando nella valle del Sabbione.




la valle, conca, che ha dato il nome al famoso formaggio
  • Foto di Lago Di Morasco (1815 m)
  • Foto di Rifugio Città di Busto (2480 m)
  • Foto di Rifugio Città di Busto (2480 m)

Commenti

    You can or this trail