Coordinate 393

Uploaded 8 dicembre 2013

Recorded dicembre 2013

  • Rating

     
  • Information

     
  • Easy to follow

     
  • Scenery

     
-
-
281 m
201 m
0
2,3
4,5
9,1 km

Visto 3482 volte, scaricato 34 volte

vicino Turin, Piemonte (Italia)

|
Mostra l'originale


Con questo Knowing Turin 5 termino la mia visita in questa bellissima città di Torino, in questi 5 tour ho cercato di far conoscere la città, sempre dal mio punto di vista, so che ci sono state molte cose e luoghi non menzionati, ma penso per aver presentato i luoghi e i luoghi più illustri in questa città. Bene, vi presento la mia ultima visita, Grazie Torino.
In questo tour visiteremo Palazzo Madama, il Palazzo Reale, scaleremo il Monte Cappuccini, attraverseremo luoghi emblematici e visiteremo i musei che si trovano in questo percorso:
La nostra partenza è da Piazza Castello, poiché qui inizieremo a visitare il Palazzo della Madama, questo luogo era precedentemente attraversato dal muro romano che circondava la città di, Augusta Taurinorum, nome originario di Torino, situandosi nel luogo esatto che ora occupa il Palazzo Madama una delle porte d'ingresso, che fu in seguito utilizzata come roccaforte fortificata per difendere la città.
Quando l'Achaia sabauda prese possesso dell'edificio nel XIV secolo, il luogo fu ingrandito e trasformato in castello. Ecco perché oggi possiamo vedere, alle sue spalle, la struttura originale di quel castello medievale di pietra scura, in cui due delle sue torri ricordano ancora il suo glorioso passato romano. Ospita oggi il Museo Civico di Arte Antica. Articolato con 35 stanze, il museo è sviluppato su quattro piani (uniti insieme con un elevatore) così come un punto panoramico situato in una delle torri del castello di Acaja. Nella pianta sotterranea è il lapidario medievale; il piano terra è dedicato all'arte del periodo gotico e rinascimentale; il primo piano (o piano nobile) ospita opere del periodo barocco; il secondo piano è dedicato all'arte decorativa.
Non percorriamo molti metri per fare la nostra prossima tappa, il Palazzo Reale, il Palazzo Reale di Torino era, in origine, un palazzo vescovile, con il nome di Palazzo di San Giovanni, funzioni che ha funzionato fino alla fine del XVI secolo. Pertanto, nel XVI secolo, divenne il Palazzo Ducale di Torino, un cambiamento che segnò profondamente l'architettura della piazza e della città stessa.
Al giorno d'oggi, all'interno del Museo dell'Armeria Reale, mostra alcune delle armi e armature delle collezioni di Carlos Manuel I. Conserva numerosi tipi di armature, coltelli e armi da fuoco. Ci sono armi medievali e altre dal XVI al XVII secolo. Tra i pezzi più interessanti, l'armatura da torneo di Manuel Filiberto de Saboya, l'armatura di Otto Enrique de Baviera e l'armatura equestre di Carlos Manuel I, oltre a un cannone di Carlos V. Notevole è la collezione di bandiere degli eserciti sabaudo e italiano (circa 250) e la sezione di armi e armature orientali.
Lasciamo la Reggia e arriviamo in Via Po, a Piazza Vittorio Veneto, per raggiungere il fiume Po. Accompagneremo il fiume, passando accanto al molo e arrivando al Ponte Umberto I, che attraverseremo e tra le strade saliremo verso l'emblematico, il Monte Cappuccini, la Chiesa di Santa Maria del Monte e un interessante museo, il Museo Nazionale della Montagna, questa montagna È molto suggestivo di notte, poiché la sua decorazione con luci blu, richiama la tua attenzione da molte parti di Torino, ma visita il Museo: Situato sul lato della Chiesa, in una posizione panoramica dalla quale si può ammirare un lungo tratto delle Alpi e sotto la città, L'idea di costruire un museo nacque nel 1874 tra i primi membri del Club Alpino Italiano e solo un decennio dopo era già una realtà nella stessa città. Attualmente il museo opera, con una vasta e diversificata attività, sia a livello nazionale che internazionale. Vuole essere un polo culturale che idealmente, in tutti gli aspetti, le montagne di tutto il mondo. Pertanto, seguendo lo scopo proposto, vengono aggiunte mostre temporanee all'installazione del museo fisso. Il museo nacque con orizzonti molto più ristretti, ed ebbe il merito di aumentare e migliorare progressivamente; i punti salienti possono essere brevemente riassunti in una serie ridotta di eventi. In questa prospettiva, all'inizio del 2000, si decide di affrontare una nuova ristrutturazione, proprio di quest'ultima area. L'istituzione ha nuovamente ottenuto il supporto di diverse entità. Tutti i piani sono stati resi accessibili grazie ad un ascensore che sale alla torre di avvistamento, dove è stata aggiunta una terrazza panoramica esterna. È qui che si conclude il nuovo percorso di visita, che idealmente vuole ricordare le origini del museo, nato come punto di osservazione delle montagne. È ciò che si può vedere dalle finestre per presentare i diversi argomenti discussi e la visita si svolge come un'ascesa tra colline e cime che circondano la città, scelta per rappresentare simbolicamente temi come religiosità, comunicazione, turismo e alpinismo, il club alpino italiano, lo sci, gli sport invernali e lo sviluppo sostenibile. La salita termina sulla terrazza, per poter ammirare ad occhio nudo, osservando i 400 chilometri delle Alpi, che prima erano solo stati suggeriti.
Lasciamo il Monte Cappuccini e scendiamo alla Chiesa della Grande Madre di Dio situata ai piedi del Po. Il tempio in stile neoclassico fu costruito per celebrare il ritorno del re Vittorio Emanuele I da casa Savoia nel 1814. Attraverseremo il fiume dal ponte Vittorio Emanuele I e attraverseremo Torino, passando per Plaza Carlina, Piazza Bodoni e Piazza Carlo Felipe, qui entreremo in Via Roma che ci lascerà in Piazza Castello in un solo chilometro, questa via è una delle più importanti del centro storico di Torino, nel mezzo della quale troveremo una delle piazze più importanti, quella di San Carlo. L'arrivo a Piazza Castello, pone fine a questo tour di Torino.
Corazón de Turin

2 commenti

  • Orobe 8-dic-2013

    Estupenda vacaciones

  • Orobe 8-dic-2013

    I have followed this trail  View more

    Estupenda vacaciones

You can or this trail