Scarica

Distanza

101,34 km

Dislivello positivo

38 m

Difficoltà tecnica

Medio

Dislivello negativo

7 m

Altitudine massima

65 m

Trailrank

53 4,3

Altitudine minima

4 m

Tipo di percorso

Solo andata

Coordinate

3596

Caricato

1 gennaio 2018

Registrato

gennaio 2018
  • Valutazione

     
  • Informazioni

     
  • Facile da seguire

     
  • Paesaggio

     
Lascia il primo applauso
1 commento
 
Condividi
-
-
65 m
4 m
101,34 km

Visualizzato 1349 volte, scaricato 44 volte

vicino a Mantova, Lombardia (Italia)

Nell'aria fredda di un giorno di sole invernale (30 dicembre) la ciclovia si svolge prima su strade di campagna e poi sugli argini spesso sterrati con un fango argilloso che si attacca ai parfanghi frenandoci.
Un susseguirsi ordinato di campi coltivati, una pieve romanica, una quercia maestosa, un boschetto di salici, immobile. Così appare il paesaggio attraversato dall’Oglio nel suo tratto finale, prima di immettersi nel Po, dopo un percorso di 280 km.
Uccelli vari, aironi bianchi e cinerini si incontrano lungo i percorsi arginali. A volte il letto del fiume, sempre compreso tra alti argini, si allarga tanto da non farlo più vedere, a volte si stringe e l'acqua è sotto di noi. Imponenti sono le "chiaviche" le opere per sollevare e riportare nel fiume l'acqua delle bonifiche. Ormai siamo vicini al Po ed il paesaggio è tipicamente padano.
La ciclovia dell’Oglio si conclude presso lo scenografico Ponte di Barche di San Matteo delle Chiaviche.
Da qui, noi proseguiremo per un'altra ventina di kilometri fino a Mantova dove pernotteremo. Il giorno dopo, infatti, ripartiremo da qui seguendo la ciclovia del Mincio (parte di Eurovelo 6) per completare il nostro tour a Peschiera del Garda.
Waypoint

Pontevico

Waypoint

Mantova

Waypoint

Ostiano

Waypoint

Ponte di barche (S. Michele alle Chiaviche)

Waypoint

Isola Davarese

Waypoint

Marcaria

Waypoint

Buscoldo

1 commento

  • Foto di Giuseppe Costanzo

    Giuseppe Costanzo 8 lug 2020

    Ho seguito questo percorso  verificato  Vedi altro

    Traccia grandiosa. Percorso segnalato molto scrupolosamente, di aiuto inestimabile per seguire la ciclovia, che purtroppo, in molti punti è carente di segnaletica. Non sarei mai riuscito a orientarmi, se non fosse stato per la traccia messa a disposizione, quindi ringrazio vivamente chi l'ha registrata. Il paesaggio, rispetto alle prime due tappe della ciclovia dell'Oglio, è meno caratteristico, perché si pedala per lo più in aperta campagna, allontanandosi dal fiume. Però alcune piccole località e soprattutto gli ultimi chilometri prima di arrivare al ponte delle barche ripagano ampiamente la fatica.

Puoi o a questo percorso