-
-
2.893 m
2.461 m
0
2,3
4,5
9,09 km

Visualizzato 102 volte, scaricato 1 volte

vicino a Casale San Nicola, Abruzzo (Italia)

Ho messo come difficoltà impegnativo solo perché il percorso l’ho fatto insieme ad una persona esperta e quindi ho considerato solo la componente fisica, altrimenti è solo per esperti. Molti pezzi sopratutto dal bafile al calderone sono molto esposti e non sono attrezzati. Si sale dalla via che porta al bafile fino alla Forchetta Gualersi; in questo tratto se non si soffre di vertigini si sale molto facilmente, ci sono movimenti di secondo grado alpinistico. Passata la forchetta si gira a destra risalendo di circa 5 metri per poi costeggiare la parete nord della vetta orientale per circa 200; in questo punto bisogna prestare estrema attenzione in quanto si cengia inclinata oltre la quale c’e un salto di 100 metri fini alla fine. Qui arrivati alla fine ( non possiamo sbagliarci perché arriviamo in faccia ad una parete) bisogna scendere a sinistra per una piccola gola non attrezzata fino al Calderone; alcuni tratti sono molto esposti, sono presenti delle soste, se quindi si ha una corda per scendere è meglio. Personalmente io e i miei compagni abbiamo disarampicato senza usare corde; se è una delle prime volte però vi consiglio di portarvela. Scesi nel calderone siamo andati in direzione della Sella dei due Corni. Arrivati in questo punto siamo andati verso la via Danesi (via ferrata ) per il Corno Piccolo; l’attacco si trova circa 100 metri sotto la sella. Arrivati in cima si riscende per la via Normale; questa via finisce praticamente alla stessa altezza della via Danesi. Si risale qui alla forcella per poi scendere al rifugio Franchetti. Non metto particolari indicazioni sulla ferrata in quanto comunque è molto bella e attrezzata nei punti più pericolosi

Commenti

    Puoi o a questo percorso