Tempo  6 ore 55 minuti

Coordinate 1925

Caricato 29 agosto 2014

Recorded agosto 2014

  • Rating

     
  • Information

     
  • Easy to follow

     
  • Scenery

     
-
-
1.950 m
1.061 m
0
2,2
4,4
8,73 km

Visto 3635 volte, scaricato 81 volte

vicino Vinca, Toscana (Italia)

Se la Pania della Croce è la Regina delle Apuane, Il Pisanino è considerato il Re. Con la sua quota di 1946 metri risulta la maggiore cima di tutte le Alpi Apuane e raggiungere la vetta per la costola Nord Ovest o Bagola Bianca non è cosa banale. L'ascesa richiede un certo impegno dato che si svolge su terreno a volte infido, molto esposto e con un dislivello in salita e in discesa da non sottovalutare. La partenza e l'arrivo sono dal Rifugio di Val Serenaia da dove senza una traccia ben definita si raggiunge la costola Nord Ovest. Dobbiamo aiutarci con il paleo, erba caratteristica delle Alpi Apuane, stando molto attenti alle insidie che vi si possono celare sotto (rocce instabili e sfasciumi). La cresta risulta molto esposta ed aerea e richiede assenza totale di vertigini, la progressione ci obbliga al superamento di qualche passo di 1° grado UIAA e ci conduce ad una evidente placca di colore marrone-giallo chiaro. Credo che questa sia la chiave dell'ascesa su cui bisogna affrontare un traverso verso destra esposto e con appoggi esigui; è possibile non effettuare il traverso e andare a diritto per lo spigolo ma in questo caso le difficoltà risultano leggermente superiori. Ancora per cresta molto aerea arriviamo alla vetta e qui possiamo convincerci che ne valeva proprio la pena, la vista è decisamente di categoria cinque stelle superiore. Tutti certamente sapranno che una ascensione non finisce sulla vetta ma al punto di partenza per cui occorre affrontare il ritorno che non è per nulla banale anche se lo hanno classificato "via normale al Pisanino" evidenziandolo con segni azzurri. Iniziamo a discendere dal versante Sud verso gli Zucchi di Cardeto e il canale delle rose fino ad arrivare a Foce Altare da dove inizia un traverso esposto sotto il Pizzo Maggiore ed il Pizzo Altare. Si aggirano gli Zucchi di Cardeto e si arriva alla Foce di Cardeto che separa il Pisanino che si trova alla nostra destra con il Monte Cavallo che si trova alla nostra sinistra. Prima della Foce di Cardeto, sulla nostra sinistra, troviamo la buca della neve dove in un grande riparo della parete a forma di inghiottitoio è sempre presente la neve anche in estate. Con il CAI 178 per faggeta e superando alcuni saltini scivolosi ma attrezzati con corda metallica ritorniamo al punto di partenza dopo aver attraversato Val Serenaia. Possiamo allungare il giro e seguire il CAI 179, passare dalla cava 27, dal Rifugio Orto di Donna, dal Rifugio Donegani ed arrivare al punto di partenza al Rifugio di Val Serenaia; noi abbiamo optato per la prima soluzione dato che il motore era andato in "riserva". Conviene partire con una buona scorta d'acqua, cibo energetico da consumare velocemente, abbigliamento e calzature adeguate; NON CONVIENE ASSOLUTAMENTE PARTIRE CON CONDIZIONI METEO INCERTE E INSTABILI.
fotografia

Punto di partenza

fotografia

Monte Pisanino 1946 m

fotografia

Verso la Bagola Bianca

fotografia

Gli Zucchi di Cardeto

fotografia

L'Appennino

fotografia

I canali del Pisanino

fotografia

Verso la Bagola Bianca

fotografia

Pinnacoli lungo il percorso

fotografia

Pizzo d'Uccello con a destra la parete Nord

fotografia

Punto chiave dell'ascensione

fotografia

Ci sono

fotografia

Cresta sommitale

fotografia

Lago di Gramolazzo

fotografia

La Bagola Bianca

fotografia

Sulla Bagola Bianca

fotografia

Sulla Bagola Bianca

fotografia

Sulla Bagola Bianca

fotografia

La cresta percorsa

fotografia

Vista 5 stelle lusso

fotografia

La vetta con ospiti

fotografia

Dalla vetta

fotografia

La Madonnina e il libro di vetta

fotografia

Zucchi di Cardeto

fotografia

Ci sono!

fotografia

Ristorante nepalese

fotografia

Canale delle Rose

fotografia

In discesa

fotografia

Sentiero a sinistra che aggira gli Zucchi di Cardeto

fotografia

Discesa non facile

fotografia

Discesa esposta

fotografia

Verso la Foce di Cardeto

fotografia

Fauna ittica locale

fotografia

Bruco vegetale

fotografia

Salita verso la Foce di Cardeto

fotografia

Buca della neve

fotografia

Foce di Cardeto

fotografia

Monte Cavallo

fotografia

Indicazioni CAI

fotografia

Sorgente

fotografia

Pizzo d'Uccello parete Sud

fotografia

Colori

fotografia

Trancio di tonno al naturale

fotografia

Nella faggeta

fotografia

Bivio fra CAI 178 e CAI 180

fotografia

Vecchio ricovero per animali

fotografia

Cora la cora libera la leora 1923 2001

fotografia

Pizzo d'Uccello e Torre del Diavolo

fotografia

Valle dell'Orto di Donna e dintorni

5 commenti

  • Foto di marumbe24

    marumbe24 7-nov-2018

    ...la Bagola Bianca, la parete NO del Pisanino e la parte che più mi manca dei sentieri che ho fatto sulle Apuane!

  • Foto di topomatto

    topomatto 7-nov-2018

    Ciao umbedumbe, ti auguro di poter colmare questa mancanza. Alcuni hanno giudicato la mia classificazione del percorso (molto impegnativo) eccessiva ma non mi stancherò mai di ripetere che si tratta di un tracciato con delle incognite e insidie nascoste (rocce instabili e sfasciumi che non è dato di sapere se rimarranno al loro posto). Può essere benissimo fatto e molti lo fanno con soddisfazione ma bisogna non avere fretta, essere attenti e riuscire a sentire e prevedere la montagna, senza sottovalutarla. Se voli su un 8b difficilmente ti fai male mentre lo stesso non vale se percorri senza attenzione un ripido sentiero. Buon Cammino.

  • Foto di marumbe24

    marumbe24 7-nov-2018

    Grazie topomatto. Ci penso e come se ci penso prima di affrontare un percorso del genere. E credimi non è nemmeno facile trovare un compagno deciso ad soddisfare e condividere questa avventura. Ho visto che l'hai affrontata da solo?

  • Foto di topomatto

    topomatto 7-nov-2018

    Ho percorso questo anello anche da solo ma questa volta (credo sia l'ultima) ero in compagnia.

  • Foto di marumbe24

    marumbe24 7-nov-2018

    ...bellissime e molto suggestive, le foto lungo il percorso, e rendono bene l'idea anche dell'impegno e del pericolo d'affrontare.

You can or this trail