• Foto di Monti Elefante e Valloni per il Canale a V
  • Foto di Monti Elefante e Valloni per il Canale a V
  • Foto di Monti Elefante e Valloni per il Canale a V
  • Foto di Monti Elefante e Valloni per il Canale a V
  • Foto di Monti Elefante e Valloni per il Canale a V
  • Foto di Monti Elefante e Valloni per il Canale a V

Tempo  3 ore 20 minuti

Coordinate 777

Uploaded 20 gennaio 2014

Recorded gennaio 2014

-
-
2.038 m
1.759 m
0
1,2
2,4
4,8 km

Visto 1036 volte, scaricato 8 volte

vicino Campoforogna, Lazio (Italia)

Salita abbastanza semplice, dal versante S-SW, che in breve porta in cresta e sulle due cime di Monte Valloni e Monte Elefante. Sicuramente d’inverno e’ di maggiore soddisfazione e consente ai neofiti di prendere confidenza con piccozza e ramponi. Comunque, anche se tecnicamente facile, occorre prestare molta attenzione alle abbondanti cornici che caratterizzano gran parte della cresta che dal Valloni, passando per l’Elefante, conduce alla Sella di Pratorecchia. Si parte dal rifugio Angelo Sebastiani (percorribilita’ della strada permettendo) per dirigersi subito a dx sulla strada che, attraversando tutto il versante S-SW delle due cime, conduce a Micigliano. Si procede oltrepassando un costolone che scende dalla cresta fino a giungere nei pressi di una curva a sx, dove e’ possibile scorgere il canale a V che verra’ utilizzato per la salita. Arrivati alla base dell’evidente canale, si prende il ramo sx, piu’ lungo, che sbuca direttamente in cresta. La lunghezza e’ di circa 200 mt con una pendenza stimata, nei tratti piu’ ripidi, intorno ai 40 gradi. Senza problemi, si esce sulla sella tra i due monti. Con la dovuta attenzione alle cornici che coprono il bordo della strapiombante parete N, si passa prima per il Valloni, per poi ritornare alla sella e salire l’Elefante. Il tratto di cresta che segue, in discesa, ci consente di osservare la breve ma difficile (anche in estate) crestina che unisce il Brecciaro con le due vette. La parete N e’ caratterizzata da numerose vie di salita che sfruttano diversi canalini che si insinuano tra le costole rocciose. Una foto d’insieme delle vie e’ disponibile al rifugio Sebastiani, che Maurizio Sola gestisce con vera passione. Terminata la discesa dalla cresta, si incontra il palo segnavia del sentiero 434 (appena percorso) che proviene dall’Elefante. Si cambia direzione (W) e, per pendio, si taglia la strada asfaltata per giungere rapidamente al rifugio. Il giro e’ breve, cosi’ puo’ essere sfruttato il rifugio anche per una bella polenta taragna e per una chiacchierata con Maurizio !

Commenti

    You can or this trail