Tempo  5 ore 35 minuti

Coordinate 1600

Caricato 2 dicembre 2018

Recorded dicembre 2018

-
-
1.705 m
916 m
0
2,7
5,5
10,91 km

Visto 341 volte, scaricato 9 volte

vicino Arni, Toscana (Italia)

Nota: percorso nel complesso EE con un unico punto chiave sulla cresta nord-ovest del monte Fiocca. Ho scelto di mettere alpinismo come attività, principalmente per dissuadere gli escursionisti della domenica. Ma scegliendo alpinismo, il livello è senza dubbio F, senza necessità di attrezzatura particolare.

Partenza dal parcheggio di Arni (circa 15 posti auto) seguendo il sentiero 155 per il rifugio Puliti (1000 m s.l.m.).

La salita al rifugio è breve e non presenta difficoltà particolari. Qui si può decidere di fare una deviazione (circa mezz'ora tra andata e ritorno) per vedere la "Madonna del cavatore". La nostra direzione sarà comunque lungo il sentiero 155 (Luca Savoja).

A cinque minuti circa dal rifugio si trova il crocevia 155/31. Noi proseguiamo per il 155 e da qui si comincia a salire nel bosco in maniera decisa e sfiancante sino al waypoint "Fine salita". Si tratta di una salita veramente tosta!

Usciti dal bosco bisogna camminare ancora un po' prima di incontrare lo "Schienale dell'Asino" (1377 m s.l.m.) dove il 155 si innesta nel 150.

Seguiamo quindi direzione "Passo Sella" per un bellissimo sentiero che tira dritto al Macina, prima di aggirarlo sulla destra e sbucare sulla carrabile. La prima parte in particolare, quella che dallo Schienale arriva al Macina, è in cresta - la cresta del Vestito - ed è veramente bella e divertente. Prettamente rocciosa e a volte esposta.

Sbucati sulla carrabile bisogna salire su di essa per circa dieci metri, poi sulla destra ricomincia il sentiero che in una decina di minuti porta a passo Sella (1500 m s.l.m.). Si comincia a vedere benissimo la cresta nord-ovest del Fiocca, con le sue gobbe.

Abbandoniamo il sentiero 150 in favore del 144, che seguiremo per circa una ventina di minuti, prima che questo si stacchi dalla cresta e cominci a scendere. Qui comincia l'unico tratto non segnato di tutto il percorso.

La cresta continua ad essere larga e si affronta senza problemi sino a quello che ho segnato come "Punto chiave". Si tratta di un pezzo di cresta stretto ed esposto da entrambi i lati che porta ad un piccolo spiazzo, sempre abbastanza esposto, con una parete di sei/sette metri e una roccia inziale di circa due metri che va superata. La difficoltà tecnica è bassa, il primo salto di al più II° e poi i restanti metri in I°. Ma l'esposizione mette in circolo l'adrenalina, assicurato!

Superato il punto chiave il resto della cresta è nuovamente tranquilla sino in vetta (1714 m s.l.m), da cui la vista sulla Apuane è a 360°, con il Sumbra a portata di mano!

Come sentiero di discesa si segue la cresta est, segnata CAI. Dopo circa dieci minuti ritroviamo il 144 e lo seguiamo in direzione del Sumbra. Qui comincia un breve tratto simpatico che attraversando dei lastroni di roccia porta a passo Fiocca (1550 m s.l.m.).

Non resta che seguire il lungo sentiero 144 che porta dapprima al bosco Fatonero con un paio di tratti attrezzati con cavi di al più tre metri e poi, con una ripida e stancante discesa, nuovamente al parcheggio di Arni.
Crocevia 31, 33 e 155
Crocevia 144/145 (ferrata Malfatti)
Crocevia 144, 145, 150 e 31
Crocevia 150, 155

Commenti

    You can or this trail